BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

All’Oberdan di Treviglio incontri con gli studenti sui rischi del fumo

L’istituto statale di istruzione secondaria superiore "Guglielmo Oberdan" di Treviglio è impegnato nella sensibilizzazione dei ragazzi sui rischi del tabagismo. Giovedì 22 maggio gli studenti hanno partecipato a un incontro a tema con la fondazione Ospedale Amico: l’iniziativa sarà replicata il 29 maggio.

L’istituto statale di istruzione secondaria superiore "Guglielmo Oberdan" di Treviglio è impegnato nella sensibilizzazione dei ragazzi sui rischi del fumo, attraverso l’organizzazione di incontri a tema.

Più precisamente, nella giornata di giovedì 22 maggio, la Fondazione Ospedale Amico, rappresentata dal dottor Edoardo Panizza, ha incontrato gli studenti per spiegare loro l’importanza della prevenzione e della cura del tabagismo quali strumenti essenziali per promuovere e tutelare la salute pubblica.

Agire efficacemente contro il tabagismo e ottenere risultati è un compito complesso, che richiede un grande impegno e lo sviluppo di politiche e interventi in ambiti diversi da quello strettamente sanitario. Da molti anni l’Italia è impegnata in questo difficile campo. L’azienda ospedaliera di Treviglio, attraverso l’Ospedale Amico, ha cavalcato questo obiettivo.

L’incontro, intitolato “Fumi? No grazie”, a cui hanno partecipato 10 classi del Biennio (suddivise in cinque turni), è stato condotto da Alessandra Besozzi, medico del dipartimento di medicina generale di Treviglio e attiva nel neonato ambulatorio antifumo dell’ospedale, con la preziosa collaborazione di Francesca Pierazzuoli, specialista in psicologia clinica. Durante la riunione le relatrici hanno toccato temi che spaziano dall’epidemiologia, ai danni provocati dal fumo, agli aspetti psicologici della dipendenza, ai percorsi di cessazione, oggi attivi anche nella nostra struttura. La lezione si è svolta sia con esposizioni orali delle relatrici, sia attraverso la compilazione (ed il successivo commento) di un questionario che ha, così, aperto un’accesa discussione. L’iniziativa si ripeterà giovedì 29 maggio, con altre classi del medesimo istituto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.