BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Misiani e Carnevali scrivono al prefetto: stop al notiziario comunale

Non si smorza il caso sul notiziario comunale. I deputati Pd hanno scritto una missiva al prefetto Francesca Ferrandino chiedendo la sospensione della distribuzione del giornalino: "La distribuzione in piena campagna elettorale del notiziario comunale è una palese e grave violazione della normativa vigente"

Più informazioni su

Non si smorza il caso sul notiziario comunale. Per il centrosinistra, Palafrizzoni starebbe facendo campagna elettorale con denaro pubblico. I deputati Pd Antonio Misiani ed Elena Carnevali hanno scritto una missiva al prefetto Francesca Ferrandino chiedendo la sospensione della distribuzione del giornalino:

"La distribuzione in piena campagna elettorale del notiziario comunale è una palese e grave violazione della normativa vigente, che vieta (art. 9, comma 1 della Legge 28/2000) ogni comunicazione istituzionale se non in forma impersonale e soltanto se indispensabile all’assolvimento dei compiti istituzionali.

Qui di impersonale non c’è proprio nulla, perché parliamo di un bollettino propagandistico con tanto di foto del sindaco Tentorio e degli assessori (quasi tutti ricandidati alle elezioni), in distribuzione a tutte le famiglie bergamasche, costato ben 30 mila euro ai contribuenti e, oltretutto, con un titolo ("Bergamo in progress") ripreso pari pari dal programma elettorale 2014-2019 di Forza Italia.

Per tutti questi motivi abbiamo scritto al Prefetto di Bergamo, a cui chiediamo di intervenire sollecitando al Comune di Bergamo l’immediata sospensione della distribuzione del notiziario e il ritiro delle copie già consegnate. Antonio Misiani (deputato PD) Elena Carnevali (deputato PD)". 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nino cortesi

    Ecco! Vince Zenoni.

  2. Scritto da La verità fa male

    Le solite fregnacce dei piddini. Qui invece che parlare dei problemi VERI di Bergamo si parla del notiziario comunario e della veranda di Gori. Politicanti semplicemente ridicoli danno uno spettacolo indecoroso in piena campagna elettorale. Parlate di cose serie, e lasciate perdere queste futilità !!

  3. Scritto da usiamo il cervello

    Misiani che accusa di “strumentalità” per una denuncai su un abuso edilizio abbastanza evidente, e poi fa fuoco e fiamme su un “notiziario”…. Ma vi sembra normale?

  4. Scritto da chiara

    Preoccupatevi dei comportamenti del vostro candidato sindaco Giorgio Gori piuttosto che soffermarvi su polemiche inesistenti. Patetici!!! Forza Franco

  5. Scritto da Paolo

    Polemica inutile, si sono accorti che nel notiziario ci sono anche i loro compagni di partito?

  6. Scritto da sentiunpò

    Dai Misiani che con Bruni hai speso per la stessa cosa dieci volte di più e il vostro libretto era molto peggio!!!! Che coraggio…

  7. Scritto da il polemico

    quando sto misiani farà dichiarazioni di sue idee per aiutare chi l’ha votato,nevicherà con 30 gradi all’ombra,cioè mai.sempre che esterna per controbattere l’operato che fanno altri,ma gli operati di suo sono solo quando riscuote il suo stipendio…

  8. Scritto da sentichiparla

    Che vergogna Misiani, quando eri nella giunta Bruni avete fatto la stessa cosa…e quanti soldi prendeva Cremasci uomo addetto al marketing della giunta Bruni. Pensate così di insabbiare la vicenda Gori – casa abusiva???!!!

  9. Scritto da Gia

    Semplicemente ridicoli! una settimana fa Bruni ne chiedeva la pubblicazione non accorgendosi che era giá su internet (prima figuraccia), ora vogliono ritirarlo anche se sanno tutti che é obbligatorio (seconda figuraccia) e dicono che é propaganda pro-tentorio quando invece ci sono articoli di tutti i capigruppo (terza figuraccia). La prossima sparata a quando?