BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rogers si prende lo Zoncolan Quintana il Giro 2014 Aru è splendido terzo

Michael Rogers ha vinto la 20esima tappa del Giro d'Italia con partenza da Maniago e arrivo in vetta allo Zoncolan: Quintana legittima invece la vittoria della 97esima edizione della corsa rosa, precedendo, anche nella generale, Uran e Aru.

Più informazioni su

A Rogers lo Zoncolan e a Quintana il Giro d’Italia: la ventesima tappa della corsa Rosa restituisce questi verdetti e, se il nome del vincitore di tappa è una sorpresa, non lo è quello del vincitore della 97esima edizione del Giro.

Dato tra i favoriti della vigilia, in virtù di quanto messo in mostra al Tour de France dello scorso anno, Quintana non ha disatteso le aspettative e, superato qualche guaio fisico delle prime settimane, si è scatenato sulle Alpi dimostrando di essere in assoluto il più forte.

Passo del Pura, Sella Razzo e Monte Zoncolan: le tre cime terribili della ventesima tappa del Giro d’Italia, partita da Maniago, sono state il teatro dell’ennesimo spettacolo di questi ultimi tre giorni di corsa Rosa.

Al chilometro otto si stacca dal gruppo un drappello di 19 corridori: Arashiro, Belkov, Bongiorno, Bookwalter, Cataldo, Cattaneo, Domont, Geschke, Hondo Monfort, Monsalve, Pellizzotti, Preidler, Roche, Jackson Rodriguez, Rogers, Serry, Tjallingii e Zoidl ma in seguito rientreranno sui fuggitivi anche Chalapud, Wellens e Zardini.

Cataldo passa per primo al Passo del Pura e su Sella Razzo, consolidando la sua seconda posizione nella speciale classifica degli scalatori dietro all’irraggiungibile Arredondo, ma tutti gli occhi sono sul gruppo maglia rosa dove, già dalla seconda ascesa di giornata, Rolland, con il compagno Sicard, Majka e Pozzovivo iniziano a movimentare la situazione.

Ma è solo ad Ovaro, ai piedi di sua maestà lo Zoncolan con i suoi 10 chilometri infernali, che la corsa esplode: sulle prime rampe Quintana e i Movistar fanno l’andatura sgretolano il gruppo, soprattutto per merito del ritmo imposto da Anton che impedisce a chiunque di impensierire la maglia rosa. Quando è Poels a fare il forcing resistono, però, solo il suo compagno di squadra Uran e Quintana, mentre Aru, Pozzovivo, Majka e Rolland si staccano.

A darsi battaglia nel finale rimangono solo i primi due della generale che sul traguardo precedono Aru. La vittoria di tappa va invece a Michael Rogers: l’australiano della Tinkoff Saxo si guadagna la vetta di “Kaiser Zoncolan” e bissa il successo di Savona: alle sue spalle un infinito Franco Pellizzotti e lo sfortunato Francesco Manuel Bongiorno, vittima di un incredibile incidente con un tifoso.

Finita la fatica dello Zoncolan Nairo Quintana può finalmente festeggiare: la novantasettesima edizione del Giro d’Italia è sua. Sul podio della corsa rosa salgono anche Rigoberto Uran, secondo anche nella passata edizione, e uno strepitoso Fabio Aru, che ha entusiasmato i tifosi italiani e ha fatto sperare fino all’ultimo nell’impresa.

Classifica 20^ tappa (Maniago-Zoncolan)

1. Michael Rogers (Aus) – Tinkoff Saxo – 4:41:55

2. Franco Pellizzotti (Ita) – Androni Giocattoli Venezuela – a 38”

3. Francesco Manuel Bongiorno (Ita) – Bardiani Csf – a 49”

4. Nicholas Roche (Irl) – Tinkoff Saxo – a 1’35”

5. Brent Bookwalter (Usa) – Bmc – a 1’37”

6. Robinson Chalapud Gomez (Col) – Team Colombia – a 1’46”

7. Georg Preidler (Aut) – Giant Shimano – a 1’52”

8. Maxime Monfort (Bel) – Lotto Belisol – a 2’12”

9. Dario Cataldo (Ita) – Sky – a 2’24”

10. Simon Geschke (Ger) – Giant Shimano – a 2’37”

Classifica generale

1. Nairo Quintana (Col) – Movistar – 83:50:25

2. Rigoberto Uran Uran (Col) – Omega Pharma Quickstep – a 3’07"

3. Fabio Aru (Ita) – Astana – a 4’04"

4. Pierre Rolland (Fra) – Europcar – a 5’46"

5. Domenico Pozzovivo (Ita) – Ag2r – a 6’41"

6. Rafal Majka (Pol) – Tinkoff Saxo – a 7’13"

7. Wilco Kelderman (Ned) – Belkin – a 11’09"

8. Cadel Evans (Aus) – Bmc – a 12′

9. Ryder Hesjedal (Can) – Garmin Sharp – a 13’35"

10. Robert Kiserlovski (Cro) – Trek Factory Racing – a 15’49"

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cris

    Complimenti a tutti i ciclisti del giro . Fra freddo e neve e pendenze da brividi hanno dato un gran spettacolo. Per i giocatori della nazionale imparate da loro a fare sacrifici .w il giro

  2. Scritto da emilio

    bella impresa per ROGERS
    ma la cosa più memorabile l’ha fatta quel pirla con la maglia di campione dei pirloni facendo quasi cadere BUONGIORNO chi lo sa forse avrebbe potuto vincere lui la tappa ricomplimenti al pirla