BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Utenze slacciate a Celadina Protesta a casa Tentorio “Ci ridia luce e dignità”

Il comitato di lotta per la casa ha protestato giovedì pomeriggio sotto casa del sindaco Franco Tentorio contro la decisione di slacciare le utenze agli appartamenti autorecuperati di via Monte Grigna alla Celadina: “Ci restituisca luce e dignità”.

Più informazioni su

Prima senza casa, ora senza luce: mai senza dignità”: il Comitato di Lotta per la Casa ha protestato con questo slogan sotto casa del sindaco Franco Tentorio, ritenuto responsabile dello slacciamento delle utenze dell’energia elettrica in alcuni appartamenti autorecuperati in una palazzina di via Monte Grigna 11 alla Celadina.

“Abbiamo deciso di venire sotto casa Tentorio perchè ieri (mercoledì 22 maggio ndr), a tempo di record, ha deciso di applicare l’articolo cinque del piano casa di Renzi, staccando le utenze alle famiglie che, in emergenze abitativa, avevano autorecuperato gli appartamenti e avevano iniziato a viverci pagando regolarmente le bollette”.

La scelta di presentarsi sotto casa del sindaco, hanno spiegato gli esponenti del Comitato, è maturata dopo che, in mattinata, gli stessi avevano provato ad avere un’udienza in Comune: “Siamo qui – hanno continuato – perchè è facile staccare le utenze abitando in un castello e stando a distanza anni luce dalla gente reale che fatica ad arrivare alla fine del mese, che è stata sfrattata e che paga sulla propria pelle le conseguenze di una crisi che non ha generato”.

L’azione di protesta è stata organizzata per portare l’episodio all’attenzione della città, “per ribadire che i giovani precari, disoccupati e le famiglie hanno diritto e bisogno di questa utenza, hanno diritto di esprimere la propria dignità”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da greatguy

    mi piacerebbe vedere la situazione delle persone che si sono impossessate degli appartamenti. lavorano, non lavorano xchè non lavorano, abitudini, stile di vita, ecc…poi ne riparliamo ho conosciuto un sacco di gente in difficoltà (me compreso) in un modo o nell’altro si sono tirati su le maniche e non hanno avuto bisogno di RUBARE UNA CASA.

    1. Scritto da Daniele

      Eccone un altro che vorrebbe elargire i diritti in base ai meriti e allo stile di vita. Avanti così, poi quando “voi” sarete la minoranza e gli emarginati, forse “noi” non ci comporteremo così nei vostri confronti, o forse sì.

      1. Scritto da greatguy

        fammi capire caro Daniele, tu vorresti: evitare certi lavori xche faticosi, farti l’aperitivo tutte le sere, fumarti 2 pacchetti di siga al giorno e l’ultimo modello di iphone e GLI ALTRI dovrebbero pagarti la casa xche tu non ci stai dentro? altrimenti siamo razzisti brutti e cattivi?
        basta parassiti!!! solidarietà SOLO a chi, prima, ci ha veramente provato in tutti i modi e ne ha DAVVERO bisogno!!!!

        1. Scritto da Daniele

          Giusto per mantenersi in tono: eccone un altro che pensa che il suo interlocutore faccia parte della peggior feccia. Nel mio caso, ti sbagli di grosso.
          Portami uno di quegli occupanti, uno che schifi il lavoro, faccia aperitivi tutte le sere, fumi due pacchetti di siga al giorno e che abbia pure l’iphone. Poi continuiamo questa discussione ok?

  2. Scritto da assurdo

    fatemi capire: ci sono delle case, vuote, che perciò non rendono. e che il comune non riesce a gestire. Qualcuno le usa, PAGA le bollette (sottolineo PAGA) e il comune ( o l’ ENEL) rinuncia anche a questi soldi… non sapevo che in Italia fossimo diventati così ricchi da rinunciare a delle entrate!!!

    1. Scritto da gianni

      Il fatto che siano vuote non legittima comunque ad abitarle abusivamente

      1. Scritto da quale legittimità

        quindi che il comune si muova a risolvere il problema della casa. E con tempi “cristiani”, e non con il solito parlare “burocratico-politichese” che tanto “piace” ai nostri amministratori.

  3. Scritto da Spartaco

    Pensate più di cinque secondi quando esprimete un giudizio sugli altri, su chi si deve far menare e denunciare per avere ciò che, fortunatamente, per altri è scontato.

    1. Scritto da Zioru

      Scontato? E perchè? Perchè c’è chi si alza alle 5 e rientra a casa alle 20 da un lavoro che magari odia? L’unico diritto è quello di avere un lavoro retribuito correttamente, tutto il resto dev’essere pagato.

