BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Parcheggio dell’ospedale, la soluzione? Creare un’altra area di sosta”

Giorgio Gori propone una soluzione per risolvere il problema del parcheggio al nuovo ospedale. Tariffe troppo alte, posti non sufficienti, code, collegamenti precari con i trasporti pubblici: qualsiasi cittadino bergamasco ha vissuto i disagi della viabilità della zona. “Il parcheggio è costoso e non sostenibile – spiega il candidato sindaco del centrosinistra -. Dobbiamo cercare di smuovere una situazione che è cementificata".

Più informazioni su

Giorgio Gori propone una soluzione per risolvere il problema del parcheggio al nuovo ospedale. Tariffe troppo alte, posti non sufficienti, code, collegamenti precari con i trasporti pubblici: qualsiasi cittadino bergamasco ha vissuto i disagi della viabilità della zona. “Il parcheggio è costoso e non sostenibile – spiega il candidato sindaco del centrosinistra -. Dobbiamo cercare di smuovere una situazione che è cementificata. Nell’attesa di trovare le risorse per far tornare pubblico il parcheggio si può disciplinare la sosta. Il Comune potrebbe promuovere protocollo d’intesa per creare aree di sosta gratuite. Noi pensiamo all’area di fronte alla motorizzazione. Già asfaltata, occupata da un deposito di legnami. Decongestionerebbe la situazione. Non è la soluzione definitiva, però aiuterebbe”.

Stefano Magnone e Stefano Fagiuoli, primari del Papa Giovanni XXIII, sono candidati nella lista Giorgio Gori sindaco. Conosco i problemi della viabilità per esperienza diretta. “L’acessibilià dell’ospedale è un tema fondamentale – spiega Magnone -. Partiamo dalle piccole cose: non ci sono marciapiedi per attraversare via alla Trucca. Mancano anche i collegamenti ciclo pedonali. La linea 2 dell’Atb è poco efficiente, si ferma alle 20.30, che è ancora orario diance la stazione di Bike sharing”.

Fagiuoli crede che l’amministrazione debba avere un ruolo più centrale anche nel coordinamento delle reti territoriali. “I cambiamenti organizzativi nella gestione della città sono lunghi, lo sappiamo. Però è indispensabile avviare lo sviluppo delle reti associative, il coordinamento e integrazione tra l’ospedale e il territorio. Anche in questo modo i bergamaschi potranno sentire l’ospedale come un loro servizio. Ad oggi non c’è un legame tra tutto l’associazionismo bergamasca che opera in quel settore. E’ uno spreco di risorse ed energie”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano Magnone

    Sommessamente faccio notare che non sono primario (rectius Direttore) ma un semplice dirigente medico. Grazie comunque per l’upgrade.
    Anche io sono convinto che la soluzione migliore sia il rientro del diritto di superficie nelle mani dell’Azienda Ospedaliera, ma le risorse necessarie sono ingenti. Nel frattempo credo che le soluzioni proposte, ancorché in parte da negoziare con la BHP, siano ampiamente praticabili. Aggiungo il tema dell’accessibilità con bus, treno (oneroso) e bici/piedi.

  2. Scritto da Kiko

    al posto di cementare ancora aumentate i mezzi pubblici cittadini almeno al mattino e la sera dopo le 20.00 vedrete che pure i giovani ne usufruiranno, siamo o non siamo in una città ?

  3. Scritto da il polemico

    cavolo,proporre di spendere soldi per creare un parcheggio vicino alla motorizzazione,quando 200 metri più avanti c’è l’enorme parcheggio dell’auchan…beh,spendere milioni per far risparmiare 400 metri di tragitto è una vero affare specialmente per chi è proprietario dell’area che cosi trova un acquirente pubblico che lo pagherà bene.e la cosa bella,è che servirebbe solo come soluzione provvisoria,e che qindi in futuro non dovrebbe più servire,ma i soldi spesi rimarrebbero.mitico gori

  4. Scritto da Ric

    Uffa, Gori, può informarsi prima di parlare? Non è consentito realizzare altri parcheggi nelle vicinanze. Se fosse stato a Bergamo negli ultimi anni (non dico in Consiglio Comunale, ma proprio a Bergamo) forse lo saprebbe…

  5. Scritto da siamo seri

    La soluzione vera è fare due conti in tasca su costi e ricavi della gestione del parcheggio e imporre la ricontrattazione della convenzione-capestro. Le altre sono boutade pre-elottoralistiche che non hanno alcun fondamento. Se sono così realizzabili perchè non sono mai uscite in 5 anni di opposizione?

