BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tasi, chi paga a Bergamo? Ecco i 29 Comuni alla cassa entro il 16 giugno

Sono 29 i Comuni bergamaschi che, per ora, hanno già deliberato le aliquote della Tasi: pagamento per loro entro il 16 giugno. Per tutti gli altri c'è tempo fino al 23 maggio per approvarle: se la delibera non arriva il pagamento slitta a settembre.

Più informazioni su

Per ora sono 29 i Comuni bergamaschi che il 16 giugno dovranno saldare subito l’acconto della Tasi insieme alla prima rata dell’Imu: è quanto emerge dal censimento ufficiale delle delibere tenuto dal dipartimento Finanze nella serata di martedì 20 maggio che ha esaminato, nei suoi database, le decisioni prese da 1.080 Comuni.

Tutti gli altri avranno tempo fino al 23 maggio per approvare le delibere che dovranno poi essere pubblicate sul sito del dipartimento delle Finanze entro il 31 maggio. Solo il primo giugno, quindi, si avrà la certezza definitiva sul pagamento immediato o meno del Tributo sui Servizi Comunali Indivisibili. Nel caso in cui la delibera non fosse approvata il pagamento slitterebbe alla metà di settembre per le seconde case, ala metà di dicembre per la prima.

La Tasi chiamerà alla cassa anche gli inquilini che, secondo quanto previsto dalla legge, vedono a loro carico una quota tra il 10 e il 30%.

A Bergamo Federconsumatori ha già fatto sentire la propria voce sulla vicenda: "Ha voglia l’assessore al Patrimonio del Comune di Bergamo, accusato di aver fatto aumentare la tassa sulla casa, di dichiarare che “il tutto è stato pensato per far sì che non ci fosse nessun aumento per i cittadini in una valutazione globale. L’aliquota del 3.2 x mille invece che del 4 per mille, sommata alla detrazione ridotta da 200 euro a soli 60, ha un effetto indiscutibile: i proprietari di case dignitose ma modeste (sia come superfici sia come valore catastale) che l’anno 2012 pagarono col vecchio sistema sono fortemente penalizzati".

A sostegno delle proprie dichiarazioni, Fedderconsumatori porta esempi concreti: "Ad esempio portiamo due casi significativi: A) Proprietario di bene dal valore calcolato con base imponibile di 50.000 euro; B) Proprietario di bene dal valore (base imponibile) di 300.000 euro. A), che nel 2012 era esente , ora dovrà pagare 100 euro; B) che prima pagava 1.000 euro, ora ne dovrà pagare 900. In tale situazione il Comune nel 2014 incasserà tanto quanto incassò nel 2012, e ciò parrebbe dare ragione all’Assessore, ma questa è giustizia sociale?

Si evidenzia che molti di coloro i quali, sempre nel 2012, furono considerati esenti dal pagamento del tributo, quest’anno dovranno versare quote di Tasi (del 3.2 per mille) in proporzione a quanto manca dalla detrazione di 60 euro a quella di 200. In compenso i proprietari d’immobili di lusso o, semplicemente, dalle vaste superfici potranno godere di una notevole diminuzione della tassa.

Quindi i soldi versati da chi prima pagava relativamente meno, invece di venire utilizzati dall’Amministrazione comunale per migliorare i cosiddetti ‘servizi indivisibili’, serviranno a compensare gli sconti per coloro che pagavano di più. Sarebbe interessante, a proposito di ‘trasparenza’ sapere quanto pagheranno in più, rispetto a quanto pagarono nel 2012, i contribuenti proprietari di beni dalla base imponibile compresa tra i 19.000 euro e i 150.000euro".

Ecco la lista dei 29 Comuni bergamaschi che hanno deliberato sulla Tasi:

Albino

Antegnate

Ardesio

Azzone

Bergamo

Brignano

Gera d’Adda

Canonica d’Adda

Caravaggio

Casnigo

Castione della Presolana

Colere

Fino del Monte

Foppolo

Mapello

Martinengo

Olmo al Brembo (il Comune ha deliberato di non applicare la TASI quindi non vi sono scadenze per i cittadini di quel Comune e nulla dovranno pagare di TASI per il 2014).

