BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alfano “disdice” Bergamo, ma l’imponente sicurezza per il ministro resta

Il ministro era atteso lunedì nel pomeriggio, ma in tarda mattinata ha annunciato che un impegno gli impediva di arrivare. Un cambio di programma che di per sè non comporterebbe gravi problemi se non fosse che il protocollo per la sicurezza era ormai stato avviato e che è rimasto attivo fino a sera. Così davanti al palazzo di Via Tasso per ore e ore sono rimasti in allerta più di quaranta tra agenti della polizia e carabinieri.

A poche ore dall’arrivo il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha disdetto la visita a Bergamo in Prefettura dove doveva incontrare cinque sindaci per parlare del tema sicurezza in Bergamasca e rispondere alle richieste degli amministratori.

Il ministro, esponente del Nuovo centrodestra, era atteso lunedì nel pomeriggio, ma in tarda mattinata ha annunciato che un impegno che ha causato l’annullamento della visita. Un cambio di programma che di per sè non comporterebbe gravi problemi se non fosse che il protocollo per la sicurezza era ormai stato avviato e che è rimasto attivo fino a sera.

Cosa vuol dire? Vuol dire che davanti al palazzo di Via Tasso per ore e ore sono rimasti in allerta più di quaranta tra agenti della polizia e carabinieri, con una sfilza di cellulari arrivati appositamente da Milano. Chi è passato nel pomeriggio nella zona tra Sentierone e via Tasso non ha potuto non notare il dispiegamento di forze. Un corposissimo servizio d’ordine organizzato per proteggere il ministro anche in vista di una manifestazione contro il raduno di Rovetta: così nel tardo pomeriggio davanti al palazzo del Governo erano più gli agenti in divisa dei manifestanti. Caso vuole che il ministero dell’Interno doveva essere a Bergamo proprio per parlare della carenza di organico delle forze dell’ordine. Sempre meno poliziotti e carabinieri in Bergamasca, ma a decine "sprecati" per proteggere un ministro che non è mai arrivato. Con buona pace delle tasche dei cittadini. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    M5*.
    Di questa gente invece non se ne può più.

  2. Scritto da NuovoCentroDetenzione

    l’impegno improvviso di Alfano era l’arresto di Cattozzo (NCD) per le tangenti Expo? o l’arresto di Romano (NCD) per tentata concussione?

  3. Scritto da SPRECHI

    Alfano, segretario del NUOVO CENTRO DESTRA che ieri si stracciava le vesti per pochi centesimi di aumento dell’acqua.
    Ricordatevene nell’urna!

  4. Scritto da michele p

    In un caso simile, in un’azienda privata la persona che non ha subito avvertito e smontato tutto il sistema, viene cazzuolata lla grande e rischia conseguenze reali per la sua cariera o i suoi compensi a fine anno.
    Qui? chi è responsabile? chi paga?

    1. Scritto da siamo noi!

      sul chi paga la risposta è semplice…. ;)

  5. Scritto da Sergio

    Tanto chi paga? Macchina pubblica da resettare! Avanti M5S