    1. Scritto da ugo

      si vede che a quelli della maggioranza andava bene così, soldi ai privati gabelle ai cittadini in visita ai propri malati. vota lega!

      1. Scritto da siamo seri

        vota lega? Ma guarda che la convenzione che dava soldi ai cittadini l’ha approvata la Provincia dove la Lega era in maggioranza, e al comune di Bergamo sono stati zitti…Forse hai sbagliato partito

  6. Scritto da usiamo il cervello

    Ma quando hanno trattato per la convenzione del parcheggio in “project financing” (che tradotto signiifica regalare quattrini pubblici ai privati), dov’erano i rappresentanti politici del PD in Comune, Provincia, Regione? Perchè non hanno fatto due conti e segnalato ai cittadini che un’opera che poteva costare max 20 ml di euro per costruzione e gestione, in 30 anni ne avrebbe reso 250? E adesso escono con la sparata di costruire un altro parcheggio dove non si può.

  7. Scritto da Adriano

    A me l’unica soluzione praticabile pare quella del riscatto del parcheggio da parte delle strutture pubbliche…come doveva essere fatto ad origine…solo gli amici di bettoni potevano pensare ad un parcheggio finanziato da privati a servizio dell’ospedale cosa pensavano che lo offrissero a gratis ?

  8. Scritto da Adriano

    A me l’unica soluzione praticabile pare quella del riscatto del parcheggio da parte delle strutture pubbliche…come doveva essere fatto ad origine…solo gli amici di bettoni potevano pensare ad un parcheggio finanziato da privati a servizio dell’ospedale cosa pensavano che lo offrissero a gratis ?

    1. Scritto da fas-us

      SCRIVA PIROVANO, NON BETTONI. Forse la cosa ha più senso.

      1. Scritto da ALFREDO DE MARCHI

        PER LA PRECISIONE GLI ATTORI DI QUESTO BRUTTO FILM SONO : : ROBERTO FORMIGONI E LA LOBBY DI DIO, REGISTI – CESARE VENEZIANI SINDACO DI BERGAMO -TENTORIO VICE SINDACO E ASSESSORE AL PATRIMONIO – BETTONI CON LA SCATOLA CINESE BM2 – PIROVANO E INFRASTUTTURE LOMBARDE .

  9. Scritto da Marco Brembilla

    Anzitutto un altro parcheggio si può realizzare; a distanza di 200 metri e mi sembra che quanto proposto da Gori lo sia. Nessuno parla di consumo di suolo, ma di un’area ex industriale anche se di proprietà privata. Credo inoltre che, con il concorso di tutti gli attori in campo (Provincia, Comune, Regione, BHP) si possa fare qualcosa per le tariffe. Poi se si vogliono le polemiche ad ogni costo facciamole, la proposta mi sembra percorribile e “non consuma suolo”.

    1. Scritto da Roberto Trussardi

      I 200 metri sono dall’area delimitata in verde nella planimetria allegata alla convenzione (art 5 disciplinare). Tu hai visto la planimetria? da dove iniziano i 200 m? Attendo risposta

      1. Scritto da Marco Brembilla

        Premesso che ho grossi dubbi sulla legittimità di quanto scritto nel preliminare. Se anche fosse io credo che la proposta per risolvere il problema sia valida , anche se temporanea.
        Il problema non è chi è più bravo e chi no, chi sa tutto e chi no, il problema è fare tutto quanto possibile per rivedere la convenzione, cercare alternative, fare in modo che il parcheggio dell’ospedale sia sì a pagamento ma con tariffe moderate, visto che è a servizio di una struttura sanitaria.

