BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Livaja-Atalanta addio L’attaccante croato al Rubin per 6 milioni

L'ex interista saluta Bergamo e i bergamaschi senza lacrime e nostalgia e vola in Russia. I rapporti coi tifosi nerazzurri si erano spaccati dopo la lite del 20 aprile scorso culminata con gli insulti sui social network.

E’ finita l’avventura bergamasca di Marko Livaja: l’attaccante croato è stato infatti ceduto ai russi del Rubin Kazan dopo una stagione assolutamente poco brillante che ha visto l’ex bomber della Primavera dell’Inter finire ai margini della rosa. La spaccatura definitiva tra Livaja e l’Atalanta era arrivata lo scorso 20 aprile, quando il numero 7 nerazzurro è stato sostituito durante il match perso dai bergamaschi con l’Hellas Verona: infuriato con Colantuono per il cambio, Livaja ha pensato bene di rispondere ai tifosi che dietro la panchina lo fischiavano dopo l’ennesima prova incolore. Una discussione ben presto sfociata nella rissa verbale (solo grazie alle barriere che dividono spalti e campo di gioco) prima al Comunale e poi sui social network.

Il club di Percassi, dopo quel’episodio, ha invitato il croato a restarsene nella sua città, a Spalato, in attesa della decisione suo futuro. Decisione arrivata proprio in questi giorni: Inter e Atalanta (proprietarie del cartellino in comproprietà) hanno accettato la splendida offerta del Rubin Kazan che, stando all’aggiornatissimo giornalista di Sky Gianluca Di Marzio, avrebbe messo sul piatto della bilancia la bellezza di 6,1 milioni di euro, prontamente accettati dai due club nerazzurri. Sempre secondo Di Marzo, Livaja avrebbe già sostenuto le visite mediche in Russia.

Per l’Atalanta, che per l’acquisto del croato non aveva speso nulla (rientraa nell’operazione che ha portato Schelotto a Milano) è dunque in arrivo una sostanziosa plusvalenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Almagro

    Ennesimo miracolo di Marino….e il bello che ci sono quelli che rimpiangono Giacobazzi e Osti. Il primo, una volta lasciata Bergamo, è andato un paio di mesi al Livorno, poi è sparito nel nulla, fuori dal mondo del calcio. Il secondo è andato a Lecce (retrocesso subito) e poi a Genova, dove è rimasto circa 9 mesi…poi cacciato con Delio Rossi. Complimentoni.