BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Spray al peperoncino per i vigili di Bergamo: via libera dal sindaco

Franco Tentorio ha firmato il decreto per le dotazioni di autodifesa agli agenti della polizia locale. Una misura resa necessaria dopo diversi episodi di aggressione avvenuti negli ultimi mesi, con 65 giorni di prognosi refertati ai vigili. Intanto si attende l'ok da Roma per i manganelli.

Più informazioni su

Via libera agli spray anti-aggressione per gli agenti della polizia locale di Bergamo, uno dei cavalli di battaglia della Lega. Il sindaco Franco Tentorio dopo una lunga attesa ha firmato il decreto che assegna queste dotazioni di autodifesa “che non abbiano attitudine a recare offesa alla persona” si legge.

Una misura resa necessaria dopo diversi episodi di aggressione avvenuti negli ultimi mesi, per un totale di 65 giorni di prognosi refertati agli agenti nell’ultimo anno e mezzo.

Nel 2013 la polizia locale ha provveduto a denunciare all’autorità giudiziaria 507 soggetti, ha seguito 194 interventi presso immobili fatiscenti ed aree a rischio sotto il profilo della sicurezza ha svolto 1291 servizi di contrasto all’accattonaggio e all’abusivismo commerciale e all’insediamento abusivo di nomadi.

I nebulizzatori spray a base di Olearesin Caspicum saranno utilizzati a partire da fine mese, appena il personale di polizia avrà terminato l’apposito corso di formazione per il loro utilizzo.

Un via libera che arriva dopo una lunga e travagliata trafila. Nel maggio 2011 la proposta iniziale di Tentorio. All’inizio del 2012, poi, l’amministrazione comunale aveva speso quasi 10mila euro per acquistare 100 bombolette che poi però era state dichiarate irregolari.

Lo scorso dicembre la Giunta ha approvato una nuova delibera da cinquemila euro per settanta nebulizzatori con una miscela non superiore a 20 millilitri, una specifica quantità di prodotti irritanti naturali, una gittata non superiore a tre metri e dotate di un sistema di sicurezza contro le attivazioni accidentali. Un modello classificato come strumento di autodifesa e che non ha bisogno di un’autorizzazione del ministero dell’Interno.

Ferma al palo invece la pratica i manganelli, che il Comune vorrebbe inserire nella dotazione degli agenti sempre come strumento di autodifesa e per i quali si è ancora in attesa di una risposta da Roma.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da locale

    siete poco seri il mio post non è stato pubblicato, come volevasi dimostrare

  2. Scritto da nino cortesi

    Anche la cerbottana ed il tirasassi.

  3. Scritto da tex

    c’è poco da fare, la professionalità non ha prezzo, e nbon si compera, Polizia, Carabinineri e GdF hanno una divisa normale e sono efficaci, i vigili cercano solo di bombarsi per fare i gradassi per far multe di divieto di sosta e sono anche maleducati e arroganti

    1. Scritto da Vikingo62

      Il giudizio sui vigili mi sembra un tantino impietoso anche se abbastanza veritiero … Risibile invece quello sulle altre forze dell’ordine ! Profondo rispetto a chi lavora per la sicurezza pubblica; ma non li considero affatto efficienti ne tantomeno preparati ed adeguatamente attrezzati. Ho avuto modo di vedere all’opera la Polizia Francese: altro pianeta !

  4. Scritto da Ciro Capoferri

    Il comune di Bergamo, virtuoso con un tesoretto milionario sotto il materasso, non lesina denaro da spendere per “la sicurezza” come se lo spry al peperoncino fosse la vera soluzione all’aumento dei furti in casa e ai mendicanti ai semafori. Poi però taglia deliberatamente migliaia di euro per libri e i quotidiani delle biblioteche. Ci vogliono ignoranti e spaventati col pregiudizio che rom, stranieri siano il nostro problema e non la disparità economica .