  4. Scritto da Spartaco

    Illegale è il comune di Bergamo che tarda di anni il bando ERP, che lascia abbandonate a marcire centinaia di case popolari, mentre altre le svende noncurante dei più di mille aventi diritto a un’assegnazione.

  5. Scritto da Spartaco

    Il problema è la totale mancanza di politiche abitative, in Italia esistono più case vuote che persone senza dimora; in Italia il prezzo degli affitti o dei mutui non è sostenibile da una grande parte della popolazione, contestualmente non esistono forme di tutela – welfare – per chi perde il lavoro e la casa

  6. Scritto da Spartaco

    Tristezza nei confronti del povero Gigi che sente il bisogno di incattivirsi con i deboli perché evidentemente con i forti non gli riesce, sorpreso invece dal confuso Michele, che attribuisce a un sindaco poteri che non ha (e grazie al cielo!). Il cuore in soffitta, evviva finché non tocca a me!

  7. Scritto da Spartaco

    L’illegalità la stabilisce un giudice, non un sindaco. Esiste una cosuccia chiamata “stato di necessità”, che con questa mossa non è possibile vantare dato che si viene colpiti a priori e non in seguito a una condanna, in maniera quindi del tutto arbitraria. Rattrista parecchio che per alcune persone la “legalità” – agitata come spauracchio senza se e senza ma – abbia una rilevanza maggiore della vita delle persone colpite dalla perdita del lavoro, della casa, quindi della serenità.

  8. Scritto da Gigi

    Occupano appartamenti abusivamente e si lamentano che gli venga staccata la luce?? A mio parere chi infrange la legge passa automaticamente dalla parte del torto

  9. Scritto da vic

    E chi ci restituisce la legalità. Dignità fa rima con legalità.

    1. Scritto da pensa vic, poi parla

      vediti senza casa perchè hai perso lavoro e magari con un figlio. cosa fai? piangi e stai sotto un ponte? o senza più speranze occupi una casa per avere almeno un tetto?
      pensa che non tutti stanno bene come il signor tentorio nel villone o, a quanto pare te, che a fine mesi ci arrivi ancora. (tutto da solo o casa di proprietà amgari grazie a papà?)

      1. Scritto da vic

        Anonimo pensa vic poi parla quello che dovrebbe pensare prima di sparare una raffica di caz.. sei proprio tu. Non volevo considerare il tuo bla bla bla però a certi soggetti bisogna replicare. Premesso che io non ho offeso nessuno. Quanto possiedo è frutto di anni di sacrifici nel tempo ho pensato alla casa e non a discoteche bar iphon ecc.. Visto che ti presenti come moralizzatore impara a rispettare le persone e le loro idee. Un pò ti comprendo alle 2,16 i pensieri sono annebbiati.

  10. Scritto da Michele

    Si chiama occupazione abusiva ed è un reato penale (art 633 codice penale, reclusione fino a 2 anni e multa dai 103 ai 1032 euro) perciò la protesta non è affatto lecita perché protestano perché non gli viene permesso di infrangere la legge

    1. Scritto da viva la legalità

      un sindaco che ha il nome di un condannato ( in terzo grado) sotto il simbolo della lista. può dare lezione di pesca al salmone, costruzione di barchette di carta, coltivazione degli asparagi, ma non di LEGALITà

    2. Scritto da Duliamo Ergassia

      Eh si tutti legalitari col C..o degli altri. Vorrei vedere te senza lavoro e senza casa cosa scegli di fare.

      1. Scritto da zioru

        L’unico diritto è avere un lavoro dignitosamente retribuito, il resto è privilegio.

      2. Scritto da Luigi

        Onestamente non saprei cosa farei. So che comunque non lo si puo’ fare in quanto ILLEGALE. Non viviamo in uno stato di anarchia in cui quello che ti serve lo prendi con la forza. Altrimenti legittimi le persone che non hanno nulla a rubare anche al supermercato. Esistono (o quantomeno dovrebbero esistere) enti di supporto per aiutare questi casi. Manifestare sotto casa di un sindaco, che per quanto possa essere ricco fino a prova contraria ha lavoro per esserlo, e’ indecente.

        1. Scritto da Daniele

          Guarda che la manifestazione sotto casa di Tentorio riguarda solo un aspetto della vicenda, cioè il taglio dell’elettricità. D’accordo che la posizione degli abusivi va chiarita, ma questa è una cattiveria e basta.