BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Insieme per Torre, Sessa: “L’obiettivo è migliorare la qualità della vita”

Dopo 5 anni alla guida di Torre Boldone, Claudio Sessa cerca la riconferma il 25 maggio: “Il nostro obiettivo trasversale in ogni ambito è migliorare la qualità della vita. Nella mia lista non c'è nessun che mira solo alla poltrona”.

Dopo 5 anni alla guida di Torre Boldone, Claudio Sessa cerca la riconferma nelle elezioni amministrative del 25 maggio: nato a Bergamo nel 1949, è laureato in Fisica Nucleare, svolgendo l’attività di docente di matematica, fisica, informatica e sistemi automatici in vari istituti statali e paritari fino al 2004. L’attività politica è iniziata nel 1995 come assessore e consigliere nel comune di Alzano Lombardo e dal 1999 come consigliere comunale a Torre Boldone.

Dieci anni più tardi l’elezione a sindaco che, ricorda Sessa, “è coincisa con la cessazione di ogni mia attività per dedicarmi a tempo pieno ai compiti di Sindaco, cosa che ho fatto in questi cinque anni mettendo a disposizione 24 ore su 24 un numero di cellulare per i cittadini. Se sarò rieletto continuerò nello stesso modo a dedicarmi in toto all’amministrazione del Comune di Torre Boldone con la mia costante presenza negli uffici e sul territorio”.

Sessa, cosa pensa di poter dare ancora al comune di Torre Boldone?

C’è un obiettivo trasversale “Migliorare la qualità della vita”. Per ogni ambito intendiamo realizzare una serie di interventi sia in continuità che innovativi allo scopo di intraprendere una gestione della cosa pubblica funzionale ed efficiente e raggiungere l’obiettivo dichiarato. Molto abbiamo fatto in questi 5 anni (piste ciclabili, interventi di efficientamento energetico, interventi per abbattere le emissioni inquinanti, pulizia torrenti, nuovi parchi) e molto abbiamo da fare ancora. Tutto meticolosamente elencato nel programma.

Se dovesse sceglierne solo una, quale è la priorità assoluta del vostro programma?

Manutenzione ordinaria e straordinaria degli asfalti stradali delle vie e dei marciapiedi pubblici con la messa in sicurezza delle vie Ranica, via Bruciata e via Martinella; il completamento della pista ciclopedonale della Val Seriana (tratto viale Lombardia – Ranica) con la formazione del nuovo ponte di scavalco delle rogge Guidana e Morlana.

Qualora diventasse nuovamente sindaco e non ci fossero i vincoli del Patto di Stabilità quale opera o servizio realizzerebbe?

Siamo sempre riusciti a rispettare i vincoli del patto di Stabilità e abbiamo realizzato opere per un importo altissimo, più di 7 milioni di euro; il problema più grosso sono i continui tagli da parte dello stato. Sono proprio le manutenzioni degli asfalti e dei marciapiedi le opere più difficoltose da realizzare perchè non si può accedere a finanziamenti come per le opere con progetto.

Ai servizi sociali vengono solitamente destinate gran parte delle risorse del bilancio comunale. Quale politica intendete perseguire su questo fronte?

Non abbiamo tagliato risorse ai servizi sociali in questi 5 anni nonostante lo stato invece ci continui a mettere in ginocchio. Purtroppo anche se le risorse investite sono le stesse, le richieste sono molto aumentate a causa della crisi e quindi le risorse non sono più sufficienti. lo stato risponde in modo vergognoso tagliando. Pertanto per portare a termine il programma che ci siamo proposti occorre attuare una politica finanziaria comunale improntata al rigore. In primis per noi amministratori che da 5 anni ci siamo tagliati le indennità del 40%, ma anche con controlli incrociati rigorosi sulle autocertificazioni. 

Crisi e lavoro. Quali interventi può mettere in campo l’amministrazione comunale?

Crisi e lavoro sono problemi nazionali e internazionali, non risolvibili a livello locale. Inutile pensare che una amministrazione comunale possa fare miracoli. Si può solo mettere in atto alcuni interventi a sostegno; in questi anni abbiamo sposato tutte le iniziative messe in campo dall’Ambito 1 al quale apparteniamo, abbiamo istituito buoni spesa per gli anziani in difficoltà ed altri per le famiglie nelle quali si è verificata la perdita di lavoro, convenzioni con nidi per abbattimento rette a favore dei cittadini di Torre Boldone, contributi per fare in modo che i ragazzi possano praticare attività sportiva anche in situazioni di difficoltà della propria famiglia. Ma, ripeto, pensare che un piccolo comune possa risolvere un problema al di fuori della propria portata è pura demagogia.

