BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Valbondione punta sull’onestà, Simoncelli: “Guai giudiziari addio”

Sonia Simoncelli, architetto paesaggista, madre di due bambine è il nuovo sindaco di Valbondione, Comune travolto dalla scandali dell'ex sindaco Morandi e del fallimento della Stl, la società che gestiva gli impianti di sci: “Per prima cosa penseremo agli impianti per rilanciare il turismo e offrire opportunità di lavoro".

Ha una lista di priorità, ma le elenca con l’accortezza della madre di famiglia, con il buon senso di un amministratore e con l’attenzione di un architetto esperto.

Sonia Simoncelli, 44 anni, architetto paesaggista, madre di due figlie è il primo cittadino di Valbondione: il Comune che è stato nell’occhio del ciclone per gli scandali finanziari legati all’ex sindaco Benvenuto Morandi.

Con eleganza Simoncelli si sfila subito dal commentare l’operato del suo predecessore: “Valbondione cambia pagina, le vicende giudiziarie di chi mi ha proceduto sono il passato, ora guardiamo avanti. Non mi aspettavo questo risultato (54,29%) segno che le persone del mio paese voglio onestà e trasparenza, ora ho questa responsabilità e ci metterò tutto il mio impegno per rispondere al mandato che mi hanno dato”. Simoncelli, già vicesindaco di San Bonifacio, una città di ventimila abitanti in provincia di Verona, sa già da dove iniziare.

“La priorità è la situazione degli impianti di sci – afferma – da subito costituirò un gruppo di lavoro per valutare la situazione e come intervenire per poter ripartire quanto prima. Gli impianti di sci significano posti di lavoro nel turismo, il settore predominante per la nostra valle e che potrebbe dare ulteriori sbocchi a tante persone”.

Se si guarda al turismo invernale, il neosindaco ammette di aver già dato una prima occhiata anche al programma estivo redatto da Promoserio approvandolo.

E’ già stata in municipio? Che sensazione ha avuto?

“Sono stata in Comune subito dopo la proclamazione ai seggi e devo dire che ho trovato una bella atmosfera, un’accoglienza molto positiva da parte dei dipendenti e questo mi ha dato ancora più forza”.

Come si comporterà con la centrale a biomasse che si voleva costruire?

“L’ho affermato in campagna elettorale e lo ribadisco: siamo contrari a questa iniziativa. È insostenibile da un punto di vista economico ed ambientale. Si tratta di un impianto che non è totalmente pubblico, ma per parte nostra non daremo seguito a questo progetto”.

Un architetto paesaggista sindaco di Valbondione: che cosa riserverà ai suoi cittadini?

“Vorrei valorizzare le risorse di Valbondione che sono tantissime. E cogliere l’opportunità dell’Expo per rilanciare il nostro territorio che ha un patrimonio naturale davvero eccezionale offrendo una serie di appuntamenti e di iniziative. Non voglio dire di più, adesso ci mettiamo al lavoro, i risultati li valuteranno i cittadini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ele

    Beh, un architetto paesaggista è proprio la ciliegina sulla torta di una comunità basata sul turismo, dai….

  2. Scritto da ?

    A proposito Centrale a biomasse:”si tratta di un impianto che non é totalmente pubblico,ma per parte nostra non daremo seguito a questo progetto”cioè cosa vorrebbe dire,che se arriva il privato di turno a finire il lavoretto iniziato,voi non vi opporete e non farete nulla?

  3. Scritto da TT

    Promoserio chi…?! Quelli che andavano d’accordissimo con quelli di prima,che han fato ciò che han fatto…
    Alùra ansè apòst amò turna…!