BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Renzi doppia Grillo: 41% contro il 21 Lega quarto partito

Tsunami, terremoto, trionfo: si stanno spendendo paroloni per commentare l'esito delle elezioni europee in Italia. E i paroloni sono tutti per il Pd di Matteo Renzi, anzi per Matteo Renzi: è lui senza alcun dubbio il protagonista vincente di questa tornata

Più informazioni su

Tsunami, terremoto, trionfo: si stanno spendendo paroloni per commentare l’esito delle elezioni europee in Italia. E i paroloni sono tutti per il Pd di Matteo Renzi, anzi per Matteo Renzi: è lui senza alcun dubbio il protagonista vincente di questa tornata, è lui che ha trainato un partito semrpe a un passo dal successo. Stavolta il successo è innegabile: 41 per cento di consensi, molto al di sopra delle aspettative, molto al di sopra di quanto fecero i suoi predecessori alla guida dei democratici, perfino Walter Veltroni, molto molto al di sopra del concorrente temuto e agguerito.

Già, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grilo si ferma al 21 per cento, non pochi, anzi, ma confrontati con i consensi di Renzi sembrano più striminzinti di quanto in realtà siano. La metà.

Male, ma era preventivato, l’esito delle urne per Forza Italia, con un Silvio Berlusconi nel simbolo ma non più in pista davvero: 16,6% (era al 35 nel 2009).

Tiene, anche se perd,e la Lega Nord che si ferma al 6 per cento (aveva il 10 cinque anni fa).

E’ caccia al’ultimo voto contestato per il Nuovo Centro Destra che sembra però aver superato la soglia del 4% (4,35) e per L’Altra Europa con Tsipras che otine un 4, 04 per cento.

Sotto la soglia Fratelli d’Italia: 3.63, mentre non arrivano all’un per cento Scelta Europea, i Verdi e l’Italia dei valori.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da AV

    Tutti gli opinionisti e i politologici più titolati a stupirsi del risultato elettorale del M5S, peccato che fosse ampiamente prevedibile dato che l’ex comico non ne ha azzeccata una in questa campagna elettorale. Primo errore: impostare la campagna come se si fosse trattato di un referendum nazionale tra lui e Renzi; secondo: copiare sostanzialmente l’obiettivo principale dalla Lega (l’elettore anti-euro al Centro-nord ha scelto l’originale).

  2. Scritto da #vinciamoPoi

    Nino al telefono .
    ( non te la prendere, meno male per l’Italia )