BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Presunto caso mucca pazza L’esperto: “No allarmi, aspettiamo le analisi”

Marco Rizzi, direttore del reparto malattie infettive del Papa Giovanni, dopo la morte nei giorni scorsi di un 52enne bergamasco, forse colpito dalla BSE: "Prima gli esami. In Italia finora solo due casi e nessuno a Bergamo: non creiamo allarmismi"

“Non c’è nessun allarme e bisogna aspettare gli esami del caso”. Sono le rassicurazione del dottor Marco Rizzi, direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale Papa Giovanni, dopo la morte nei giorni scorsi in una casa di cura della città di un 52enne bergamasco che, secondo i sintomi riscontrati dai medici, potrebbe essere stato colpito dall’encefalopatia spongiforme bovina, meglio conosciuto come morbo della mucca pazza.

La salma dell’uomo, residente in Val San Martino, è stata trasferita all’ospedale Sacco di Milano, dove verrà effettuata l’autopsia e gli esami specifici per capire se davvero si tratta di BSE. “Non conosco i dettagli di questo caso, ma prima di trarre conclusioni affrettate penso sia  meglio aspettare gli esiti delle analisi – spiega a Bergamonews il dottor Rizzi -. Poi tutto è possibile, per carità, ma voglio ricordare che finora in Italia sono stati soltanto due i casi verificati. E nessuno in Bergamasca”.

La patologia è comunque diffusa nel nostro Paese: “Sintomi simili a questa malattia vengono riscontrati invece in numerosi pazienti, ma nella maggior parte dei casi non si tratta di BSE, ossia del morbo trasmesso dall’animale all’uomo. Quasi sempre è un fenomeno genetico del paziente. Oppure, più sporadicamente, ci possiamo trovare di fronte a una patologia legata a trapianti d’organi. Di cornee in particolare”.

Dunque i bergamaschi possono mangiare tranquillamente carne: “I numeri parlano chiaro: rispetto ai 174 del Regno Unito, dal 1993 a oggi in Italia si sono registrati solo due casi. E nessun nella nostra provincia. Inoltre il livello dei controlli si è notevolmente alzato, con nuove normative sempre più severe. Quindi, non creiamo inutili allarmismi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lorena

    Ho perso la mia cara mamma un anno fa per questa malattia della diagnosi erano sicuri..poi è arrivata l autopsia e hanno confermato.sono di bg provincia. ..dopo 3 settimane dal decesso della mia un altra signora morta sempre nella stessa casa di cura della mia mamma. …svegliatevi cazzo ci sono piu di 10 casi all anno per questa malattia!!!solo che non vogliono fare scandalo…!!!svegliatevi cazzo perché tra qualche anno ci sarà un epidemia anche qui!!!!

  2. Scritto da Luca

    Piantatela con sti allarmismi inutili che è già stato appurato che non si tratta di morbo mucca pazza.