BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Con l’app Atb Mobile bus e parcheggi si pagano da smartphone e tablet

Scaricabile gratuitamente, l'innovativa applicazione rivoluzionerà la mobilità nel centro cittadino e non solo. E' divisa in quattro sezioni e permette di acquistare biglietti per i servizi pubblici e ticket per la sosta con la carta di credito, in tutta sicurezza.

Più informazioni su

Acquistare il biglietto dell’autobus, del tram e della funicolare e pagare la sosta nelle strisce blu non è mai stato così facile grazie all’applicazione Atb Mobile che permette di pagare le tariffe comodamente con smartphone e tablet.

La novità, presentata giovedì 15 maggio nella sala Traini del Credito Bergamasco, rappresenta una vera e propria rivoluzione per la mobilità nel centro cittadino e non solo. Si tratta infatti di un’app gratuita, per iOS e Android, in italiano e in inglese, che consente di acquistare i servizi attraverso l’applicazione Youpay mobile del Banco Popolare, che ha sviluppato il progeto in collaborazione con Atb. Divisa in quattro sezioni – trasporto, parcheggi, ztl e bike sharing –, l’app permette di avere tutte le informazioni disponibili, utili per muoversi in città e sulla rete Atb. Il grande vantaggio per cittadini e turisti sta nella possibilità di acquistare i biglietti di autobus, tram e funicolare direttamente alla fermata, senza sovrapprezo. "Con questa novità – commenta il presidente di Atb Fabrizio Antonello – puntiamo a soddisfare le esigenze di un’utenza sempre più orientata all’utilizzo di soluzioni di pagamento ad alto contenuto tecnologico".

"A breve – continua Gianni Scarfone, direttore di Atb – è previsto un ulteriore miglioramento dei servizi ai clienti con l’introduzione del ‘calcola percorso’ di Google Transit. Così, sarà possibile trovare il mezzo adeguato alle proprie esigenze di mobilità, semplicemente specificando origine e destinazione del proprio viaggio".

"Con questo progetto – è il commento di Stefano Donigatti, responsabile Banca Transazionale del Banco Popolare – confermiano, in un momento di grande trasformazione del mercato, di essere al passo coi tempi e sempre più leader in Italia con le innovative e sicure soluzioni di Mobile Payment". Attraverso l’app Youpay mobile, anch’essa scaricabile gratuitamente, gli utenti potranno così acquistare biglietti e pagare la sosta in totale autonomia e comodità, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Sarà indispensabile la carta di credito.

"Con questo progetto – ha chiuso il direttore Territoriale del Credito Bergamasco Cristiano Carrus – vogliamo testimoniare una volta di più la nostra vicinanza al territorio e alle famiglie bergamasche. La nostra banca è, per sua vocazione, costantemente alla ricerca di nuove soluziuoni per assistere e facilitare la clientela sia nella realizzazione di grandi progetti, sia nella vita di tutti i giorni".

LE QUATTRO SEZIONI

1) Trasporto, parcheggi, ztl e bike sharingh – Qua si possono scegliere le linee da utilizzare, scorrendo fermate e orari, e acquistare direttamente il biglietto con carta di credito. Ultimato l’acquisto, il ticket compare nell’arera dedicata "I miei biglietti" sotto forma di QR Code, valido a tutti gli effetti come un biglietto cartaceo da mostrare su richiesta del verificatore munito di lettore per la convalida. Il ticket digitale costa esattamente come il cartaceo e ha una validità di 5 minuti più lunga rispetto a quest’ultimo dal momento che dovrà essere acquistato prima di salire a bordo del mezzo.

2) Parcheggi – Questa seconda sezione suggerisce l’area sosta più vicina – con tanto di distanza in metri rispetto alla posizione rilevata dal satellite di Google Maps – tra quelle "pubbliche", "parcometro" e "gestite da privati". Per le aree parcheggio su strisce blu si specifica la capienza, l’orario di sosta a pagamento e la tariffa oraria. Per acquistare il ticket è sufficiente inserire il numero di targa della vettura da parcheggiare e la durata della sosta, che una volta acquistata compare nell’apposita area "Le mie soste".

3) Zone a Traffico Limitato – Indica la mappa dei varchi attivi – con la relativa distanza – e la lista dei varchi che consente di conoscere l’orario d’accesso alla ztl consentito per il carico-scarico delle merci.

4) Bike sharing – Qui, in quest’ultima sezione, si ha una panoramica delle ciclostazioni attive, aggiornata in tempo reale con le biciclette disponibili, i posti liberi e, al bisogno, le biciclette inattive.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Narno Pinotti

    Ho un tablet con Android, ma ricevo il messaggio che l’applicazione non è compatibile con il mio dispositivo. Peccato, sembra una ottima idea.

  2. Scritto da Andrea

    trovo pessimo che il biglietto possa essere acquistato al massimo 5 minuti prima di salire sull’autobus…così serve davvero a poco (mettersi a maneggiare con smartphone e carta di credito per strada non è il massimo)

  3. Scritto da Dario

    Provata da poco, secondo me discretamente un disastro.
    1- dove è il canale per feedback e problemi?
    2- perchè devo scaricare una app di terzi per i pagamenti?
    3- curioso come io possa cercare una tratta ma poi non riesca ad acquistare il biglietto, devo uscire e prenderlo per zone. No perchè tutti sappiamo benissimo a memoria quali sono le zone.
    4- la UI necessita di seri aggiustamenti
    5- rilasciare opendata fa schifo vero?
    Sono solo alcuni dei feedback oggettivi che si possono dare.

  4. Scritto da baz

    e chi usa Windows Phone, che in Italia ha il 20% di mercato?

    1. Scritto da Paoletta

      Ahahahah ma che 20%, è il 6.88%…

    2. Scritto da Carlo

      al se teca !!!

      1. Scritto da baz

        eh… esatto. La cosa di per se stessa non me ne frega per niente, vivo benissimo senza. Ma se vogliono fare i “grandi” e credono che le applicazioni sui telefoni siano importanti, allora devono svilupparle per tutti oppure fare meno scene e risparmiare i nostri soldi.

        1. Scritto da Emanuele

          Le devono sviluppare anche per Bada ed OpenMoko?
          Ovviamente si limitano ai SO più diffusi e Windozz Phone sicuramente non lo è… hai voluto un telefono di nicchia? Questo è il risultato!