BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Omicidio di Eddy Castillo a Chignolo: Comi condannato a 20 anni

Il corpo del 26enne, originario di Santo Domingo e da anni residente ad Almenno San Bartolomeo, era stato trovato accanto alla cabina dell’Enel in via Bedeschi, nella zona industriale di Chignolo d’Isola, a poco più di duecento metri, dal punto dove un mese dopo fu scoperto il cadavere di Yara Gambirasio.

Vent'anni di reclusione per Nicola Comi, l'operaio 32enne di Carvico in carcere da più di un anno per l'omicidio di Eddy Castillo. La sentenza di primo grado è stata emessa martedì 15 luglio.

L’omicidio risale alla notte tra il 15 e il 16 gennaio del 2011. Il corpo del 26enne, originario di Santo Domingo e da anni residente ad Almenno San Bartolomeo, era stato trovato accanto alla cabina dell’Enel in via Bedeschi, nella zona industriale di Chignolo d’Isola, a poco più di duecento metri, dal punto dove un mese dopo fu scoperto il cadavere di Yara Gambirasio.

L'operaio di Carvico era stato individuato attraverso il Dna trovato sotto le unghie della vittima e su un mozzicone di sigaretta. Prima dell'omicidio il 32enne era stato ripreso dalle telecamere della discoteca "Sabbie mobili" mentre si allontanava con Castillo. Gli inquirenti, partendo proprio da quelle riprese, avevano fatto il test a tutti i clienti del locale, convinti di poter dare un nome e un cognome all'uomo accusato di aver tolto la vita al 26enne dominicano. E così è stato: i risultati ottenuti dal test di Comi confrontati alle tracce scoperte sul cadavere hanno portato alla svolta del caso. Anche se l'imputato, dietro alle sbarre dal 2013, si è sempre dichiarato innocente. Per lui il pm aveva chiesto 30 anni senza attenuanti.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.