BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La ciclabile del Morla è chiusa da mesi: perché nessuno si muove?”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore, Antonello Consoli, che vuole denunciare la chiusura della bellissima pista ciclabile Greenway del Morla, ferma dai primi giorni di febbraio per uno smottamento: "All'aeroporto i lavori sono stati compiuti in tempi record - precisa il nostro lettore -, perché qua non si muove nessuno?".

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore, Antonello Consoli, che vuole denunciare la chiusura della bellissima pista ciclabile Greenway del Morla, ferma dai primi giorni di febbraio per uno smottamento: "All’aeroporto i lavori sono stati compiuti in tempi record – precisa il nostro lettore -, perché qua non si muove nessuno?".

Ecco la lettera.

 

Bene, bravi, bis, verrebbe da dire leggendo la notizia dei lavori a tempo di record compiuti all’aeroporto cittadino per il rifacimento-lampo della pista. Quando ci sono di mezzo tanti soldi e molti interessi privati le opere, le grandi opere, si iniziano e concludono a tempo di record. Peccato che invece le piccole opere ad utilità esclusivamente pubblica restino incompiute per molti mesi. Mi riferisco alla chiusura del tratto della (bellissima) pista ciclabile Greenway del Morla. Il tratto tra Valtesse e la fantastica Conca di Valmarina è chiuso da mesi per un piccolo smottamento. I bergamaschi sono così privati della possibilità di godere delle bellezze naturalistiche ed artistiche della nostra città utilizzando un percorso sicuro e lontano dall’inquinamento e dai rumori. E lo stesso vale per i turisti e i forestieri che vorremmo frequentassero sempre di più la nostra terra.

Peccato, con la bella stagione ormai iniziata, dover rinunciare a questa piccola opera pubblica dove non servono molti milioni di euro, ma solo la buona volontà dei nostri amministratori. Ma non è un controsenso avere uno dei più efficienti aeroporti in Europa e poi non saper valorizzare le nostre ricchezze, anche quelle già belle e pronte, dove basterebbe un po’ di normale manutenzione? EXPO, EXPO… dovremmo aspettare le lungaggini e le ruberie di questa opera faraonica per riavere 50 metri di pista ciclabile?

Ringrazio per l’attenzione e porgo cordiali saluti,

Antonello Consoli

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mark

    andate a piedi in città che vi fa bene o in città alta a respirare l’aria sana che giunge dall’Isola e da Orio, vivrete a lungo

  2. Scritto da fabietto78

    Invece di fare proclami del prolungamento della ciclabile fino ad Astino converrebbe sistemare il bello che già è presente. se non si riescono asistemare 50 metri di ciclabile il prolungamento è da campagna elettorale

  3. Scritto da Geppo

    Fuori di testa…..

  4. Scritto da Luigi

    Certo che ce ne vuole di coraggio e fantasia per comparare l’aeroporto/expo con la greenway! ma come siete messi?

    1. Scritto da rispetto delle leggi

      Noi bene grazie. E’ chi sostiene l’illegalità che forse ha qualche problema. Nei paesi civili si preoccupano più delle greenway che degli aeroporti (vedi la Svizzera) e soprattutto non li fanno in centro città gli aeroporti, preferiscono le piste ciclabili o i parchi (vedi Berlino).
      E non ci vuole molto coraggio o fantasia, basta un po’ di senso civico (e di intelligenza per capire che se massacri le persone non vai molto lontano neppure economicamente),

  5. Scritto da tex

    A quelli che confrontano l’aereoporto alla ciclabile mi fanno solo pena e sorridere e consiglio di chiamare lo 035 254879 è un’ottimo psicoterapeuta. Piuttosto voglio far presente che abbiamo la nostra personalissma salerno reggio calabria, nel rondò di monterosso. ….Elio paramatti avrebbe già risolto il problema e nel tempo perso avrebbe fatto bretella per scavalcare boccaleone e

    1. Scritto da usiamo il cervello

      immagino che tu sia già in cura… Per fortuna c’è ancora qualcuno che pensa alla salute invece che a ingrassare i soliti noti…

  6. Scritto da Enrico

    Anche i componenti in LEGNO (ponticelli, staccionate, etc…) delle ciclabili è ovvio che marciscano sotto le intemperie. E’ una spesa continua e sciocca… ma tanto mica pagano i progettisti… Basterebbe usare altri materiali.

  7. Scritto da gigi

    Forse perchè l’aeroporto porta clienti all’Oncologia mentre la pista ciclabile ne toglie qualcuno???

