BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Màrquez a Kerouac: giro del mondo poetico con Intercultura

Venerdì 16 maggio giro del mondo attraverso la poesia: letture di sei studenti stranieri attualmente accolti per un anno dalle famiglie bergamasche con un programma di Intercultura

Più informazioni su

Si aprirà con la strofa di apertura de Il Viaggio del poète maudit Charles Baudelaire, la serata intitolata “Con il cuore (e la mente) oltre il confine” organizzata dai volontari di Bergamo della onlus Intercultura, venerdì 16 maggio, a partire dalle 17.45 alla Fonovideoteca Gavazzeni in Città Alta.

Protagonisti, saranno dei grandi viaggiatori nonostante la loro giovane età. Si tratta dei sei studenti stranieri attualmente accolti per un anno dalle famiglie bergamasche con un programma di Intercultura: la colombiana Yeine, l’honduregno Frederick, la paraguayana Paloma, la serba Katarina, la thailandese Nattaya e lo statunitense Joshua.

I sei adolescenti coinvolgeranno la cittadinanza bergamasca in un evento sicuramente singolare e inedito leggendo, prima in lingua originale, per conservarne la musicalità, e poi nella traduzione in italiano, alcune poesie di importanti autori dei loro Paesi.

Si partirà la “Fiaba cruenta” della poetessa serba Desanka Maksimovic, (1898-1993), insignita di numerosi premi letterari in lingua serba tra cui Vuk Award. Il brano è dedicato ai giovani studenti morti in una delle tante inutili guerre di cui i Balcani sono state terre fortemente colpite, dalla Prima Guerra Mondiale, di cui stiamo per celebrare l’anniversario, alla più recente, dovuta al disfacimento della ex Jugoslavia.

Seconda tappa, in questo giro del mondo attraverso la poesia, sarà la “terra dei sorrisi”, con le poesie dell’autore thailandese Zakariya Amataya (n. 1975,) musulmano esperto conoscitore della lingua araba ed indù, vincitore nel 2010 del Southeast Asia Writers Award, premio solitamente riservato ai buddisti.

Un salto attraverso l’oceano e approdiamo quindi negli Usa, con le poesie dell’autore viaggiatore per antonomasia e padre spirituale della beat generation, Jack Kerouac. Tre i brani che verranno letti da Joshua, tra cui “Bus east” che ricorda uno dei momenti più amati da generazioni di adolescenti partiti negli ultimi 60 anni alla volta degli Stati Uniti.

Si scenderà quindi verso sud, nel Paraguay, terra natia di Carlos Miguel Gimenez (n.1914), considerato in patria come il poeta dell’unità nazionale. Il brano scelto da Paloma si intitola infatti “La mia patria sognata”. Questa la splendida chiusa finale, valida per qualsiasi popolo: “Sogno una patria senza fame né pene/né odiose catene che impegnino il suo onore/dove il bene imperi senza sangue”.

Chiuderanno la serata due artisti colombiani: Meira Delmar (n. 1922) figlia di emigrati libanesi, vincitrice di numerosi premi letterari, membro dell’ Academia Colombiana de la Lengua, la maggiore esponente femminile della poesia colombiana e il compianto Gabriel Garcìa Màrquez, mancato solo qualche settimana fa, di cui verrà letta la poesia: “Sin titulo”

Per ricevere maggiori informazioni sul programma di ospitalità e sulle attività di Intercultura nel Centro locale di Bergamo è possibile contattare la Responsabile dei programmi di ospitalità, Ilaria Donadoni all’indirizzo gemmai ilariadonadoni@hotmail.it, oppure visitare il sito dell’Associazione, all’indirizzo www.intercultura.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.