BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tensione a Rovetta: per la commemorazione il paese è blindato fotogallery

Rovetta è un paese letteralmente blindato per la commemorazione dell'eccidio della Legione Tagliamento che i neofascisti hanno tenuto, come ogni anno, nel cimitero comunale.

In una Roveta letteralmente blindata si è svolta domenica mattina senza particolari incidenti la comemorazione dell’eccidio della Legione Tagliamento che i neofascisti hanno tenuto, come ogni anno, nel cimitero comunale. Cerimoniere della giornata ancora una volta don Giulio Tam, ex prete lefebvriano, che sta guidando l’iniziativa nel paese della Val Seriana.

Dopo le tante polemiche montate nei giorni scorsi (l’appello è arrivato anche in Parlamento, a Roma), gli antifascisti de "I Ribelli della Montagna" hanno manifestando per dire no "a quello che ormai è diventato uno dei raduni nazifasciti più importanti e seguiti d’Italia". Punto di ritrovo, alle 9.30 di domenica 25 maggio, è stato il piazzale del mercato estivo, in viale Papa Giovanni XXIII.

A tenere sotto controllo le due manifestazioni (come si può vedere dalle foto di Più Valli TV) un grande numero di forze dell’ordine in assetto antisommossa. Volantini sono stati lanciati da alcuni sostenitori di Forza Nuova subito identificati. Per ora la situazione è comunque tranquilla.

Seguono aggiornamenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patetici

    Che patetici sti antifascisti. Ogni volta la solita lagna.

  2. Scritto da Zirgo

    Cosa centrano mai i buoni chirichetti in camicia bianca di FN con questa commemorazione?assurdo…

  3. Scritto da Tom

    Ma il prefetto etc,che hanno concesso il permesso per questa manifestazione nazifascista,ci sapprebbero dire cosa sono costate le forze dell’ordine presenti per la protezione di questa buffonata in camicia nera?!

  4. Scritto da mast

    Ah dimenticavo… Mi fanno la stessa pena i centri sociali

  5. Scritto da mast

    Rimpiango la buona vecchia festa della luna :-). Che si faceva da quelle parti…. Almeno tutti erano allegri spensierati e meno politicizzati

    1. Scritto da V

      La mitica festa della Luna,si teneva sopra Colere(qui trattasi di Rovetta)valle di Scalve,e coloro che vi partecipavano erano al 99,9% non nazifascisti,ma tutto l’opposto!

  6. Scritto da ab

    Trovo indegna questa manifestazione, come trovo indegno il silenzio (complice?) delle coscienze civili prima che politiche.. E poi a fare evocare fantasmi molto discutibili del passato? Mah!

  7. Scritto da ab

    trovo indegna questa manifestazione, e il silenzio (complice?) delle coscienze civili prima che politiche..

  8. Scritto da Fabio B.

    Anni fa sono stato a questa “manifestazione” pensando di trovar ben altro ho trovato solo discorsi patetici e scene oltre il ridicolo… Concordo che sia un reato, che non lo debbano fare e che va condannato ma credo anche che se i vari “antifascisti” non avessero alzato questo polverone mediatico negli ultimi anni non ci troveremmo “il raduno fascista più grande d’Italia” ma quattro gatti un po’ buffoni

    1. Scritto da Carlo

      Ci mancava quello che dice che la colpa del fatto che ci sia un raduno di fascisti e degli antifascisti. Una tiritera che assomiglia a quella che i morti ammazzatati negli anni ’40 dai nazifascisti erano colpa dei partigiani. Una tesi idiota che la storia ha dimostrato stava sulla bocca dei pavidi o degli amici dei fascisti. Lei a quale categoria appartiene, visto che ha sentito il dovere di andare alla cerimonia ai secondi suppongo.

      1. Scritto da La storia

        La storia di chi? Dei partigiani? Ma fammi il piacere

      2. Scritto da Fabio n

        Quanto ho detto sugli antifascisti è semplicemente che dando risalto alla cosa il numero dei membri dei due schieramenti cresce e, insieme a quello, i toni si scaldano. Insisto sul fatto che quando ci son stato io eran quattro gatti e il Sig tam uno sconosciuto… Ora le cose son diverse…

    2. Scritto da oscar

      Basta che non ci vai

  9. Scritto da lavoratore

    L’Italia è un paese assurdo, infatti trovo assurdo che coloro che oggi stanno al governo come Renzi si indignino per l’attentato alla sinagoga di ieri in Belgio e poi il giorno stesso autorizzano i nazi/fascisti antisemiti a sfilare a Lovere e Rovetta.
    Primo sono dei sepolcri imbiancati e secondo sono complici, terzo sarà meglio che ci indignamo e facciamo qualche cosa..

  10. Scritto da geo

    non si lamenta nessuno dei costi e di chi li paga ….

  11. Scritto da TT

    Io c’ero,e dalla parte giusta quella di un Partigiano deportato e sopravvissuto ad Auschwitz che ha raccontato la sua storia;dall’altra parte solo un finto prete travestito…

  12. Scritto da Antifascista

    Come si vede nella foto le bandiere sulle cancellate sono quelle della repubblichetta sociale di Mussolini (uno stato fantoccio filo nazista). Esporle è un reato come mai le solerti forze dell’ordine ( che manteniamo coi soldi dei contribuenti) presenti così in massa nulla fanno per fare rispettare la legge?
    La legge la si esegue e non la si interpreta, o la fanno rispettare loro o lo faranno i cittadini che queste leggi hanno voluto.

    1. Scritto da Franco

      Purtroppo, e come sempre, l’Italia è antifascista nella Costituzione ma le istituzioni che dovrebbero vigilare su di essa non lo sono e vedono, diciamo con un occhio di riguardo, queste manifestazioni che inneggiano ad una dittatura liberticida e razzista. Speriamo che almeno stavolta ci siano dei provvedimenti seri contro chi non rispetta la legge.

    2. Scritto da W V.E.R.D.I.

      Caro “antifascista”.a fatica trattengo coloriti epiteti per te e quelli che la pensano ostinatamente come te. Farvi capire che a forza di fare i buonisti la stiamo prendendo in quel posto é impresa impossibile perché nella vostra testolina piccola piccola c’è posto solo per qualche cosa non onorevole che il fascismo ha portato in mezzo a moltissime cose buone. Nel frattempo siamo nel 2014,si vuole mettere per legge il “contronatura” e siamo diventati una colonia dell’africa.

      1. Scritto da Andrea

        Mi trovo pienamente d’accordo con te!

      2. Scritto da il sorcio

        mi hai letto nel pensiero…pienamente d’accordo su tutto!!

      3. Scritto da Antifascista

        Signor ( si fa per dire) W V.E.R.D.I. si auguri di non provare mai quanto io sia buonista… Il fascismo fu una schifezza allo stato puro, lo posso dirlo avendo tra i miei antenati degli esiliati all’estero per motivi politici negli anni ’20.
        Gente come lei ancora in giro è la dimostrazione di quanto ci sia ancora molto da fare per rendere il mondo un posto migliore.

  13. Scritto da arturo

    andate a lavorare!

    1. Scritto da santa pazienza

      Giusto, bravo! È ora di dirlo a quei fascisti! Andate a lavorare, che gli antifascisti lo fanno tutti i santi giorni e la domenica gli tocca pure vedervi fare le pagliacciate!