Orio al Serio

Pare

Peia

Predore

Schilpario

Sovere

Suisio

Treviglio

Treviolo

Villa d’Adda

Zanica

Zogno

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sereno

    Ma scusate ho telefonato ufficio comunale e mi hanno riferito che x Bergamo città gli inquilini non pagano la TASI am siamo sicuri???

  2. Scritto da Michela

    Oltre a ciò vorrei capire come calcolare questa TASI su una seconda casa o negozio affittati. Vado a chiedere ad inquilino se l’ha pagato il 30% o 10% di sua competenza che dovrebbe versare con suo codice fiscale o sua partita IVA con dati di un immobile di cui non è proprietario perché in affitto? E se inquilino non paga? NO COMMENT

  3. Scritto da Roberto Russo

    Peccato che esista la grande truffa,e sempre peccato che il cittadino italiano e il meno informato al mondo,pochi sanno che l’Italia è una corporation di diritto privato iscritta alla SEC,quindi di cosa stiamo parlando ? di cosa state parlando ?

  4. Scritto da il polemico

    non capisco,quando il berlusca voleva togliere le tasse sulla prima casa,tutti a criticarlo perchè senza quei soldi l’italia e la mps sarebbero fallite,ora che sono stati accontentati con l’immissione di nuove tasse sull’immobile,tutti che si lamentano perchè sono salate,o chi si lamente non è del pd?

  5. Scritto da Flavio Carrara

    c) tenendo Tasi=0,32% è stato possibile non introdurre tale tassa su tutti gli edifici non considerati prima casa (housing sociale, negozi di vicinato ecc.) e agevolare per tali categorie.

    DOVETE AMMETTERLO QUESTO

  6. Scritto da flavio carrara

    C’è da dire:
    a) è una tassa molto confusionaria voluta dal governo, appena si delineranno gli scenari sarà possibile correggerla
    b) se non evessero maggiorato di un tot la tasi non avrebbero potuto introdurre le detrazioni e quindi i possessori di una casa con base imponibile a 50000 avrebbero pagato 125€ con tasi al min di 0,25% (25€ di più rispetto a Tasi 0,32%)

  7. Scritto da Simone

    Orio al Serio praticamente è gratuita peché è prevista una detrazione di 600 €!! e una aliquota del 2 per mille.

  8. Scritto da Jenny82

    Sorisole ha deliberato in Consiglio comunale l’altro ieri. Aliquota 2,5 per mille e nessuna detrazione!!!!! (pagheremo per gli appartamenti una TASI 4/5 volte tanto rispetto all’IMU 2012 mentre le ville con rendita catastale alta pagheranno meno!!).

  9. Scritto da Jenny82

    Sorisole ha deliberato in Consiglio comunale l’altro ieri. Aliquota 2,5 per mille e nessuna detrazione!!!!! (pagheremo per gli appartamenti una TASI 4/5 volte tanto rispetto all’IMU 2012 mentre le ville con rendita catastale alta pagheranno meno!!).

  10. Scritto da Antonietta

    GRAZIE. Appartamento di proprietà, assolutamente non di lusso, in condominio di oltre 50 anni, abitato dai due proprietari e dal figlio: TASI di importo TRIPLO in confronto all’ IMU. E non scordiamoci che poi arriverà da parare anche la …Nettezza Urbana… o qualsiasi altro nome avrà

  11. Scritto da ellekappa

    Grazie Tentorio e Lega.
    P.s :tanto non pubblicherete questo commento !

  12. Scritto da coniatore

    grazie.

  13. Scritto da coniatore

    Siete pregati di cancellare Olmo al Brembo o meglio specificare che il Comune ha deliberato di non applicare la TASI (visto che era una possibilità dei Comuni) quindi non vi sono scadenze per i cittadini di quel Comune e nulla dovranno pagare di TASI per il 2014. (Cosi da non generare confusione).