BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ghiaie, migliaia di fedeli a Bonate per la Madonna Mentre la Chiesa nega fotogallery

Martedì, nel giorno del settantesimo anniversario della prima apparizione mariana, la cappelletta di Bonate si è riempita di fedeli. Ma stando alla Curia la devozione verso la Vergine delle Ghiaie resta "vietata".

Sono passati settant’anni esatti dalla prima apparizione della Madonna delle Ghiaie a Bonate Sopra e, oggi come allora, la Vergine continua ad essere fonte di dibattiti e discussioni. Secondo la Chiesa, che ha analizzato il caso più e più volte (decine sono i libri che parlano delle indagini di don Luigi Cortesi, il professore del Seminario di Bergamo che ai tempi ha studiato la faccenda anche nei più minuziosi particolari), quelle apparizioni restano "presunte", mentre per i tantissimi fedeli devoti i fatti che tra il 13 e il 31 maggio hanno radunato nell’Isola bergamasca migliaia di persone – e attirato l’attenzione persino dei nazisti tedeschi – sono realmente accaduti.

Martedì, nel giorno del settantesimo anniversario della prima apparizione mariana, la cappelletta di Bonate Sopra si è riempita di fedeli che, come ogni anno, non si sono dimenticati di passare dalla Vergine per una preghiera veloce o per presenziare ad una delle tante messe celebrate. Nemmeno la pioggia, caduta copiosa intorno alle 16, ha scoraggiato i devoti che, armati di ombrello, fede e pazienza, hanno deciso di sfidare le intemperie (come si può vedere e sentire da questo video).

Il sentitissimo appuntamento, che i cristiani bergamaschi – e non – attendevano da tempo, ha dunque riscosso il successo che tutti si aspettavano, nonostante la Curia di Bergamo non abbia mai riconosciuto le apparizioni: ufficialmente, infatti, il caso è stato chiuso il 30 aprile del 1948 con un decreto "non consta" firmato dall’allora vescovo di Bergamo Adriano Bernareggi. Eppure, quella bimba di sette anni, Adelaide Roncalli, di gente sui prati di Bonate Sopra ne aveva radunata, nonostante i dubbi sollevati sin da subito dalla Chiesa e la guerra nel pieno del suo svolgimento (solo un mese e mezzo dopo la Dalmine, oggi Tenaris, avrebbe subito lo spaventoso attacco che ha portato morte e distruzione): una volta sparsa la notizia i treni di mezza Italia si sono riempiti per raggiungere quella piccola località della provincia bergamasca che per diciotto giorni ha regalato guarigioni inspiegabili ai dottori.

Inutile dire che la vita della piccola Adelaide dopo quelle visioni è cambiata radicalmente. Sono infatti seguiti processi, interrogatori, dubbi, indagini, dichiarazioni e successive smentite, il tutto sotto l’occhio vigile di una commissione teologa istituita dal vescovo in persona, che alla fine ha deciso di vietare ogni forma di devozione verso una serie di apparizioni (13 in tutto, 8 con la Sacra Famiglia) che non sono mai state confermate.

Ma questo poco importa ai tantissimi pellegrini che, spinti dalla fede e alla devozione, in questi settant’anni non si sono mai chiesti se quei piccoli miracoli che hanno portato nella Bergamasca la Madonna si siano verificati davvero oppure no. Nel frattempo i venditori ambulanti si sfregano le mani: ogni anno, con le bancarelle, alle Ghiaie di Bonate si fanno degli ottimi affari.

(Foto tratte da madonnadelleghiaie.it)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da GIGI

    Ora Adelaide e’ nella Pace del Signore a contemplare la Sacra Famiglia.Da lassu’ interceda per noi e e sulle nostre miserie quotidiane. Ricordiamoci di lei come lei lo fa per noi.
    Grazie Adelaide, piccola grande figlia di questa terra bergamasca sorgente e patria di uomini e donne di Fede e Santita’.

  2. Scritto da lupo

    Perfetto, BGnews, con l’ultima frase hai come sempre perso l’occasione per stare zitto su certi argomenti, dimostrando l’acume dei tuoi reporter e dello staff dirigenziale che ne ha consentito la ubblicazione. Mischiare frittelle con l’Acqua Santa significa non portare alcun rispetto in chi crede, ma si sà………la mamma degli stolti…..

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      se non è vero smentisca, altrimenti meglio saper tacere

  3. Scritto da Luca Lazzaretti

    La chiesa nella sua saggezza non obbliga a credere alle apparizioni e non costituiscono dogma di fede neppure quelle riconosciute come Lourdes o fatima…se qualcuno però crede convintamente e questi pellegrinaggi aiutano veramente a cambiare il cuore e a credere a Gesù Cristo allora ben vengano.

  4. Scritto da mistero

    Credenti o non non scherzate su questo

  5. Scritto da Indignato

    Per cognizione dei fatti oggi Adelaide Roncalli vive altrove (lontano dal clamore suscitato dai fatti) e spesso ritorna a ghiaie in forma totalmente anonima. Parlando direttamente con una parente stretta, Adelaide è una sensitiva a tutti gli effetti; ha assistito a tanti miracoli e fatti che hanno cambiato chi l’ha incontrata. Se la Chiesa non riconosce l’apparizione, perché si è riservata il diritto di intascarsi gli oboli dei pellegrini e ne vieta ad altre associazioni la beneficenza?

    1. Scritto da Paolino

      Ma infatti (da non credente) ritengo sarebbe opportuno fare chiarezza sul perché di certi aspetti puramente umani e materiali…..

  6. Scritto da Paolino

    Per me Dio non esiste e nemmeno la Madonna. Però, visto che riconoscono apparizioni in tutti i posti più disparati, perché (per chi crede ed ha bisogno di questo conforto psicologico) non approvare anche quelle di Ghiaie? (La domanda è rivolta alla Chiesa e al Clero).

    1. Scritto da F. Rampinelli

      Per me Psicologico non esiste e nemmeno Paolino. Però, visto che tutti cianciano, perché (per chi ha bisogno di far prendere aria alla bocca e sgranchire le dita sulla tastiera) non far parlare anche chi non ha niente da dire)

      1. Scritto da Paolino

        Sapientino, quando hai aperto la seconda parentesi che hai chiuso? Di divino credo non ci sia nulla, ma di violenze psicologiche su una bimba di sei anni perpetrate da preti e suore all’epoca dei fatti di Ghiaie, credo si possa ampiamente dibattere. Per documentarsi: Adelaide speranza e perdono, La fede della gente a Bonate, Fatti e Misfatti di Ghiaie di Bonate, http://www.madonnadelleghiaie.it

  7. Scritto da tino

    Vietata ? questa e’ bella ! io nel mio giardino ho una Madonnina, per ora non piange, ma tutti i giorni recito il Santo Rosario, se posso…

  8. Scritto da Flaminio

    Non so se le bancarelle facciano ottimi affari, certamente è uno dei pochissimi luoghi di apparizione che non è diventato un business economico come tanti altri