    1. Scritto da Luca

      Sei nel 2014…però puoi sempre ritirarsi a vivere in cima alla valle imagna, vivi in una caverna, bevi l acqua del fiume, fai un po’ di caccia per nutriti e fuoco per scaldarti…

      1. Scritto da gigi

        Infatti quelli che a Berlino hanno chiuso un aeroporto per farne un parco si sono ritirati tutti nella foresta nera, Francoforte che ha chiuso ai voli notturni, e la Svizzera che fa a meno di Ryanair sono tutti all’età della pietra…. Fammi sapere quando ti ricoverano in Oncologia che vengo a trovarti e ti porto un bell’ aeroplanino (e una grammatica della lingua italiana).

        1. Scritto da luca

          mentre tu straparli di oncologia connessa all’aeroporto…io e altri 8 milioni di passeggeri visitiamo l’Europa con 50 euro…tu stai pure sulla cicabile di valtesse a fare filosofia, io preferisco andare a Parigi, Barcellona, Londra, Berlino…pedala pedala…

          1. Scritto da usiamo il cervello

            Straparlo di Oncologia connessa all’aeroporto? Io ci sono stato in oncologia e un primario mi ha detto che debbo ringraziare l’aeroporto per la mia malattia. Oltre a visitare l’Europa, fatti una visitina sul sito dell’OMS e vedrai chi straparla….Cmq mi auguro di incontrarti presto in oncologia, vedrai che forse rimpiangerai di non aver pedalato (gratis)

          2. Scritto da Riccardo

            Non straparla di oncologia, spiegami tu che viaggi e che conosci le lingue perché Bergamo è una delle città con uno dei numeri più alti di tumori.

  8. Scritto da gongolo

    pero’ abbiamo la pista nuova all’ aeroporto !!!!!!!

    1. Scritto da Luca

      E vorrei ben vedere…interessa e serve di più un aeroporto dove transitano 20.000 persone al giorno o la pista ciclabile???

      1. Scritto da carlo

        E vorrei ben vedere…. Copenhagen ha 350 km di piste ciclabili, perchè prima si fanno le strutture vicine al cittadino, che aumentano la vivibilità e diminuiscono i costi della comunità. Poi si fanno le mega strutture. Dimenticavo: pare che il Nord Europa sia fuori dalla crisi economica !!!

  9. Scritto da Paolo

    Giustissima considerazione. Una giunta cui non interessa assolutamente la mobilità dolce (ricordate cosa fecero appena insediati? tolsero la ciclabile di V.le Giulio Cesare e quella di Viale Papa Giovanni). Speriamo che la musica cambi presto. Spazziamoli via!!

    1. Scritto da usiamo il cervello

      O forse non ti ricordi che Bruni ha riaperto la via per Orio, che doveva essere una Zona 30 riservata ai mezzi pubblici e alle biciclette ed è diventata un “asse di penetrazione” (in mezzo al quartiere e coi marciapiedi non a norma!!!) e si è “dimenticato” per tre anni di attivare le telecamere di rilevazione??? Però in compenso ha lasciato sviluppare in modo illegale l’aeroporto nonostante il suo assessore avesse sottoscritto il limite di sviluppo…

      1. Scritto da Narno Pinotti

        Non ho seguito le promesse mancate di Bruni, ma mi perdoni: via per Orio, per com’è messa ora, è un diretto e rapido collegamento fra l’asse interurbano e la circonvallazione. Il mago Zurlì poteva anche promettere di farne l’orto più lungo d’Italia, ma era ovvio che sarebbe stata qualcos’altro. Chiudere gli occhi di fronte all’evidenza non fa mai bene. Se mai, si può renderla a senso unico in entrata, per allargare i marciapiedi; ma chiuderla? Via!

        1. Scritto da usiamo il cervello

          forse Lei non abita a Bergamo. Via per Orio è GIA’ CHIUSA (con tanto di cartello e telecamere non attivate) ed è stata chiusa in base ad un preciso accordo politico a seguito del raddoppio dell’Oriocenter (Provincia e Comune, non Mago Zurlì) ma forse Lei è una delle migliaia di persone che per non fare 100 mt. in più e passare dalla bretella su via Zanica entrano abusivamente. Il collegamento tra Asse Interurbano e Circonvallazione è la rotatoria dell’Autostrada.

  10. Scritto da vota Gori vota Gori vota Gori

    credo che se tutti votiamo Gori in 2 mesi risolve questo problema, inoltre sposta l’aeroporto, lo stadio, riempie gli ex riuniti, trasforma la Montelungo…dicono che fa anche volare gli asini!

  11. Scritto da Nicola

    più o meno dallo stesso periodo segnalo la chiusura della circonvallazione, nel silenzio più totale, qualora le autorità competenti non se ne fossero accorte

  12. Scritto da Gigi

    È un vero peccato che ciclisti e pedoni non possano usufruire di un pezzo dell’unica ciclabile urbana degna di essere chiamata tale. Consoliamoci: bergamo è la città della cultura

  13. Scritto da ellekappa

    Probabilmente non interessa l’assessore ai lavori pubblici, li’ non c’è niente da inaugurare !!!!