BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Riparte il futuro” I candidati bergamaschi contro la corruzione

"Riparte il futuro" la campagna promossa da Libera, da Gruppo Abele in collaborazione con Avviso Pubblico, Mafia Nein Danke, Libera France e Anticor, che si rivolge a tutti i candidati delle elezioni europee e delle amministrative per chiedere impegni stringenti di trasparenza, integrità e responsabilità per sconfiggere la corruzione raccoglie il consenso di alcuni candidati bergamaschi: ecco chi sono.

In occasione delle elezioni del prossimo 25 maggio che eleggeranno i nuovi parlamentari europei, i sindaci di oltre 4000 comuni italiani ed i presidenti di due regioni (Abruzzo e Piemonte) è stata realizzata una nuova fase della nuova grande campagna RIPARTE IL FUTURO (www.riparteilfuturo.it) promossa da Libera, e Gruppo Abele in collaborazione con Avviso Pubblico, Mafia Nein Danke, Libera France e Anticor, che si rivolge a tutti i candidati delle elezioni europee e delle amministrative per chiedere impegni stringenti di trasparenza, integrità e responsabilità per sconfiggere la corruzione. A tutti i candidati sindaci, governatori e parlamentari europei i promotori della campagna chiedono una candidatura trasparente: rendere pubblici il curriculum vitae, la propria condizione reddituale e patrimoniale, l’eventuale presenza di conflitti d’interesse, la propria situazione giudiziaria. Gli elettori devono conoscere per scegliere e la trasparenza è il primo antidoto per fermare la corruzione. Per le elezioni amministrative Libera, Gruppo Abele e Avviso pubblico chiedono a tutti i candidati sindaci di mettere in cima alla propria agenda la lotta alla corruzione. La petizione prevede l’adozione, entro i primi 100 giorni, della delibera “trasparenza a costo zero”, con precisi obiettivi: pubblicazione e diffusione dell’anagrafe di tutti gli eletti, completa e digitale; totale rispetto della normativa sulla trasparenza economica; adozione di un Codice etico comunale stringente, la Carta di Pisa; organizzazione di una Tavola pubblica per la trasparenza, a cui partecipano istituzioni e cittadinanza; diffusione, per i Comuni che ne sono destinatari, di informazioni e dati aperti sull’assegnazione e la gestione dei beni confiscati.

LE ADESIONI DEI CANDIDATI BERGAMASCHI

I candidati bergamaschi alle elezioni europee sono 11. Ad oggi (23 maggio 2014) ha aderito alla campagna di Riparte il Futuro soltanto 1 candidato: Sonia Fatnassi della lista Forza Italia.

Dei 6 candidati alla carica di Sindaco della città di Bergamo finora non risultano adesioni ufficiali. Tra le centinaia di candidati sindaci delle amministrazioni comunali (sono 172 quelle che si rinnovano) sono pervenute soltanto 6 adesioni: Lorella Alessio del Partito Democratico (Dalmine), Enrico D’Adda della lista Progetto Comune Brignano (Brignano Gera d’Adda), Marco Daniele Ferri della lista per Calvenzano – Il paese che vogliamo (Calvenzano), Alberto Nevola della lista Civica Ponteranica in Comune (Ponteranica), Maurizio Parrini della lista Civica Gente di Gorle (Gorle) e Alessandro Pellegrini della lista Progetto Insieme per Capizzone (Capizzone).

IL COMMENTO DI VANNO CASSIS, LIBERA BERGAMO

Di fronte al recente scandalo Expo, all’annunciato impegno del Governo contro la corruzione ed alla ricalendarizzazione del disegno di legge anticorruzione in Parlamento, “Riparte il futuro” ha chiesto ai candidati al parlamento europeo ed ai futuri sindaci di dare un segno preciso: di condividere con i cittadini le informazioni su chi li rappresenta e su come i Comuni spendono i soldi pubblici. Un impegno di trasparenza da attuare fin dalla selezione della classe dirigente, perchè proprio il voto troppo spesso rappresenta il momento in cui corruzione e malaffare cominciano ad annidarsi nelle istituzioni. La risposta della politica bergamasca è stata complessivamente fredda e disinteressata. Ci aspettavamo molto di più dai nostri candidati. Si è persa un’occasione importante. Mentre ringraziamo i candidati che hanno aderito, rilanciamo la sfida di “Riparte il futuro”, chiedendo ai cittadini di continuare, come già tanti hanno fatto, a sostenere la campagna visitando il sito www.riparteilfuturo.it e a chi verrà eletto di impegnarsi a mettere al centro del proprio operato il tema della lotta alla corruzione. Se vorrà farlo, Libera sarà al suo fianco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea Palermo

    Ho aderito a questa iniziativa in data 17 maggio. Non vedendo comparire il mio nome nel sito di “riparte il futuro”, in data 19 maggio ho inviato una mail per sapere se c’erano dei problemi. Nello stesso giorno ho ricevuto, sempre via mail, la conferma che era tutto ok. Ad oggi ancora non compaio, le mail sono pubblicate sulla mia pagina Facebook.