BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bersani a Bergamo: “Vinciamo e imponiamo un cambio di passo” fotogallery

“Vinciamo queste elezioni e imponiamo un cambio di passo”. Pierluigi Bersani prende in prestito lo slogan di Giorgio Gori per scaldare i cuori dei tanti militanti del Partito democratico presenti alla cena organizzata dal Pd lombardo al Kilometro rosso. Colore quanto mai azzeccato per la serata che ha visto Bersani protagonista insieme ai candidati alle Europee Antonio Panzeri e Alessia Mosca, il candidato sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il ministro Maurizio Martina, il segretario regionale Alessandro Alfieri.

“Vinciamo queste elezioni e imponiamo un cambio di passo”. Pierluigi Bersani prende in prestito lo slogan di Giorgio Gori per scaldare i cuori dei tanti militanti del Partito democratico presenti alla cena organizzata dal Pd lombardo al Kilometro rosso. Colore quanto mai azzeccato per la serata che ha visto Bersani protagonista insieme ai candidati alle Europee Antonio Panzeri e Alessia Mosca, il candidato sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il ministro Maurizio Martina, il segretario regionale Alessandro Alfieri. “Dobbiamo mettere impegno e fiducia attorno a un principio di responsabilità – spiega l’ex numero uno del partito -. Quale è la novità vera della vicenda politica italiana? Tutti dicono Grillo, invece è il Pd. Per la prima volta nella storia d’Italia un partito riformista si ritrova a governare il paese. Ora tocca a noi. C’è in gioco l’Italia, la situazione economica e sociale e la secolare scommessa di un Pd che deve essere il partito del secolo. Berlusconi non si azzardi a battere i pugni sul tavolo perché ha firmato lui i patti insieme a Tremonti. Grillo vuole buttarci fuori dall’euro. Così però l’Europa non può andare avanti. Bisogna vincere queste elezioni e imporre un cambio di passo. Bisogna mettere in comune la gestione del debito per modificare i tassi. Mi sono scoperto a dire parole che mi piacciono moltissimo: innovazione, cambiamento, rivoluzione. Se uno ci pensa queste parole possono essere dette da uno di sinistra e da uno di destra, intendendo cose diverse. Poi però vengono fuori cose diverse. Però la parola uguaglianza può dirla solo uno di sinistra”.

Guarda la galleria fotografica

Guarda il video

Durante la serata è intervenuto anche Giorgio Gori, candidato sindaco a Bergamo. “Abbiamo prospettive, idee. Abbiamo un programma di una città che si pensa realmente europea. Negli ultimi cinque anni Bergamo è andata indietro. È una città più povera, più vecchia, che ha perso ottimismo ed è pronta a recuperarlo. Registro nei quartieri voglia di cambiamento. Mi fa piacere vedere che c’è qui tutta questa gente. Di lui ho avuto grave stima anche quando eravamo contrapposti. Gli ho voluto bene quando non è stato bene Ci sono persone che negli anni scorsi si sono divisi, hanno litigato dentro il Pd. Ora siamo qui tutti insieme, con un senso di squadra e di popolo che va insieme”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ciao

    Prima voleva smacchiare il giaguaro…ora vuole cambiare il passo…sicuramente è un brav uomo ma politicamente è uno zero che non ha nulla da dire.”Per la prima volta nella storia d’Italia un partito riformista si ritrova a governare il paese”??? Qualcuno gli spieghi come stanno le cose,grazie

  2. Scritto da pietro

    Cambia passo , ma di corsa e tornatene a casa. Avete rotto…..P.S portati con te quel falso e presuntuoso di Gori

  3. Scritto da Paci no grazie

    Bravo cambia passò e tornatene da dove sei venuto
    Un solo nome caro gargamella :
    PENATI

  4. Scritto da getry

    Bersani ci parli di questo: EXPO CHE APPALTI ROSSI! – SPUNTANO COME FUNGHI I NOMI DEI POLITICI DEL PD: DA BERSANI E PITTELLA PASSANDO PER IL BRACCIO DESTRO DI RENZIE DELRIO – STEFANO BOERI, EX ASSESSORE PD DI MILANO: “SONO STATO FATTO FUORI DALLA PARTITA EXPO DALLE LOBBY ECONOMICHE, COMPRESE LE COOP ROSSE. IO COSTITUIVO UN OSTACOLO”

    1. Scritto da Professionista?

      Forse hai letto male i resoconti di questi giorni , molto male , o forse li hai letti su alcuni giornalucoli . Lo sai che la tua si chiama diffamazione ? Chi sei , il solito che lo fa di mestiere ?

  5. Scritto da cambio de che?

    Cambiare passo significherebbe innanzitutto rispettare le leggi. E qui non ci siamo proprio: e non mi riferisco agli abusi edilizi, ma alla tutela della salute delle persone. E chi ha letto il programma elettorale di Gori ha capito benissimo che non ci siamo. Sull’aeroporto per esempio nessun rispetto dei limiti stabiliti dai decreti autorizzativi. Credo che basti a far rivoltare nella tomba il povero Enrico Berlinguer.

  6. Scritto da a casa

    Bersani, più che imporre un cambio di passo, imponiamo il rispetto delle regole e non dell’abusivisno edilizio!! Senza parole, che vergogna! A casa!!!!!!!!!!!!

