BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Muore uomo di 52 anni Autopsia per capire se è per “mucca pazza”

I medici spiegano che non è rarissimo, ma da tempo non se ne sentiva parlare e certo il termine fa paura: morbo della mucca pazza. Si sospetta che di questa malattia sia morto un 52enne bergamasco, deceduto in una casa di cura cittadina dopo un calvario di sofferenze.

I medici spiegano che non è rarissimo, ma da tempo non se ne sentiva parlare e certo il termine fa paura: morbo della mucca pazza. Si sospetta che di questa malattia sia morto un 52enne bergamasco, deceduto in una casa di cura cittadina dopo un calvario di sofferenze.

Se ne saprà di più quando l’autopsia farà chiarezza e ci vorranno un paio di settimane: l’uomo, residente in Val San Martino, è morto qualche giorno fa e la sua salma è stata portata all’ospedale Sacco di Milano dove i medici hanno proceduto all’esame proprio per capire se di BSE (enecefalopatia spongiforme bovina) si tratta.

La presenza di questo morbo, che ha provocato morti e paura di epidemia negli anni Novanta in Europa, si può verificare solo a morte avvenuta, non prima.

La BSE (per tutti mucca pazza) è una malattia confinata al bestiame, i casi degli anni ‘90 si sono verificati per una variante trasmessa da carne infetta.

La "mucca pazza", aveva fatto sì che in Italia e in Europa venisse vietata la vendita di alcune parti del bovino, quelle che interessano la colonna vertebrale (cervello e frattaglie).

La mobilitazione scientifica e le misure di igiene veterinaria hanno permesso una drastica riduzione della malattia tra il bestiame.

I casi umani documentati di BSE sono stati in tutto 92, di cui 88 in Gran Bretagna, 3 in Francia e uno in Irlanda.

La grande diffusione dei prioni responsabili della BSE è stata dovuta all’introduzione di mangimi a base di carcasse animali contenenti tessuto nervoso di animali ammalati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da TT

    Anche se fosse,mai sapremo la verità!