BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Canonica d’Adda il candidato Cereda: “In testa i servizi sociali”

Pietro Cereda, 49 anni e attuale assessore all'edilizia, si candida a sindaco di Canonica d'Adda per la lista “Uniti per Unire”, cercando di proseguire il lavoro del sindaco uscente Graziano Pirotta. “Le nostre proposte sono al cento per cento economicamente sostenibili – afferma Cereda -, con grande attenzione al bilancio comunale”.

Canonica d’Adda attende un nuovo sindaco, dopo dieci anni di governo di Graziano Pirotta. Chi cercherà di proseguire le linee guida dell’amministrazione uscente è Pietro Cereda, 49enne, assessore uscente all’edilizia, all’urbanistica e alla tutela del territorio, che si candida come sindaco per “Uniti per Unire”. Si oppongono a lui Alda Cologni Sonzogni (“Noi per Canonica”) e Gianmaria Cerea (“Proposta in più”).

Cereda, quale è la priorità assoluta del vostro programma?

"Mantenere i servizi già assicurati in questi anni, soprattutto quelli a livello sociale, e cercare di migliorarli ed implementarli. Il nostro slogan è "100% economicamente sostenibili", quindi le nostre proposte di programma sono tarate sulle reali capacità di spesa del bilancio comunale. Il nostro gruppo è formato da persone competenti e concrete, capaci di cogliere ed affrontare questa sfida. Altra priorità, già perseguita nel mandato che si sta concludendo, è la gradualità contributiva e la giustizia fiscale".

Se non ci fossero i vincoli del Patto di Stabilità quale opera o servizio realizzerebbe?

"Sicuramente utilizzerei questi fondi per svolgere manutenzioni di tipo ordinarie/straordinarie ed aumentare l’efficienza energetica dei nostri immobili oltre al completamento delle sistemazioni inerenti alla viabilità locale, con l’attivazione anche di contratti di Global Service. Inoltre, come inserito nel nostro programma, vorremmo realizzare il Parco Aureolo, una zona verde di circa 10.000 mq che si affaccia sull’Adda, che, oltre ad essere uno spazio di benessere per i cittadini di Canonica, permetterebbe di attrarre molte persone agli eventi che si organizzeranno con riscontri economici per la collettività stessa".

Ai servizi sociali vengono destinate gran parte delle risorse del bilancio comunale. Quale politica intendete perseguire su questo fronte?

"Abbiamo sempre profuso molto impegno per migliorare i servizi sociali rivolti alle varie fasce di popolazione, e ci siamo impegnati in primis a collaborare con i gruppi di volontariato, attivando progetti mirati per le scuole dell’obbligo. Il nostro intento è quello di mantenere gli attuali servizi, cercando di potenziarli. La novità del nostro programma è di riconoscere un’agevolazione (per TASI e TARI) per coloro che svolgeranno attività di varia utilità per la collettività. Si otterrebbero benefici su tre livelli: aiuto per chi usufruirà dell’agevolazione, stimolo ad impegnarsi nel volontariato, che a sua volta migliorerà Canonica, una volta a regime, porterà un risparmio economico alle casse comunali che potranno liberare risorse per generare altri servizi".

Crisi e lavoro. Quali interventi può mettere in campo l’amministrazione comunale?

"Oggettivamente i compiti a livello comunale riguardanti la promozione del lavoro sono limitati, soprattutto per i comuni della dimensione del nostro. Per quello che ci riguarda, seguiremo tre strade: l’utilizzo del sitema "dote comune" di ANCI che prevede un percorso di inserimento lavorativo della durata di un anno massimo per i ragazzi tra i 18 e i 28 anni e gli ultra 50enni rimasti senza lavoro o con ammortizzatori sociali; proseguiremo nel dedicare una sezione particolare del sito internet comunale ad uno sportello di domanda/offerta lavoro, finalizzato alla messa in relazione della persona alla ricerca di un lavoro con la disponibilità del lavoro stesso; continueremo a creare meccanismi di gradualità contributiva e di salvaguardia delle fasce deboli della popolazione, con particolare attenzione alle famiglie con difficoltà lavorative".

