BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“I comunisti mangiano i bambini”: il libro di Pivato a Bergamo

Giovedì 15 maggio al Convento di San Francesco lo storico Stefano Pivato presenta il suo ultimo libro “I comunisti mangiano i bambini. Storia di una leggenda”

Più informazioni su

Giovedì 15 maggio alle 18, nella sala capitolare del Convento di San Francesco lo storico Stefano Pivato presenterà il suo ultimo libro “I comunisti mangiano i bambini. Storia di una leggenda”.

L’accusa di mangiare i bambini è stata senza dubbio l’invenzione di maggior successo nella propaganda anticomunista novecentesca.

È una leggenda che trae origine da alcuni fatti reali – episodi di cannibalismo in Unione Sovietica durante le carestie degli anni Venti e Trenta – rilanciati dalla Repubblica sociale italiana nel momento più difficile della Seconda guerra mondiale e ancora ripresi nelle campagne elettorali del dopoguerra.

Al centro di questa leggenda politica c’è anche la nuova importanza dell’infanzia nel Novecento e la lotta tra organizzazioni di diverso orientamento politico per assicurarsene il controllo.

Stefano Pivato insegna Storia contemporanea presso l’Università degli Studi Carlo Bo di Urbino, della quale è stato sino a poco tempo fa rettore.

È autore di diverse ricerche innovative sulla storia sociale del Novecento quali “La storia leggera. L’uso pubblico della storia della canzone italiana” e “Il secolo del rumore. Il paesaggio sonoro nel Novecento”.

È un nuovo incontro del ciclo di conferenze La casa della storia organizzato dalla Fondazione Bergamo nella storia in collaborazione con l’Associazione Amici del Museo storico, che si svolge il terzo giovedì del mese alle 18 nella sala capitolare del Convento di San Francesco, Piazza Mercato del fieno 6/a, Città Alta. Ingresso libero.

Per informazioni: tel. 035 247116 / 035 226332 www.bergamoestoria.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da greatguy

    magari non li mangiano..ma sicuramente fanno di tutto per rovinargli il futuro e azzerarli come individui liberi di esprimersi e ambire a realizzarsi.