BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vivere Sotto il Monte Dadda: “Pieno sostegno alle realtà associative”

Maria Grazia Dadda è la candidata sindaco di Vivere Sotto il Monte: tra le priorità del suo programma il supporto e la valorizzazione delle realtà associative locali in un'ottica di collaborazione, a sostegno della collettività.

Dal 2004 ha vissuto l’esperienza amministrativa al fianco del sindaco Eugenio Bolognini, “un uomo carismatico”, che le ha trasmesso la passione per il bene comune: Maria Grazia Dadda, insegnante classe 1968 e mamma di due figlie, ora prova a prenderne il posto, presentandosi all’appuntamento elettorale del 25 maggio da candidata della lista “Vivere Sotto il Monte”.

Dadda, se dovesse sceglierne solo una, quale è la priorità assoluta del vostro programma?

Non è facile, perché ogni ambito che abbiamo analizzato (persona, ambiente, ente) ne ha una; ma dovendo scegliere direi: supporto e valorizzazione delle realtà associative locali in un’ottica di collaborazione, a sostegno della collettività. 

Qualora diventasse sindaco e non ci fossero i vincoli del Patto di Stabilità quale opera o servizio le piacerebbe realizzare a Sotto il Monte?

L’opera necessaria già da anni, ma che con le difficoltà legate al Patto non è stato possibile realizzare, è il rifacimento dell’edificio scolastico.  Ai servizi sociali vengono solitamente destinate gran parte delle risorse del bilancio comunale. Quale politica intendete perseguire su questo fronte. E’ necessario considerare le Politiche Sociali un investimento e una scommessa sul benessere di una città sostenibile e solidale. Le Politiche Sociali non devono essere subordinate esclusivamente a logiche di bilancio, perché la loro azione previene i pesanti costi derivanti dall’insorgere del disagio sociale in tutte le sue forme. Sono attivi sul nostro territorio diversi servizi che necessitano di essere programmati, gestiti e adattati alle persone e al sorgere di nuove esigenze e problemi legati alla continua evoluzione della società.

Crisi e lavoro. Quali interventi può mettere in campo l’amministrazione comunale?

Crediamo nel valore dell’impresa locale e vorremmo aiutare i giovani a creare spazi di lavoro nella nostra città, senza dimenticare i disoccupati o i lavoratori in mobilità. Le nostre proposte sono sostenere l’impresa locale, nel rispetto della normativa vigente; elaborare un regolamento per la disciplina delle gare di appalto pubbliche che, a determinate condizioni di qualità ed efficienza, favorisca le aziende residenti sul territorio, il tutto nel rispetto del quadro normativo esistente; stimolare e sostenere lo sviluppo di idee imprenditoriali di giovani e non che volessero iniziare una propria attività legata al turismo ecosostenibile e di difesa del territorio, attraverso collaborazioni con professionisti, enti e strutture specializzate, che forniscano le prime informazioni a livello burocratico-giuridico e un supporto per la redazione del business plan.

Capitolo sicurezza: a Sotto il Monte quale è la situazione e quali provvedimenti può mettere in atto il Comune per risolvere, se c’è, l’emergenza?

La sicurezza e l’ordine pubblico sono elementi in cui un’Amministrazione deve investire per il benessere dei cittadini; sono requisiti indispensabili per chi vive e abita il territorio. I cittadini devono avere la percezione di poter essere sicuri, soprattutto nel luogo dove hanno scelto di vivere con la propria famiglia. Avvalendosi delle nuove tecnologie è possibile rendere più sicuro e accogliente il territorio, per garantire una migliore vivibilità e incentivare il turismo.  L’Amministrazione, oltre che nell’ambito dei poteri conferitigli dall’attuale normativa, può e deve farsi promotrice di iniziative in collaborazione con tutte le altre istituzioni competenti (ad esempio la Prefettura, la Polizia Locale), per garantire la sicurezza dei propri cittadini.

Giovani. Che ruolo avranno all’interno della vostra amministrazione?

I giovani sono parte importante nel nostro programma, perché sono il nostro futuro. In questi anni ho sempre cercato di valorizzarli nelle attività del mio assessorato nell’amministrazione Bolognini, coinvolgendoli in progetti mirati alla soddisfazione di bisogni della collettività (es. pre-scuola, post-scuola, assistenza in mensa in affiancamento ai docenti) e ora sto raccogliendo i frutti di quanto ho seminato. Nel nostro gruppo (costituito sia dai candidati consiglieri sia da sostenitori che verranno coinvolti in equipe di lavoro a supporto degli eletti) ci sono alcuni dei giovani che sono riuscita a sensibilizzare nel volontariato politico e non solo. Potrei dire che i giovani sono l’energia, le idee, la forza, l’esuberanza.

Nella corsa a sindaco di Sotto il Monte c’è qualcosa che, secondo lei, la vostra lista ha in più dei concorrenti? C’è un candidato sindaco che teme più di un altro?

Credo che la nostra lista sia caratterizzata da una coesione naturale – rispettosa delle peculiarità e delle competenze ed esperienze dei singoli – che rappresenta un punto di forza notevole e un’ottima premessa per il lavoro che vorremmo sviluppare. Io ho deciso di candidarmi grazie al gruppo: un gruppo di cittadini mi ha coinvolta chiedendo la mia candidatura a sindaco, perché mi rispetta come persona e crede in ciò che ho fatto in questi anni. Io non ho scelto nessuno. Loro hanno scelto me! Insieme abbiamo lavorato alla stesura del programma, perché insieme desideriamo essere voce della voce di tutti i nostri concittadini, per il bene della comunità. Se penso a come descrivere il lavoro di questi mesi, i termini che mi vengono in mente sono: competenza, energia, responsabilità, spontaneità, libertà, familiarità … e mi fermo qui. Il temere non fa parte del nostro vocabolario. Rispettiamo coloro che desiderano mettersi in gioco, come stiamo facendo noi! Che vinca il migliore!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Wella

    A Sotto il Monte se si escludono i furtarelli fisiologici del cambio di stagione il problema sicurezza è a livello zero, spero che quella fosse una risposta di circostanza e non la promessa di buttare soldi nell’istallazione di nuove telecamere assolutamente inutili!!