BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Elezioni, Nicoli: “Ripartire dalle bellezze che Romano offre”

Sebastian Nicoli è uno dei quattro candidati alla poltrona di sindaco a Romano di Lombardia, sostenuto da due liste: Nicoli Sindaco e Partito Democratico: "Far ripartire Romano per noi significa valorizzare la potenzialità in termini di bellezza e risorse che la città esprime".

Sposato, con due figli, 41 anni e diplomato in Ragioneria e laureato in Scienze dell’Educazione. Sebastian Nicoli è uno dei quattro candidati alla poltrona di sindaco a Romano di Lombardia, sostenuto da due liste: Nicoli Sindaco e Partito Democratico. Per dodici anni e fino a pochi giorni fa presidente della Cooperativa Itaca, una delle realtà più attive del territorio che si occupa di assistenza ai disabili, a persone con patologie psichiatriche e progetti di prevenzione per minori, la sua professione è legata all’ambito del sociale. 

Quale è la priorità assoluta del vostro programma? "Far ripartire Romano per noi significa valorizzare la potenzialità in termini di bellezza e risorse che la città esprime. Vogliamo lavorare perché Romano si scopra innanzitutto una risorsa per sé, per i suoi cittadini ma cercando di far conoscere le sue grandi potenzialità anche a chi esterno alla città e quindi occorre “connettere” Romano con un “sistema provinciale” che la faccia diventare una qualificata proposta per le persone che transitano nella nostra provincia e che transiteranno, entrando da Romano, con l’imminente apertura del casello autostradale". 

Se non ci fossero i vincoli del Patto di Stabilità quale opera o servizio realizzerebbe? "Probabilmente il completamento del ring sud/ovest perché rappresenta la principale arteria d’ingresso alla città da Sud e cioè dal punto in cui si registrerà il più sostanziale afflusso di potenziali visitatori di Romano.

Ai servizi sociali vengono destinate gran parte delle risorse del bilancio comunale. Quale politica intendete perseguire su questo fronte? "Una politica che definirei dei “tre livelli”: a. il perseguimento di una politica territoriale in collegamento con gli altri comuni tramite l’Ambito di riferimento in cui Romano deve rappresentare il Comune capofila b. una valorizzazione, un supporto e ancora una migliore organizzazione in rete delle realtà associative e di volontariato che si occupano di servizi alla persona, nonché il rilancio di “nuove sfide” per le fondazioni che si occupano di anziani e infanzia a Romano di Lombardia. c. Una buona conoscenza e formazione da parte dei referenti degli sportelli comunali in termini di accoglienza del bisogno e orientamento dei cittadini verso i servizi offerti ai diversi livelli appunto.

Crisi e lavoro. Quali interventi può mettere in campo l’amministrazione comunale? "Nell’ambito di ciò che può essere di pertinenza dell’Amministrazione Comunale. Difendendo le realtà occupazionali esistenti e con particolare riferimento a: – Ospedale – Exide – Mondi… – agricoltura Creando un indotto di tipo culturale e turistico specialmente per il commercio e nell’ambito della sperimentazione della PRO LOCO. Defiscalizzando lo start up di piccole imprese e di attività commerciali “di vicinato”. Sperimentando iniziative di co-working solidale rivolte a giovani professionisti romanesi. Adottando forme di valorizzazione di servizio per la comunità di persone senza lavoro. Creando uno sportello comunale per l’informazione di base in termini di opportunità, bandi, ecc..per chi intende avviare un’attività".

Sicurezza. Negli ultimi mesi si sono verificati migliaia di furti in tutta la provincia. Quali provvedimenti può mettere in atto il Comune per risolvere l’emergenza? "Indipendentemente dei proclami di stampo leghista, Romano ha un numero di forse dell’ordine che equivalgono a: – 16 carabinieri sul territorio – 11 agenti di polizia locale Occorre spingere perché queste forze a disposizione, in modo integrato, siano il più possibile percepibili, presidianti il territorio. Occorre che ci siano nelle situazioni che i cittadini percepiscono e che conoscono come “a rischio”. Significa pensare una presenza nei quartieri che sia vera e percepibile dal cittadino. Occorre sicuramente pensare anche alla sicurezza sociale e stradale anche aumentando i sistemi di videosorveglianza e illuminando gli spazi più rischiosi o percepiti come tali. Inoltre il presidio della città avviene portando i cittadini ad abitarla (e quindi presidiarla) il più possibile perché è nei “vuoti di città” che si insinua la delinquenza".

Giovani. Che ruolo avranno all’interno della vostra amministrazione? "I giovani sono destinatari di tanti aspetti del programma. La sfida più grande però è ingaggiare i giovani non come una “categoria speciale sotto protezione” ma iniziando a trattarli e valorizzarli come cittadini attivi. Quindi il ruolo che avranno sarà quello che si creeranno anche attraverso degli imput e delle “sfide” che vorranno lanciare all’amministrazione comunale. Noi saremo capaci e pronti per recepire queste sfide di “cittadinanza attiva”.

Nel programma elettorale avete un capitolo dedicato ad Expo 2015? "Non c’è un capitolo speciale per expo 2015 perché tutto il programma vorrebbe essere un ricettore delle potenzialità di Expo per quanto può generare come indotto, in termini di movimentazione di persone, per la città. Ma il tema di Expo “nutrire il pianeta” ci richiama un’indicazione culturale nella salvaguardia della terra che è al centro del nostro programma così come il tema energetico richiama la valorizzaizonee in termini energetici che attueremo verso l’edilizia privata e pubblica.

Quale partito voterà alle Europee? "PD".

Quale avversario teme di più e perché? "Tutti allo stesso modo e… quindi… nessuno".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mah

    Non mi convince il suo programma: meglio quello di Mirosa servidati!

    1. Scritto da Eriberto

      Concordo con packy, anche al confronto tra i candidati la servidati ha mostrato solo cose spot, a volte anche in contraddizione tra di loro, mi sarei aspettato di piú! Nicoli é stato l’unico ad aver detto cose serie, cosa ce ne facciamo di un ipotetico tatro Rubini se giá quelli che ci sono non vengono utilizzati? vogliamo davvero sprecare ancora i nostri soldi? meditate!

    2. Scritto da pAcky

      Rispeeto l’opinione ma a me il programma Servidati sembra una serie di spots “per tutti gli usi” con scarsi agganci al contesto reale, salvo forse per il mondo scolastico.

  2. Scritto da Par condicio

    Redazione, pubblicherete le interviste anche degli altri candidati romanesi alla carica di Sindaco?

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Abbiamo mandato le domande a tutti i candidati, pubblichiamo le risposte se ce le inviano