BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Viviamo Trescore, Vaghi: “Vogliamo più sicurezza Serve l’aiuto dei cittadini”

Attuale vicesindaco e assessore ai Servizi sociali e Istruzione, Loredana Vaghi si candida alle prossime elezioni amministrative del 25 maggio con la lista “Viviamo Trescore”: il gruppo, rinnovato, ha come obiettivi principali la sicurezza, lo spostamento della casa di riposo e la rivitalizzazione del centro.

Attuale vicesindaco e assessore ai Servizi sociali e Istruzione, Loredana Vaghi si candida alle prossime elezioni amministrative del 25 maggio con la lista “Viviamo Trescore”: il gruppo, rinnovato e che vuole ridare Trescore ai suoi cittadini perchè se ne sentano parte, ha come obiettivi principali la sicurezza, lo spostamento della casa di riposo e la rivitalizzazione del centro. Partiamo con il punto nodale, la sicurezza.

“Il nostro intento prevede il potenziamento dell’illuminazione pubblica, sicuramente il miglior deterrente, coadiuvato da un buon servizio di videosorveglianza in grado di leggere le targhe delle automobili – dichiara Loredana Vaghi – Ci piacerebbe istituire una commissione di vigilanza di cui faranno parte diversi volontari, l’ideale sarebbe trovare un volontario per ogni zona del paese che collaborerà congiuntamente con l’amministrazione e con la polizia locale. Vorremmo che i cittadini abbiamo sempre un punto di riferimento loro vicino. E’ indubbio che per realizzare questo progetto e gli altri presenti nel nostro programma serve l’aiuto della popolazione. L’amministrazione da sola non ce la fa, ci serve un sostegno sin dove questo sia possibile. Possiamo contare sulle numerose Associazioni di Trescore che operano con costanza sul territorio. Daremo loro la massima visibilità. Se riusciremo a rendere Trescore un paese sicuro sarà anche possibile farlo rivivere. Quello che in questi anni abbiamo notato è un netto allontanamento del cittadino che sente il paese come qualche cosa che non gli appartiene. Noi vogliamo invece che la gente si senta parte del paese. L’Amministrazione non deve essere considerata una scatola chiusa e lontana dalla popolazione. Recuperiamo il rapporto di legame con il cittadino”.

Ciò che la lista si propone di cambiare è la vitalità del centro: “Oggi mancano le iniziative. Vogliamo organizzare eventi artistici, culturali, folkloristici, a scadenza fissa, agganciandoci a quelle che già ci sono, utilizzando la pro loco e IGEA. Unendo le forze sarà possibile rendere il centro di Trescore attrattivo non solo per i cittadini ma anche per i turisti”.

Nel programma, naturalmente, ampio spazio è dedicato al sociale: massima attenzione nei confronti dei problemi generazionali, dall’alcol alle ludopatie e, al fine di sensibilizzare giovani ed adulti, verranno organizzati incontri con gli esperti, con la volontà di coinvolgere anche le scuole.

Sul versante istruzione, invece, è in progetto la costruzione della nuova mensa e continueremo con la diversificazione degli orari scolastici, offrendo la possibilità di scegliere tra tempo pieno e tempo normale”.

Progetto clou della lista “Viviamo Trescore” è lo spostamento dell’attuale casa di riposo: “Ora è al parco Dalmine e verrà spostata al Sacro Cuore dove c’è la ASL che ha già firmato per lo spostamento da effettuarsi nel 2015. Lo spazio del parco Dalmine, che appartiene al Comune, verrà utilizzato come centro civico di aggregazione”.

Per la viabilità due sono i progetti sovracomunali importanti: la creazione del secondo tratto della statale 42 e la metro tram via per il collegamento con Bergamo.

“Il gruppo di Viviamo Trescore – conclude Vaghi – è un gruppo nuovo che unisce l’esperienza di alcuni membri della maggioranza uscente alla dinamicità, alla competenza e alla voglia di fare della maggioranza dei nuovi candidati consiglieri che sono alla loro prima esperienza”.

Giorgia Latini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.