BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

BergamoNews a Cannes tra le stelle del Festival più patinato d’Europa

La nostra critica cinematografica Paola Suardi è a Cannes per seguire la 67esima edizione del Festival del cinema più patinato d'Europa che apre i battenti mercoledì 14 maggio: tra le stelle più luminose del grande schermo l'Italia continua ad essere protagonista.

Dal 14 al 25 maggio la Costa Azzurra torna ad ospitare le più importanti stelle del grande schermo. Il Festival cinematografico più patinato d’Europa è pronto per una 12 giorni di proiezioni intense e di grande interesse. Tante le pellicole in concorso: dal ritorno dei registi David Cronenberg e Mike Leigh, all’attesissimo film sulla vita di Grace Kelly. Per i fan da non perdere la sfilata di star sul red carpet nella splendida Croisette.

Il film d’apertura del 67° Festival del Cinema di Cannes è sicuramente il più foriero di gossip. Una splendida Nicole Kidman interpreta la Principessa di Monaco Grace Kelly in un biopic diretto dal francese Olivier Dahan. La famiglia Grimaldi sembra non aver gradito molto la pellicola, accusandola infatti di dipingere la musa di Hitchock come un’eroina, a discapito del Principe Ranieri, del quale emergerebbe il ritratto di un uomo debole e possessivo. Vedremo.

La storia del Festival inizia nel 1939, ma si dovrà attendere il 1946 per avere la prima vera edizione. La kermesse francese infatti, nata da un’idea del ministro Jean Zay che mal sopportava le ingerenze nazifasciste sul Festival del Cinema di Venezia, avrebbe dovuto avere luogo il 30 settembre del ’39 ma la guerra rimandò tutto al settembre del 1946. Anno che vide Roberto Rossellini vincere il Gran Prix con una delle opere più rappresentative del neorealismo italiano: “Roma Città Aperta”.

L’Italia ancora oggi continua ad essere protagonista, anche grazie alla locandina dedicata a Marcello Mastroianni, realizzata con un fotogramma tratto da “8½,” di Federico Fellini, pellicola presentata in concorso a Cannes nel 1963.

Così gli organizzatori della mostra: “Con Marcello Mastroianni e Federico Fellini celebriamo il cinema che è libero e aperto al mondo, riconoscendo ancora una volta l’importanza artistica del cinema europeo e italiano attraverso una delle sue figure più stellari”.

“Il modo in cui Mastroianni ci guarda al di sopra degli occhiali scuri ci cattura immediatamente con una promessa di felicità cinematografica globale – spiegano Hervé Chigioni e Gilles Frappier, realizzatori del poster – La felicità in questo caso di vivere il Festival di Cannes insieme”. Diciamo che Mastroianni rappresentò nelle sue interpretazioni quanto di più innovativo, anticonformista e poetico c’era nel cinema. Nel vedere il poster la figlia dell’attore , Chiara Mastroianni, ha detto: “Sono molto orgogliosa e toccata da questo tributo a mio padre da parte di Cannes. E’ un poster molto bello e moderno, che coglie una dolce ironia e classe nel sentimento di distacco espresso da questo sguardo. E’ davvero lui!”

Un altro omaggio al cinema italiano: Sophia Loren sarà ospite d’onore e madrina del Festival. Inoltre presenterà un cortometraggio girato con il figlio Edoardo e una versione restaurata di “Matrimonio all’italiana”, che compie proprio quest’anno 50 anni. Ancora una volta la coppia Loren-Mastroianni sarà la protagonista della manifestazione.

A portare alta la bandiera dell’Italia al Festival ci saranno due registe italiane. Asia Argento presenterà la sua ultima pellicola “Incompresa” che parteciperà alla sezione “Un Certain Regard”. L’altro film italiano in gara nella selezione ufficiale è “Le meraviglie” di Alice Rohrwacher, già allieva della Scuola Holden, che vede come protagonista la sorella attrice pluripremiata Alba. In bocca al lupo alle nostre giovani cineaste.

A presiedere la giuria di questa edizione è la regista neozelandese Jane Campion, che proprio nel 1993 vinse la Palma d’Oro con “Lezioni di Piano”. Ad affiancarla ci saranno Sofia Coppola, Carole Bouquet, Leila Hatami, Jeon Do-yeon. A sostenere le quote maschili invece Willem Dafoe, Nicolas Winding Refn, Jia Zhangke e Gael Garcia Bernal.

Chi saranno i vincitori di questa 67^ edizione?

Paola Suardi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.