      2. Scritto da polaroid

        … inoltri la planimetria (e relativa convenzione) a bg news così viene pubblicata e ci togliamo il dubbio, visto che lei lo sa e noi poveri mortali dobbiamo crederle sulla parola…

  10. Scritto da Roberto Trussardi

    Ma Gori non sa che non è possibile? la concessione a BHP non consente di realizzare parcheggi nelle vicinanze dell’ospedale, se non con il consenso della stessa BHP, che ovviamente non darà. Perchè non studia e non si informa? io e Rocco Gargano abbiamo fatto un esposto alla Corte dei Conti sull’argomento e la stampa ne ha parlato. C’è modo invece di abbassare le tariffe dell’attuale parcheggio e abbiamo spiegato come.

    1. Scritto da Stefano Magnone

      La cosa non è così pacifica dal momento che l’area da noi individuata è a circa 0,5 km dalla rotonda che immette ai viali dell’ospedale sulla via ML King, quindi oltre i 200 mt previsto dal punto 5 art 6 del disciplinare di attuazione della convenzione. Concordo invece sulla revisione delle tariffe, le due cose non si escludono. Escluderei invece, ma qui è più difficile, i continui insulti e inviti a studiare. Si abbia più rispetto, ma, ripeto, in certi ambienti è difficile.

    2. Scritto da ru

      Questa risposta, gentile Trussardi, conferma che Gori non c’azzecca nulla. Né con Bergamo, né con la sinistra, né il centro sinistra. Mi avete dato altri motivi per votarvi. E per constatare la miseria di una pseudo sinistra. Altro che veranda: questo è un AUTOGOL per cui Gori dovrebbe dimettersi. DAVVERO.

  11. Scritto da dark

    Proprio geniale! Fatta una p…cata la si lascia e si toglie altro verde. Stiamo proprio ben messi quanto a profili di politica amministrativa. Un po’ di coraggio, suvvia…

    1. Scritto da Stefano Magnone

      Dove sarebbe il verde tagliato nella proposta fatta?

  12. Scritto da giupì

    Va bene pensare al parcheggio. Ma, per qualsiasi altra iniziativa, per favore, occhio al consumo di terreno coltivo (per es. parcheggi in verticale). Una volta cementificato, avendo sbancato lo strato umificato, il terreno non è più recuperabile alla coltivazione. Altro problema: far tornare bergamaschi e bergafemmine alla terrra, anche soltanto per microprogetti concreti e continuativi, autogestiti e condivisi non soltanto a parole. La spinta, però, deve venire dal basso.

    1. Scritto da Stefano Magnone

      Considerazioni interessanti, anche se esulano dal problema parcheggio, che comunque va risolot senza consumo di suolo. L’area della segheria ci sembra appunto adatta allo scopo. Per quanto riguarda i microprogetti abbiamo in mente un tavolo di coordinamento tra le tante realtà produttive orto-frutticole intorno alla città, anche per creare una loro rete commerciale nei quartieri privi di negozi. Grazie.

  13. Scritto da Parking

    CHE FIGURACCE CON STO OSPEDALE !

  14. Scritto da gianni locatelli

    brava lista Gori! siete i migliori!! seri, corretti e precisi nelle proposte.

    1. Scritto da ALFREDO DE MARCHI

      Legge n. 122 /1989 – prevede che nelle nuove costruzione la realizzazione di parcheggi pertinenziali GRATUITI –
      Il D.lgs 285 /1992 c.d.l. – sancisce che in prossimità di parcheggi a pagamento – l’istituzione di parcheggi gratuiti.
      L’ottimale e più economica soluzione è quella di realizzare la stazione ferroviaria di fronte l’ospedale . Solo cosi il gestore privato , sempre più ingordo e mai satollo , ridurrà le tariffe del caro parcheggio . ALFREDO DE MARCHI . .