Sicurezza. Negli ultimi mesi si sono verificati migliaia di furti in tutta la provincia. Quali provvedimenti può mettere in atto il Comune per risolvere l’emergenza?

Il problema dei furti ha toccato tutta la provincia e quindi anche Torre Boldone. Negli anni scorsi abbiamo avuto un progetto finanziato dalla Regione per 110.000 euro che ha permesso di installare un sistema di videosorveglianza estremamente avanzato con lettura delle targhe. Tutti gli accessi e le uscite dal paese sono sotto controllo. La polizia locale effettua anche servizio di pattugliamento serale/notturno e non nascondo che nel periodo di massima allerta per i furti, oltre al servizio della polizia locale, sono uscito in “passeggiate notturne” con cittadini volontari. Non mi riempio la bocca con lo slogan sicurezza stando in poltrona. Per 5 anni sono sempre uscito di pattuglia con i miei vigili. Il cellulare del sindaco dedicato ai cittadini sempre acceso 24 ore su 24, le segnalazioni dei cittadini e spesso anche dei commercianti hanno permesso comunque alcune azioni mirate di prevenzione fruttuose. Per il futuro si continuerà in questo modo, con l’aggiunta di una app scaricabile gratuitamente su cellulare che permette ai cittadini una segnalazione rapida con l’indicazione automatica del punto da dove arriva. Questa app è già in funzione da alcuni giorni e le informazioni sono sul sito del comune.

Giovani. Che ruolo avranno all’interno della vostra amministrazione?

Oltre alle iniziative messe in atto in questi anni ( Progetto Giovani Card,  Progetto Giovani, Organizzazione di eventi formativi, sostegno delle associazioni del territorio per incontri culturali, organizzazione evento festa di primavera, organizzazione di eventi/intrattenimenti musicali con gruppi consolidati ed emergenti) abbiamo messo in programma l’organizzazione del “Consiglio dei Giovani” rivolto ai ragazzi dai 14 ai 17 anni le cui proposte saranno portate all’attenzione del Consiglio Comunale. Un ruolo questo importante per far capire loro come funziona la macchina comunale e prepararli all’ingresso nella maggiore età e accesso al diritto di votare ed essere votato. Il fatto poi che le loro proposte saranno portate in consiglio comunale sta a dimostrare il valore che diamo al loro supporto.

Nella corsa a sindaco di Torre Boldone c’è qualcosa che, secondo lei, la vostra lista ha in più dei concorrenti?

C’è un candidato sindaco che teme più di un altro? Che cosa abbiamo in più? La concretezza di un programma fatto non di proclami o frasi fatte, ma di azioni concrete da svolgere. I cittadini potranno così misurare oggettivamente ciò che è stato o non è stato fatto; le persone, tutte con conoscenza del territorio perchè impegnate nelle attività del territorio, da quelle sportive, a quelle sociali al volontariato. Che cosa temo? Non ho timore, ma non mi gonfio di certezze di vittoria; le elezioni sono la massima espressione di democrazia e qualunque sia il risultato va accettato senza drammi. Una sola cosa temo per il paese: la presenza di persone che mirino solo alla poltrona o che se ne fregano del territorio e, una volta eletti, brillino per assenteismo nella vita sociale. Torre Boldone non le meriterebbe e nella mia lista sono sicuro che non ce ne sono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Michela B

    Io avevo creduto in lui all’inizio ma credo, da semplice cittadina che sia giusto che un sindaco spieghi ai suoi cittadini perche’ aveva dichiarato che avrebbe lasciato verde l’area d’avanti al palazzetto e ora vuole costruirci sopra. Credo che un sindaco dovrebbe spegare ai cittadini almeno il perche’ ha cambiato idea. Cosi per me e’ poco credibile . Credo tornero’ a votare quelli di prima

    1. Scritto da Simone

      Guardi che Sessa ha ben spiegato cosa verrebbe edificato , sicuramente non i palazzi che volevano amministrazione Piazzalunga anni fa e la Lega Notd nel 2012. Essendo zona sportiva verrebbero costruite tre palazzine a tema con palestre e centri riabilitativi . Nulla a che vedere con edilizia privata e residenziale

  2. Scritto da 55 mano

    Vai avanti, sempre con lealtà, gli altri saranno costretti a smetterla di giocare alla politica e a fare i capricciosi, ma dovranno fare i conti con i cittadini di Torre Boldone.
    Grazie del’esempio.