  7. Scritto da Andy

    Penati
    Penati
    Penati
    Penati
    Penati

    1. Scritto da Ah Ah

      Sempre quello in 20 anni e a livello provinciale ? per i tuoi , a livello di capo del governo, governo , parlamento e regioni non basta UN’ENCICLOPEDIA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! A furia di gnam gnam avete devastato una nazione intera con tutto il suo popolo.
      Hai un fegato che fatto alla veneta sfamerebbe milioni di persone !

  8. Scritto da ct

    deve essere bellissimo, per il rottamato Bersani, far campagna al rottamatore Gori, portavoce del rottamatorissimo Renzi.
    Coerenza e dignità.

    1. Scritto da Libano

      Come si vede che non hai la più pallida idea di cos’è la democrazia interna di un partito e la democrazia in generale ! Parli di coerenza e dignità e magari a livello nazionale hai sempre votato per quella sfilza inenarrabile di pregiudicati e inquisiti ?

  9. Scritto da Non col vento

    Si, un cambio di passo con Cooperative e Compagnia delle Opere!

  10. Scritto da enrico brissoni

    La parola uguaglianza può dirla solo uno di sinistra? Ma sai che forse hai ragione, in particolare quando Giorgio Gori mangia banane sulla panchina… meglio riderci su.

    1. Scritto da Nando

      Mi faresti la citazione di dove , come e quando lo dice uno di destra ?

      1. Scritto da enrico brissoni

        Una volta un mio amico di destra, eravamo a Bologna, mi ha detto: guarda che bella uguaglianza in questa città!!! Era il 16 maggio del 95, non ricordo l’ora.

  11. Scritto da Piero

    Più che imporre un cambio di passo, caro Bersani (sono felice che si sia ripreso bene) avresti dovuto attuarlo già da decenni… Ormai i buoi sono scappati… Certo, per voi non cambia molto, con ciò che intascate mensilmente dichiarandovi (tradizionalmente la sinistra) vicini ai lavoratori e ai deboli….. So che per te il cambio di passo può avvenire anche tra vent’anni, il tuo stipendio ti permette di tirare a campare… Noi siamo senza lavoro e stiamo tirando gli ultimi….

    1. Scritto da E quindi?

      Se tu non avessi votato berlusconi e lega probabilmente avresti potuto avere il cambio di passo, prenditi il risultato delle tue azioni , no ?

  12. Scritto da Anna

    Cambiare passo con un candidato sindaco che ha truffe edilizie sulle spalle? Ma dai, sempre la solita minestra!

  13. Scritto da il polemico

    quando bersani parla di vittoria,perde sempre….ora sostiene gori,che continua a fare passi falsi.prima parcheggia in divieto e se la prende ironizzando in internet,poi scambia dei ferri antisdraio per dei ferri razzisti e si fa fotografare mangiando una banana con un extracomunitario,parla del verde che deve avere bergamo,e salta fuori che nella sua casa ha tolto del verde per farci una costruzione abusiva che cerca di minimizzare,ma che dalle foto parlano chiaro.mahhhh

    1. Scritto da Adelkè

      Urka , il tuo pregiudicato alle ultime elezioni ha preso più voti di Bersani ? Mi è nuova

  14. Scritto da Sergio Nozza

    Fossi Gori mi toccherei per bene perche’ questa gufata di Bersani proprio non ci voleva. Ma una domanda: dove, nel programma di Gori, ci sono progetti per far diventare Bergamo una citta’ europea? Io ho letto le sue 65 pagine, ma non ho trovato nulla.

    1. Scritto da Facile

      E’ automatico, basta non fare quello che han fatto la lega e il PDL.

  15. Scritto da Stefano Magnone

    E noi siamo qui a testimoniare che vogliamo cambiare passo e restituire a Bergamo la dimensione che gli compete. Europea e inclusiva, solidale e dinamica.
    #cambiamopasso

    1. Scritto da marcia indietro

      state facendo solo marcia indietro…
      vai a dire a chi è in crisi economica, senza lavoro o con poca pensione…che ne pensa di Bergamo “Europea, inclusiva, dinamica”…vediamo come reagisce…

      1. Scritto da Certo Certo

        E’ soprattutto a quelli che si deve andarlo a dire , a coloro che sono stati messi in ginocchio dalla più devastante crisi del dopoguerra procurataci da anni e anni di malgoverno lega e pdl , di spesa fuori controllo , debito pubblico skizzato, fornitori dello stato non pagati , spread alle stelle, assenza totale di politica economica solo condoni e scudi , corruzione dilagante , leggi ad personam, figuracce internazionali ecc ecc e ….. apri bocca ?

        1. Scritto da Mister Bean

          Mùchela. La crisi del dopoguerra l’hanno causata le tue amiche banche e la tua amica merkel col suo amico euro. Oter che bale!

          1. Scritto da Certo Certo

            Nel senso che tutte le cose che ho scritto prima le ha fatte la Merkel ? Mi racconti cosa avete fatto contro le banche in anni e anni di governo ? mi dici chi ha concordato il fiscal compact ? Mi dici chi aveva fatto un centinaio di miliardi (200.000 miliardi di lire) di debiti coi fornitori di stato ed enti senza pagarli ? La merkel ? La corruzione , i debiti , sempre la Merkel ? Alà birignao !