BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La candidata Previtali: “Rilanciamo l’economia di Bonate Sopra”

Erika Previtali, avvocato, è il candidato sindaco della lista civica “Cambiare Insieme” a Bonate Sopra. La priorità è quella di sostenere l'economia del paese, per migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Erika Previtali, avvocato, si candida come sindaco di Bonate Sopra per la lista “Cambiare Insieme”, sfidando Alessandro Duci (“RNPI”), Massimo Ferraris (“X Bonate”) e Loretta Biffi (“Impegno Comune”).

Previtali, quale è la priorità assoluta del vostro programma?

"La priorità assoluta del nostro gruppo è quella di abbattere la povertà della gente, rilanciando l’economia della nostra Comunità, e di creare nuovi servizi per migliorare realmente la qualità della vita dei nostri concittadini, anche in considerazione del grande aumento di popolazione che si è verificato nel nostro territorio in questi ultimi cinque anni".

Se non ci fossero i vincoli del Patto di Stabilità quale opera o servizio realizzerebbe?

"Se non fossi vincolata al patto di stabilità e mi rendessi conto che il mio è un comune effettivamente virtuoso perché negli anni gli amministratori precedenti hanno saputo risparmiare allora investirei il denaro a disposizione per completare i progetti già esistenti e per promuoverne di nuovi che siano effettivamente utili alla comunità, senza sprechi".

Ai servizi sociali vengono destinate gran parte delle risorse del bilancio comunale. Quale politica intendete perseguire su questo fronte?

"Ho particolarmente a cuore gli anziani, che troppo spesso sono soli e abbandonati. Quindi, a livello di servizi sociali, intendo promuovere le forniture a domicilio dei pasti per gli anziani e, per i bisognosi, il servizio di pulizia domestica e della persona per anziani e disabili, favorire il loro trasporto presso gli istituti sanitari o diagnostici e presso gli organi della pubblica amministrazione. Intendo costituire anche un centro diurno per anziani all’interno dei fabbricati di proprietà comunale già esistenti ma ormai dismessi da tempo come il sito della ex scuola elementare di Via S. Francesco d’Assisi".

Crisi e lavoro. Quali interventi può mettere in campo l’amministrazione comunale?

"Credo che l’amministrazione comunale possa intervenire in questo momento di crisi economica per incentivare il lavoro creando, per esempio, uno o più sportelli di ascolto per la cittadinanza che diventino luoghi di incontro tra tutti coloro che necessitano di un lavoro e le aziende locali che invece lo offrono. Il Comune non farà altro che canalizzare le domande e le offerte di lavoro, mettendo in contatto azienda e lavoratore".

Sicurezza. Negli ultimi mesi si sono verificati migliaia di furti in tutta la provincia. Quali provvedimenti può mettere in atto il Comune per risolvere l’emergenza?

"Per quanto riguarda la salvaguardia della sicurezza dei cittadini, ritengo che il Comune possa intervenire installando nuovi dispositivi di videosorveglianza nei punti più critici del Paese ed incentivando il servizio di vigilanza notturna".

Giovani. Che ruolo avranno all’interno della vostra amministrazione?

"Siamo un gruppo composto prevalentemente da giovani e pertanto le problematiche giovanili ci stanno molto a cuore; vogliamo creare nuove occasioni e momenti aggregativi affinché i giovani si sentano più partecipi nella realtà locale, raccontando le loro esperienze e le loro eventuali necessità. Uno degli obiettivi del nostro gruppo è anche quello di rianimare le piazze, creando eventi di interesse giovanile. Personalmente vorre evitare che i nostri ragazzi escano dal paese perché lo reputano “morto”, come ormai troppo spesso sento dire".

Nel programma elettorale avete un capitolo dedicato ad Expo 2015?

"Expo 2015 è un evento eccezionale che vorremmo cogliere e portare all’attenzione della popolazione in genere, per far conoscere le opportunità che questa grande manifestazione può dare al nostro territorio; noi lo faremo creando per i residenti un’occasione di incontro con alcuni dei responsabili dell’Expo che saranno invitati per illustrare i progetti e le finalità di questo grande evento".

Quale partito voterà alle Europee?

"Alle prossime europee, indipendentemente del partito politico, mi sono promessa di votare il candidato che si dimostrerà più capace e soprattutto preparato a rappresentare gli interessi di noi italiani in ambito comunitario".

Quale avversario teme di più? Perché?

"Personalmente, per il tipo di professione che svolgo, sono abituata a competere e non ho ragione di temere alcun candidato Sindaco avversario; l’unico “avversario” – se così si può definire – che però potrebbe spaventarmi è la diffidenza che potrebbero avere ancora certe persone che, nonostante continuino a lamentarsi dei soliti noti, non trovano ancora il coraggio di cambiare, con ciò precludendosi la possibilità di voltare davvero pagina, migliorando una volta per tutte la situazione".

Fabio Tiraboschi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.