BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Non approvato il Pgt, per 4 Comuni bergamaschi pronto il commissario

Approvazione del piano di governo del territorio: il tempo è scaduto. Quattro Comuni bergamaschi rischiano il commissariamento per non avere approvato il piano che regola tutte le destinazioni urbanistiche del territorio. Si tratta di Ornica, Piazzolo, Serina e Vedeseta. I sindaci delle quattro amministrazioni sono già stati convocati in Regione Lombardia per l'avvio della procedura di commissariamento “ad acta, per mancanza di rispetto dell'approvazione del Pgt, come da legge regionale 1/2013”.

Approvazione del piano di governo del territorio: il tempo è scaduto. Quattro Comuni bergamaschi rischiano il commissariamento per non avere approvato il piano che regola tutte le destinazioni urbanistiche del territorio. Si tratta di Ornica, Piazzolo, Serina e Vedeseta. I sindaci delle quattro amministrazioni sono già stati convocati in Regione Lombardia per l'avvio della procedura di commissariamento “ad acta, per mancanza di rispetto dell'approvazione del Pgt, come da legge regionale 1/2013”. Il testo parla chiaro: l'ultima proroga per il via libera definito è stata fissata dal Consiglio regionale al 30 giugno 2014. Da qui a due mesi, dopo la prima diffida, verrà nominato un commissario che disporrà degli uffici tecnici comunali e regionali di supporto nonché dei poteri per completare la procedura di approvazione del piano. 

DIFFIDE Ornica, Piazzolo, Serina e Vedeseta potrebbero non esercitare una delle principali funzioni politiche in capo alle amministrazioni, ma anche altri Comuni bergamaschi non se la passano bene. Chi ha già adottato il Pgt, ma non l'ha ancora approvato, vedrà ricevere una pesante diffida che comporta l'esclusione dall’accesso al patto di stabilità territoriale per l’anno 2014 (tradotto: niente soldi per progetti)  e l'introduzione di un indicatore molto negativo nell’indice di virtuosità. Si tratta di Bedulita, Carobbio degli Angeli, Castelli Calepio, Cusio, Gandellino, Gorno, Monasterolo Del Castello, Piazzatorre, San Pellegrino Terme, Santa Brigida (alcuni di queste amministrazioni hanno approvato nelle ultime settimane, ma la comunicazione non è stata ancora ratificata da Regione Lombardia). Molti di questi Comuni hanno poche risorse finanziarie per ingaggiare urbanisti, architetti, paesaggisti. Altri invece sono semplicemente in ritardo sulla tabella di marcia. Il risultato è però lo stesso: niente soldi dalla Regione per realizzare progetti importanti per il territorio e squalifica nell'indice di virtuosità.

INFOGRAFICA IN ALTA RISOLUZIONE

CORREZIONE - A differenza di quanto comunicato da Regione Lombardia, Castelli Calepio, Santa Brigida e Gorno hanno approvato il pgt definitivo. Lenna ha provveduto all'approvazione, ma non è stata ancora ratificata dal Burl regionale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Claudia

    Castelli Calepio ha approvato il PGT a Gennaio 2014.
    Sarebbe meglio verificare le informazioni prima di pubblicarle.

  2. Scritto da temistocle

    è anche vero che molti di questi comuni, probabilmente, hanno bilanci talmente bassi che non hanno potuto affidare l’incarico di estensione del PGT (dando per scontato che non hanno sicuramente un ufficio tecnico adeguato ad una progettazione così importante).

  3. Scritto da Gabri

    GORNO HA IL PGT APPROVATO DA OLTRE 2 MESI.

  4. Scritto da Mario

    Facili polemiche a parte si nota che la gran parte dei comuni inadempienti, in toto o in parte, sono molto piccoli e quindi in forte difficoltà ad adempiere ad obblighi sempre più complessi e articolati.
    Forse sarebbe ora che si facesse strada l’idea di accorpamenti amministrativi.

  5. Scritto da Giggi

    Finalmente delle punizioni ai politici pigroni

    1. Scritto da roberta

      Verissimo, e concordo con te.
      L’unico problema è però che l’obbligo del PGT risale al 2005, quindi in questi comuni inadempienti ci sono già state due tornate elettorali; ci sono casi di “politici pigroni” che non hanno fatto niente per nove anni, e adesso da un mese gli sono subentrati nuovi amministratori che saranno chiamati a pagarne le colpe.