BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La tv nei dehors per i mondiali: “Perché l’assessore non risponde?”

Gigi Parma, presidente dell'Associazione Commercianti di Bergamo, punta il dito contro l'assessore alla Sicurezza e Polizia locale: "Aspettiamo da un mese la risposta sulle deroghe per le televisioni nei dehor nel periodo dei Mondiali, ma a quanto pare Bandera preferisce pensare a panchine e banane".

Più informazioni su

Mondiali in arrivo, anche a Bergamo. L’attesa per la manifestazione calcistica più importante cresce sempre di più ma sotto le Mura venete è fonte di polemiche. Al centro delle diatribe, però, non ci sarebbero la posizione di Montolivo in campo o la mancata convocazione di Criscito ma una deroga, quella per le televisioni nei dehor dei locali del centro già autorizzati dagli uffici, per poter trasmettere le partite più importanti, quelle che sicuramente attireranno davanti agli schermi milioni di spettatori: "Per noi quella deroga è fondamentale per poter lavorare – spiega Gigi Parma, presidente dell’Associazione Commercianti di Bergamo -, ma dal Comune sembrano preferire ignorarci. Con l’assessore Bandera mi sono mosso con larghissimo anticipo per evitare di arrivare all’ultimo: un mese di incontri e di chiamate, però, non ha portato il risultato che speravamo, forse perché da parte di Bandera non c’è tutto questo interesse nel sistemare una situazione delicata e importante per noi commercianti che, senza la tv nei dehor, nelle serate delle partite più sentite rischieremo di trovarci i locali vuoti. Bandera probabilmente è impegnato a pensare a una campagna elettorale fatta di panchine e di banane, così tanto da non capire che noi qua stiamo parlando di lavoro, di soldi e di possibili mancati guadagni. Per gli spazi estivi, però, la deroga è arrivata subito, senza fare troppi giri: noi non chiediamo un trattamento privilegiato, chiadiamo solo di essere ascoltati e trattati nello stessa maniera di chi gestisce gli spazi estivi".

Questa la lettera mandata da Parma all’assessore Bandera lunedì 19 magio, in mattinata:

Alla C.A. Ass.re Bandera

Buongiorno Assessore, in riferimento all’incontro tenutosi più di un mese fa in sede di consiglio comunale e alle varie telefonate intercorse e come d’accordo da l’ultima telefonata nel pomeriggio di venerdì 16 maggio, ho provato a chiamarla anche questa mattina ma senza esito positivo. Le ricordavo se era possibile prendere in considerazione la proposta di poter mettere nel periodo di svolgimento dei mondiali di calcio la deroga nei dehor di bar e ristoranti già autorizzati dagli uffici preposti degli apparecchi televisivi, in modo da poter garantire lavoro anche ai locali della città e non solo agli estivi del bando. Cordiali Saluti,

Gigi Parma – Responsabile Commercio Associazione Imprese Bergamo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da daniele

    NON mi rusulta che il Sig. Parma sia “esponente di forza italia” e mi rusulta che operi da decine di anni, quando si tratta di politica e di colori c’è sempre una scusa per criticare delel criticità reali, tra l’altro se fosse una trovata politica non avrebbe senso visto che l’amministrazione uscente è di centrodestra

    1. Scritto da =3?

      ah ecco.
      allora deve essere un omonimo del Gianluigi Parma membro del coordinamento provinciale PDL (è ancora on line il sito con il suo nome)

  2. Scritto da 1+1

    Bell’intervento di un esponente di Forza Italia che usa la sigla dei commercianti per dare modo a un candidato di Forza Italia (benigni) di uscire dicendo: “quella dei commercianti è una buona proposta!”.
    la campagna elettorale è bella per queste cose.

  3. Scritto da Mar

    Ma i mondiali sono i mondiali…. non è solo tifoseria è anche patriottismo…

    1. Scritto da patridiota

      patriottismo??????
      I mondiali di calcio patriottismo???????
      vai a difendere i confini in divisa, patriota!

      1. Scritto da Mar

        Visto il nick che hai scelto… tu sei un grande maleducato!

      2. Scritto da giulia acerbis

        Patriottismo?????? Ma va la’… il calcio non e’ patriottismo, e’ seguire ciecamente una religione. Ne ho le tasche piene di chi identifica la squadra nazionale con la nazione, la squadra cittadina con la citta’. E mo’ basta”!!!!
        In un mondo dove tutti urlano e fanno rumore, amare la pace e il silenzio sara’ mica un reato?

        1. Scritto da Mar

          Io il calcio non lo riconosco come religione… e se tu lo fai capisco tante cose! Non è un reato amare la pace e il silenzio… come non è un reato voler seguire qualcosa che accade ogni 4 anni!!!

        2. Scritto da Mar

          Perchè l’amor di patria nello sport non può esistere? E poi scusate… come siete inviperiti… ma state un pò sereni!

  4. Scritto da giulia acerbis

    Ci mancherebbe anche sentire le urla dei tifosi e la TV mentre si mangia comodamente all’aperto…che scatole!

    1. Scritto da giulia acerbis

      dimenticavo…per non parlare di quei guastafeste che nei dehors ti fumano sotto il naso mentre stai godentoti un buon piatto e l’aria fresca della sera…

      1. Scritto da Luigi

        E non parliamo della gente che ti mangia in faccia mentre ti godi una sigaretta all’aperto?