Sicurezza. Negli ultimi mesi si sono verificati migliaia di furti in tutta la provincia. Quali provvedimenti può mettere in atto il Comune per risolvere l’emergenza?

"La sicurezza è un tema molto sensibile che vogliamo trattare con attenzione, evitando speculazioni meramente elettorali. Il nostro impegno sarà di continuare a stimolare le autorità preposte alla "pubblica sicurezza" che, ricordiamo, sono le uniche competenti in questo ambito. Le azioni dirette dell’amministrazione saranno: implementare la presenza della polizia locale attraverso i percorsi sovra-comunali, ovvero quelli che sono definiti con la "gestione associata dei servizi". Per l’importanza che attribuiamo a queste azioni, delegheremo l’attuale sindaco, Graziano Pirotta, che con la sua esperienza amministrativa e con i meriti riconosciuti anche in ambito provinciale, potrà ottenere i risultati che ci prefiggiamo. Nei riguardi della videosorveglianza, che è una parte della soluzione sicurezza, visti i costi estremamente onerosi e non sopportabili per le attuali casse comunali, il nostro progetto è di definire con i comuni limitrofi delle porte elettroniche di controllo e presidiare i punti critici con sistemi mobili. L’attività sarà coordinata con le forze dell’ordine al fine di poter essere uno strumento di prevenzione".

Giovani. Che ruolo avranno all’interno della vostra amministrazione?

"La lista "Uniti per Unire" è un gruppo eterogeneo con la presenza di giovani che, come nel passato, avranno delle deleghe importanti coadiuvati dagli amministratori più esperti, dato che la nostra lista si è sempre rivolta a persone "del futuro" e mai del passato. Nel nostro programma è trattato il tema "innovazione", ovvero percorsi per avvicinare tutta la cittadinanza ai sistemi di comunicazione virtuale, certi che non sia più possibile restare esclusi dalle reti globali; coinvolgendo i giovani nei gruppi "innovazione", daremo a loro la possibilità di rafforzare le proprie competenze anche in vista di futuri sbocchi occupazionali. I giovani per noi sono una risorsa importante anche per l’associazionismo. Altro punto fondante è proseguire l’esperienza del "consiglio dei ragazzi" in collaborazione con le scuole medie, perché solo dalla sensibilizzazione alle tematiche comunitarie si può sperare in paese migliore".

Nel programma elettorale avete un capitolo dedicato ad Expo 2015?

"Sì. Quello che Expo 2015 può dare a Canonica può derivare da come Canonica stessa si preparerà ad accogliere l’evento. Le iniziative denominate "innovazione", accennate prima, potranno mettere in rete le proposte del nostro territorio: micro-turismo legato all’ambiente fluviale, eventi gastronomici con la collaborazione delle attività del paese e delle associazioni, eventi artistici come mostre ed attività come il "Fuorisalone" organizzato con successo recentemente".

Quale partito voterà alle Europee?

"Voterò il Partito Democratico".

Quale avversario temete di più? Perché?

"Con molta umiltà, non pensiamo agli "avversari", ma cerchiamo di fare del nostro meglio per spiegare il nostro programma che si presenta definito in macro aree con approfondimenti specifici per ogni tema. L’impegno dimostrato nello svolgimento, e la successiva verifica alla sua attuazione, ci ha permesso di definirlo "100% Economicamente Sostenibile". Le altre due liste che si sono candidate hanno caratteristiche molto simili tra loro, anche per legami passati molto stretti; sono le facce della stessa medaglia. Sono liste incentrate sul personalismo del candidato sindaco, che non ha bisogno di programmi dettagliati, quindi diametralmente opposto all’impostazione di “Uniti per Unire”; infatti non hanno richiesto un confronto pubblico tra candidati".

Fabio Tiraboschi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.