BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Mondiale di Enduro sfida le polemiche e fa tappa in Val Seriana

A buon punto l'organizzazione della tappa dell'anno prossimo, negli ultimi giorni è nata anche l'idea del 2014, al posto del granpremio del Messico saltato per motivi logistici. Il circuito dovrebbe toccare 26 comuni tra l'alta Valle Seriana e il lago d'Iseo

Più informazioni su

Farà tappa a Bergamo il mondiale di Enduro. Quasi certamente nel 2015, e forse anche quest’anno. Più forte delle polemiche dei gruppi ambientalisti legate a questo sport, sulla deturpazione di boschi e sentieri provocata dal passaggio delle motociclette.

Mentre è a buon punto l’organizzazione della tappa dell’anno prossimo, negli ultimi giorni è nata anche l’idea del 2014. Dopo che, a causa delle difficoltà logistiche ed economiche, è stato ufficialmente cancellato il granpremio del Messico, un gruppo di amici imprenditori e professionisti bergamaschi del Moto Club Bergamo, si è offerto per organizzare il granpremio in terra bergamasca intorno ad agosto.

La trattativa con la federazione è ancora agli inizi, ma considerate le capacità organizzative del Moto Club bergamasco, ben note in tutto il mondo, l’idea potrebbe concretizzarsi. Da limare i dettagli relativi ai costi e ai permessi.

Già disponibile un percorso, in alta Val Seriana, prove speciali e sede logistica per organizzare la gara (che prenderà il nome di GP d’Europa, o del Nord Italia, o della Lombardia). Considerato il poco tempo mancante all’evento, però, resta aperta la possibilità di sostituire il granpremio del Messico saltato allungando a quattro giorni una delle gare (che si svolgono su due giornate) in programma da qui alla fine del campionato.

Vicina al traguardo invece l’organizzazione della granpremio del 2015, con il circuito già individuato e che dovrebbe toccare 26 comuni tra l’alta Valle Seriana e il lago d’Iseo. La data, ancora definire, dovrebbe essere intorno a giugno. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Massimo Sironi

    Ecologisti parlatemi dei milioni di metricubi spostati a Foppolo e del vs complice silenzio????? dove eravate o siete anche voi come il Cai e Regazzoni sciatori e allora silenti!!!! e la pista di discesa con curve sopraelevate in manufatto???? va bene cosi………coerenza mai|||

  2. Scritto da Lego

    non so se lo sapete ma ero presente alla gara e un ragazzo penso si tranciato le dita in moto :(

    1. Scritto da Massimo

      Lego sei mal informato e ti diffido a divulgare false informazioni………………se cerchi il sensazionale prima informati!!!!!

  3. Scritto da luc

    http://www.poliziadistato.it/articolo/view/10518/

  4. Scritto da Massimo

    Magari ! Ricordo a tutti che l’indotto che ne deriva aiuta un sacco di gente a sostenere la propria Azienda e che dentro ci lavorano persone . Noi siamo ecologisti e facciamo di tutto per non inquinare ma cosa c’entrano i sentieri che senza bici,moto, e cavalli non si saprebbe nemmeno che esistano. E se si faranno eventuali danni ,basta farli riparare.

    1. Scritto da Flavio

      Ottima osservazione e punto di vista.
      I sentieri a cosa servono se non per transitare con i suddetti mezzi a motore e non ?? A piedi si può benissimo passare ovunque senza che ci sia il sentiero. Quindi che la smettano questi ‘finti’ amanti del Mondo a piedi di ‘rompere’…

      1. Scritto da GL76

        I proprietari di immobili o terreni possono già passare in moto sui sentieri. Ma per il resto i sentieri sono considerati facenti parte di ambienti naturali, ecosistemi delicati dove vivono animali e piante oggetto di tutela. Quindi si tende a evitare che mezzi rumorosi e di forte impatto sul terreno (vedi l’escavazione ad opera delle ruote) portino il caos, che purtroppo abbiano nei nostri paesi, anche in questi luoghi. Comunque le assicuro che esistono anche veri amanti del mondo a piedi.

      2. Scritto da Matteo

        Credo sia interessante approfondire come il CAI sia arrivato a costruire un “rifugio” sotto al Resegone, costruendo una strada per arrivarci in macchina?Più che un rifugio hanno fabbricato la sede della sottosezione Val Imagna,per fare quattro chiacchere e bere del buon vino era necessario edificare strada e rifugio?E gli ambientalisti niente da dire?E poi a 20 minuti ci sono altre 2 ottime strutture private, che cercano di vivere di montagna.Insomma cemento sì, moto no!

