BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ludovici a Lallio: “Punteremo su scuola, cultura e solidarietà”

Giacomo Ludovici è il candidato sindaco della lista civica "Un paese in Comune Lai" che domenica se la dovrà vedere con Fabio Midali ("Un'idea per Lallio") e Massimo Mastromattei ("Lallio e Poi").

Giacomo Ludovici è il candidato sindaco della lista civica "Un paese in Comune Lai" che domenica se la dovrà vedere con Fabio Midali ("Un’idea per Lallio") e Massimo Mastromattei ("Lallio e Poi").

Quale è la priorità assoluta del vostro programma?

"Scuola, cultura e solidarietà. Nei momenti in cui si riparte, come già nel 1974, nel 1991, è una giusta occasione per cambiare passo, per rivedere le impostazioni di base. Destinare risorse alla scuola, alla cultura di qualità e non di quantità, nonché ridisegnare la spesa, eliminando interventi superflui e privi di efficacia, e identici are come deve essere finanziarla, tenendo in debita considerazione che i cittadini sono tenuti a contribuire sulla scorta della loro capacità contributiva".

Se non ci fossero i vincoli del Patto di Stabilità quale opera o servizio realizzerebbe?

"Fermo restando la manutenzione ordinaria dell’esistente, daremo corso alla riqualificazione del centro bocce al fine di accentrarVi le attività sportive, fnnaziato con tecniche innovative, quali il project financing al fine di non andare a elevare la pressione tributari del comune. Oramai non più dilatabile. Ai servizi sociali vengono destinate gran parte delle risorse del bilancio comunale".

Quale politica intendete perseguire su questo fronte?

"E’ una delle nostre priorità, tenuto conto dell’attuale situazione economica/finanziaria. Se lasciassimo indietro coloro che stanno subendo questa crisi, creeremmo una comunità divisa in due. La revisione della spesa attuale che daremo immediatamente corso ci procurerebbe le risorse che destineremmo immediatamente a questo settore ( prestiti d’onore, microcredito, sostegno agli affitti, ecc) Crisi e lavoro".

Quali interventi può mettere in campo l’amministrazione comunale?

"Nell’immediato, si potrebbero attivare voucher per dare corso alle piccole manutenzioni, nonché ‘sponsorizzare’ i nostri cittadini in attesa di occupazione presso le aziende presenti sul territorio; attivare immediatamente con i proprietari delle aree ex-Bettoni e ex-Sgat per addivenire con convenzione alla loro riqualificazione, prevedendo una corsia preferenziale per future assunzioni i cittadini di Lallio, così come si fece anni or sono ad Orio con la realizzazione di Oriocenter Sicurezza. Negli ultimi mesi si sono verificati migliaia di furti in tutta la provincia".

Quali provvedimenti può mettere in atto il Comune per risolvere l’emergenza?

"Propugniamo il miglioramento e l’ampliamento del controllo a distanza, ovvero daremo corso alla lettura/verifica delle targhe al fine di scovare i veicoli privi di assicurazione o inseriti nella banca dati dei mezzi rubati. Daremo corso a sottoscrivere un contratto con un istituto di vigilanza relativamente a controllo del territorio nelle ore serali, ovvero quando il personale della PL non è presente".

Giovani. Che ruolo avranno all’interno della vostra amministrazione?

"Il nostro progetto di governo nel suo complesso è finalizzato a garantire un futuro ai giovani, e non solo a loro, ovvero a coloro che aggi stanno studiando, che oggi sono in attesa di occupazione. I bisogni che intendiamo affrontare e soddisfare, posso essere non bisogni nell’immediato, ma esserlo nei prossimi anni. Abbiamo obiettivi da conseguire nel breve termine, nel medio e nel lungo termine".

Nel programma elettorale avete un capitolo dedicato ad Expo 2015?

"Non abbiamo previsto nulla, riteniamo che ora la priorità sia di superare questo difficile momento".

Quale partito voterà alle Europee?

"Sono ancora dibattuto, non è che i programmi, che sino ad ora ho letto, mi stiano entusiasmando. Sono anni che stiamo subendo, e nulla ho sentito sul Fiscal compact, sulla tutela dei nostri prodotti tipici, sulla nostra agricoltura. Abbiamo importato solo disposizioni o leggi che hanno ridotto il nostro benessere, ma poco che lo abbia migliorato. Bisognerebbe cambiare passo, se non altro per i contributi finanziari che l’Italia dà se rapportati a quanto riceve".

Quale avversario teme di più e perché?

"Non temo nessuno, i miei avversari sono persone che conosco e che sostengono le loro idee. Ai cittadini la scelta".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.