BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mostri sacri e attori tv alla prova del palcoscenico I cartelloni del Donizetti

Presentata nella mattina di lunedì 21 luglio al Teatro Donizetti la Stagione di Prosa, Altri Percorsi e Operetta del Teatro Donizetti, alla presenza dell'Assessore alla Cultura, Expo e Turismo Nadia Ghisalberti, del Direttore del Teatro Donizetti Massimo Boffelli e del Direttore artistico Luigi Giuliano Ceccarelli.

La grande tradizione teatrale di tutti i tempi, i nomi che hanno fatto e che fanno grande la storia del teatro italiano, mostri sacri della scena teatrale contemporanea, attori televisivi alla prova del palcoscenico: è ai blocchi di partenza la Stagione di Prosa e Altri Percorsi che il Teatro Donizetti presenta al proprio pubblico per l’anno artistico 2014-2015. Ancora una volta si conferma la scelta di articolare la Stagione in Prosa “maggiore”, da un lato, e Altri Percorsi, dall’altro.

Altresì confermata la scelta, operata negli ultimi anni di collocare parte della stagione di Altri Percorsi al Teatro Sociale. Tradizionale il numero dei titoli della Stagione di Prosa, 9 come in passato. (LEGGI QUI)

Saranno 5 i titoli (LEGGI QUI) degli Altri Percorsi 2014-2015 che, come detto poc’anzi, collocati in parte al Teatro Sociale di Città Alta, andranno a legarsi all’ampia ed altrettanto articolata serie di eventi e rassegne, che hanno trovato sede nello stesso Sociale, divenuto Casa delle Arti. Con il pensiero rivolto al proprio pubblico, certamente uno dei punti di forza del Donizetti, che da sempre segue le Stagioni del nostro maggior Teatro, l’Assessorato alla Cultura e Spettacolo del Comune di Bergamo e la Direzione Artistica hanno voluto costruire, anche per il 2014-2015, un cartellone capace di coniugare la grande tradizione del teatro classico ora con le novità che l’agone teatrale del momento offre, ora con le possibilità offerte dal linguaggio teatrale di declinare in modo nuovo, originale, contemporaneo i grandi testi di quella stessa tradizione. Nove, come s’è detto, i titoli della Stagione di Prosa “maggiore”.

Di questi, otto saranno spartiti a dittico, a comporre i due Carnet Blu (L’importanza di chiamarsi Ernesto, Le sorelle Macaluso, Don Giovanni e La dodicesima notte) e Verde (La scuola, Enrico IV, Sarto per Signora e Il bell’Antonio); Carnet pensati per rispondere alle richieste e agli interessi di un pubblico che va vieppiù diversificandosi. Cinque, come si diceva, i titoli della nuova stagione di Altri Percorsi, due dei quali gli spettatori potranno scegliere di inserire nei Carnet “misti” Blu e Verde Plus, che abbineranno quattro titoli della Stagione di Prosa (come indicato sopra) a due titoli appunto della rassegna Altri Percorsi (L’invenzione della solitudine e Orchidee).

Infine il tradizionale abbonamento Fedeltà che permetterà agli “storici” abbonati del Donizetti di assistere a tutti gli spettacoli in cartellone. Previsto, naturalmente, anche un abbonamento all’intera stagione di Altri Percorsi.

L’OPERETTA

Non poteva mancare la Stagione di Operetta, seguita negli anni con affetto e interesse crescenti da parte di un pubblico sempre più folto. Tre i titoli in cartellone, tutti celeberrimi, Tè per due (No, no, Nanette), Frasquita, Il paese del sorriso, in programma, come sempre, a partire dal 31 dicembre. (LEGGI QUI)

Se per accedere alla serata dell’ultimo dell’anno è previsto il solo acquisto di biglietti, gli spettacoli programmati in orario pomeridiano, fin dall’1 gennaio 2015, sono legati tra loro, come in passato, anche dalla possibilità di un abbonamento stagionale.

IL DIRETTORE DEL TEATRO DONIZETTI

S’inaugura a dicembre la nuova stagione di prosa e come consuetudine si parte con un grande testo, Riccardo III di Shakespeare. Il sipario si aprirà il 2 dicembre con Alessandro Gassmann e chiuderà il 19 aprile con un altro spettacolo di Shakespeare per la regia di Carlo Cecchi; inaugurazione e termine della stagione come doveroso riconoscimento alla ricorrenza del 450° compleanno del grande drammaturgo. Un’edizione della stagione di prosa comprendente ancora 9 spettacoli per 6 turni, accompagnata dallo sforzo di offrire una programmazione varia e ricca di suggestioni diverse, nello spirito di un teatro aperto a tutti, presentando un cartellone molto diversificato al fine di garantire un’offerta il più possibile composita e che, nel solco delle passate edizioni e della lunga e importante tradizione che ha sempre dato valore alla prosa, si prefigge di soddisfare ancora le aspettative del numeroso pubblico che ci ha sempre sostenuto convintamente.

Quest’anno seguirà immediatamente dopo l’inaugurazione della prosa maggiore l’inizio della rassegna di Altri Percorsi che si dividerà, come ormai consuetudine degli ultimi anni, tra il Teatro Donizetti e il Teatro Sociale a dimostrazione della molteplicità di importanti spazi a vocazione culturale presenti nella nostra Città; spazi che l’Assessorato intende valorizzare.

Si rinnova inoltre ancora l’ormai tradizionale appuntamento con la rassegna di operetta che da quando nel corso del 2005 è tornata in programmazione al nostro Teatro sta riscuotendo un grande successo di pubblico e che vede anche per questa edizione rappresentati sul palcoscenico tre celebri titoli; si aprirà con un fuori abbonamento il 31 dicembre, per festeggiare insieme al pubblico il nuovo anno, con Te’ per due (no, no Nanette), un grande musical messo in scena dalla compagnia Abbati, forte di un successo internazionale, che torna sulle scene italiane dopo le tante riprese sui palcoscenici di mezzo mondo: da Broadway a Londra, da Sidney a Berlino. Si replicherà, in abbonamento, inaugurando la stagione l’1 gennaio.

Seguiranno rispettivamente il 25 gennaio Frasquita, una delle più riuscite opere lehariane dei suoi ultimi anni e in chiusura la nota operetta Il paese del sorriso forse dopo La vedova allegra la più celebre delle composizioni di Franz Lehár. Si rinnovano anche per questa edizione le collaborazioni con altre istituzioni pubbliche e private, tra cui l’Università di Bergamo per il progetto giovani, e con gli enti privati che da sempre ci sostengono. Colgo quindi l’occasione per ringraziare in modo particolare la Fondazione Credito Bergamasco e la Camera di Commercio. Colgo anche l’occasione per ringraziare i sempre nostri fedeli abbonati che sono certo contribuiranno anche quest’anno al successo che ci auguriamo accompagnerà la nostra stagione. Per quanto riguarda le tipologie di abbonamento anche quest’anno si potrà avere l’opportunità di scegliere la forma che più si adatta ai propri gusti ed esigenze.

I prezzi degli abbonamenti restano invariati così come quelli dei biglietti a dimostrazione della consapevolezza delle difficoltà che lo spettatore oggi incontra nel dover scegliere di andare a teatro. Nella speranza di aver incontrato le aspettative del pubblico, auguro una partecipazione intensa e ricca di emozioni a teatro per realizzare un’ottima stagione e poter soddisfare il nostro affezionato pubblico.

Massimo Boffelli

Direttore Teatro Donizetti

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da non sia…!!!!

    Non era già stata presentata? Cos’è Sartirani bis?!?