  5. Scritto da Arturo

    Sono contento che una manifestazione sportiva di livello mondiale venga svolta in terra bergamasca. Del resto è solo l’enduro che ha internazionalizzato(a livello sportivo)la provincia di Bergamo,con le sue storiche “Valli Bergamasche”,prove di campionato europeo e mondiale.Se gli sportivi bergamaschi aspettassero eventi mondiali dal calcio e dal ciclismo…Sono moltissimi i titoli internazionali vinti dai piloti bergamaschi.Ecologia non è smuovere un po’ di terra e sassi,è ben altro.

  6. Scritto da GL76

    Non sempre nel nostro Paese chi vince una causa ha ragione. Io comunque non so bene nello specifico come è andata nei casi contestati al Moto Club di Bergamo, ma ho visto più volte come si presenta il terreno subito dopo i giorni di gara (a Bergamo e altrove): devastato! Speriamo facciano queste gare in un luogo idoneo, e che non arrechino danni a sentieri e sottobosco.

    1. Scritto da robi

      Quando viene realizzata una prova speciale su un prato, viene immediatamente seminato con lo stesso tipo di erba e dopo 20/30 giorni non sembra nemmeno che ci sia stata una gara….
      Lasciamo dire: “L’è po’ doma erba”…

      1. Scritto da V

        Perchè la Cotica Erbosa é protetta,da leggi non solo Regionali? E quanti anni sono necessari per formare la Cotica Erbosa? Fai qualche ricerca,poi capirai che non é solo Erba…

      2. Scritto da GL76

        Ribadisco: ho visto i danni rimanere ben oltre la fine delle gare. L’ambiente montano è più complesso di un prato incolto, vanno considerati i danni alle tane della fauna che vive nel terreno, l’ecosistema del sottobosco, dei corsi d’acqua… non basta seminare un po’ d’erba. Io non capisco molto di motori: ma non si possono organizzare gare nelle cave esaurite? Alla fine anche sport tradizionalmente all’aperto come canottaggio e arrampicata raggiungono alti livelli in strutture artificiali.

  7. Scritto da Andrea

    Ben vengano queste iniziative, perchè l’enduro è allegria e passione. Ovviamente rispettando la natura, come il moto club Bergamo ha sempre fatto!

  8. Scritto da Enrico

    Gran bella cosa io sono un agricoltore di clusone ho 2 ettari di terreno e sarei ben felice di metterne a disposizione un pezzo per una speciale! Rock’n’roll e fullgas!!!

    1. Scritto da robi

      Parliamone!
      Sono Robi Canavesi presidente della Scuderia Norelli, avremmo in programma una gara e forse c’è il rischio che salti per problemi legati al terreno che ci avevano promesso da tempo. Se ti va contattami a robicanavesi@yahoo.it

      Per quanto riguarda la prova mondiale a Bergamo quest’anno in sostituzione della prova messicana, temo che ci sia poco da contarci…

  9. Scritto da robi

    Caro TT…. quel “loro faranno ancora come più gli pare” mi sembra più che mai inappropriato.
    Il Moto Club Bergamo ha SEMPRE rispettato TUTTE le leggi in materia, (peraltro in Lombardia sono le più rigide) e la dimostrazione è che chi ha denunciato il Moto Club per aver causato danni all’ambiente ha sempre perso la causa.
    Per quanto riguarda il rapporto CAI/denaro: spiegami come mai è stato costruito un altro “rifugio” al Curò, cementando e quindi inquinando l’ambiente a 2.000 metri?

  10. Scritto da Flavio

    Ottima cosa, per lo Sport e le attività commerciali, ma soprattutto per dare un pò di divertimento ed allegria alla Gente, visto che di questi tempi ne abbiamo un gran bisogno !!

  11. Scritto da TT

    Malgrado tutto quello scritto e fatto(raccolta firme del CAI etc)loro faranno ancora come più gli pare,solo il denaro ha potere!

    1. Scritto da A.Z. BG

      Chi ha sempre fatto ciò che ha voluto anche al di fuori delle regole sono i finti ecologisti, ma vero demagoghi,ambientalisti.Vedi albergo Curò, nuovo rifugio sopra Madonne della neve,elicotteri per soccorsi e trasporti (ecologici ovviamente),ecc.

      1. Scritto da Flavio

        Quoto A.Z.
        Per raggiungere e costruire Rifugi si creano strade là dove c’erano sentieri…se non è distruzione questa ?? Le moto è da 60 anni che percorrono gli stessi soliti sentieri e mi sembra che ci siano ancora tutti, anzi alcuni stanno pure scomparendo