    1. Scritto da Giulia

      I conti con i cittadini di Torre, soprattutto quelli come me che in Paese ci vivono da sempre, dovrà farli lui che abita a Scanzo e pretende di dettare legge a casa d’altri.

      1. Scritto da Silvia

        Non mi interessa dove risiede il Sindaco Sessa, per me è più che sufficiente vederlo sempre in mezzo alla gente (non solo durante la campagna elettorale) e sapere che conosce e ha a cuore il nostro comune, più di molti residenti che ci dormono soltanto…

      2. Scritto da simone

        Abitera’ a Scanzo ma è più presente di altri candidati che non si sono mai visti al mercato , al centro anziani , al parco giochi , in giro tra la gente . Lo fanno solo nei due mesi precedenti le elezioni,

      3. Scritto da Paolo

        Vero e’ di scanzo come l’assessore che gli e’ sempre in parte….. Quello preso in prestito perche li aveva finiti :)) di scanzo anche lui , la si e’ candidato sindaco tre volte e ha sempre perso ..messi bene…

      4. Scritto da Manecco

        mi dici cosa hanno fatto quelli che abitavano a Torre si ,cemento, cemento, cemento,

        1. Scritto da Claudio O

          Mi sembra che Sessa voglia fare lo stesso in parte alle poste !!!

          1. Scritto da simone

            sempre meno cemento di quanto ne aveva proposta la Lega Nord nel 2012 e del progetto che era nel cassetto della ex maggioranza.
            perchè il prato così com’è a cosa serve se non ad essere incoltivato e con polpettine avvelenate per cani

          2. Scritto da Gino

            Mi sa che ti stai sbagliando perché a casa mia 3000 mc sono meno di 2000 mq… Cari amici questo è quanto è scritto nei volantini mi sa che ci stanno prendendo in giro…

          3. Scritto da Simone

            La piazza tutta a parcheggio non la calcoliamo ? È asfalto e cemento pure quello

  3. Scritto da Manecco

    Nessuno che parla con cognizione di causa Scusate ma dove eravate durante i vari consigli comunale? NON vi ho mai visti spero visto che parlate le abbiate visti via web

    1. Scritto da Lucio

      Certo che li abbiamo visti !! Quando ha perso a pezzi la maggioranza che lo sosteneva? Quando la sua maggioranza gli ha bocciato il progetto prr cementificare area poste quando luo ci aveva messo la faccia per proteggere qurl verde? Quando ha provato a giugno a aumentare irpef e la lega lo ha bloccato evitandolo ? Quado ha cercato di far fuori un consiigliere ex maggioranza del consiglio e ha fallito?

      1. Scritto da Lucio?

        Guarda che il progetto non è mai stato bocciato! Riguarda il consiglio :)

  4. Scritto da stefano

    Quanta invidia….quanta falsità !!

  5. Scritto da Edoardo

    Fino al 2000 era leghiista.. Dopo forza italia.. Nel 2009 vince sostenuto dai partiti, che alla fine mi sembra l’abbiano scaricato..e ora si dichiara civico.. L’incorenza per la poltrona!!

    1. Scritto da luisa

      Non ci siamo….se vuole Signor Edoardo le faccio un disegnino: è successo esattamente il contrario, è stato Sessa a scaricare i partiti. E pare proprio che qualcuno stia perennemente schiumando di rabbia :)

      1. Scritto da Flavio

        Manco fosse Superman. Eppure lo aveva ammesso e dichiarato proprio lui che la Lega ha deciso di non sostenerlo più..

  6. Scritto da alex

    Ma non ti eri dimesso da Sindaco nei passati 5 anni!!!!
    E come hai fatto a ritirarle se per legge sono irrevocabili????
    Allora si può dire che alla cadrega sei molto attaccato.

  7. Scritto da Edoardo

    Fino al 2000 era leghiista.. Dopo forza italia.. Nel 2009 vince sostenuto dai partiti, che alla fine mi sembra l’abbiano scaricato..e ora si dichiara civico.. L’incorenza per la poltrona!!

  8. Scritto da manecco

    Claudio, non ti curar di loro ma guarda e passa

  9. Scritto da abes

    Nella tua lista non c’è nessuno che mira sola alla poltrona tranne te.
    I 5 anni hai cambiato 6-7-8 assessori ma tu non ti sei mai schiodato….