BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Malvestiti vede nero: “Consumi ancora fermi La riscossa? Nell’Expo”

Giovanni Paolo Malvestiti presidente di Ascom vede nero: "Le nostre previsioni per l'anno in corso confermano ancora consumi fermi e un Pil in crescita di appena mezzo punto percentuale".

Più informazioni su

All’assemblea annuale di Ascom, il presidente Giovanni Paolo Malvestiti non nega le sue preoccupazioni: "Stiamo vivendo la crisi più lunga e profonda che il nostro Paese ha conosciuto dal dopoguerra ad oggi. Una crisi durante la quale il reddito pro-capite è sceso ai livelli della metà degli anni ’80 e i consumi sono tornati al livello del 1997".

E rincara la dose: "Le nostre previsioni per l’anno in corso confermano ancora consumi fermi e un Pil in crescita di appena mezzo punto percentuale. Prospettive non certo favorevoli per le imprese del commercio, del turismo, dei servizi, che ormai a gran voce chiedono il taglio della spesa pubblica improduttiva e la riduzione del carico fiscale, due leve che vanno azionate assieme per la crescita e che sono la cura per lenire le disuguaglianze e assorbire la disoccupazione".

Lo stato del commercio in Bergamasca si attesta sulle 22.174 imprese, l’1% in più rispetto allo scorso anno, con una variazione positiva per la somministrazione e ricettività del quasi 3%. Migliora anche il commercio ambulante del 3,4%, stabile il numero dei servizi alle imprese con un più 0,51%. Questi stessi dati in proporzione si ripercuotono anche sulla città. Malvestiti cita una recente indagine dell’Osservatorio Censis – Confcommercio, secondo la quale il 44% delle famiglie italiane non è più in grado di mantenere il proprio tenore di vita, il 28% non riesce a fare fronte a tutte le scadenze dei pagamenti, dalle bollette alle rate del mutuo, il 53% ha problemi di fronte all’emergenza della spesa improvvisa.

"Voglio soffermarmi sul valore dei distretti del commercio, che nella nostra provincia sono 28 e sono un esempio efficace di integrazione tra negozi, botteghe artigiane, servizi privati e pubblici per il cittadino. Offrono un clima accogliente e funzionale nei centri storici dei nostri comuni e sono una leva fondamentale per lo sviluppo ed in modo particolare per il turismo" aggiunge il presidente Ascom.

Se le previsioni sono nere, non manca la fiducia nelle imprese e nella ripresa.

Malvestiti pensa all’Expo: "Dobbiamo essere pronti su tutti i fronti alla grande occasione che si sta facendo strada dentro le nostre imprese. Si tratta di Expo, l’Esposizione Internazionale che dal 1 maggio alla fine di ottobre del 2015 interesserà tutta la Lombardia e che si calcola avrà un indotto di oltre 10 miliardi di euro; la metà dei quali andrebbe al settore turistico. Un grande evento che attirerà 20 milioni di visitatori – spiega -. Expo è quindi l’opportunità che ci viene offerta per rendere il nostro territorio sempre più bello da vivere e da visitare. Dobbiamo approfittare di questa occasione per far conoscere le eccellenze della nostra Bergamo, anche al di là degli itinerari tradizionali. Sarà un grande evento, infatti in sei mesi la nostra Regione ospiterà più di cento capi di Stato e oltre 500 ministri. E un assaggio di questo a Bergamo l’abbiamo già avuto, quando abbiamo ospitato i 300 delegati dei 70 Paesi che parteciperanno ai Cluster durante l’Esposizione Internazionale".

"Per quanto riguarda la nostra Associazione i settori per i quali stiamo lavorando alacremente riguardano il sistema dell’accoglienza e della ricezione alberghiera, della ristorazione e della valorizzazione dei prodotti tipici, dello shopping e dei servizi – aggiunge -. Gli accordi di programma tra Camera di Commercio, Regione e Associazioni prevedono alcuni finanziamenti tramite un bando per i progetti da realizzare nelle aree commerciali in vista e durante i sei mesi dell’Esposizione Universale. Da giugno nella nostra Associazione sarà presente un punto Expo, in collaborazione con Bergamo Sviluppo, dove chiedere tutte le informazioni sull’utilizzo del marchio, sulla modalità di partecipazione, sull’assistenza per l’iscrizione al catalogo, sulla partecipazione ai diversi bandi fino all’adesione ad Explora".

Infine Malvestiti cita Luigi Einaudi, "Voglio terminare questa assemblea con una frase di Einaudi che negli anni duri del dopoguerra disse “Ho fiducia nella virtuosa presenza di piccoli e medi imprenditori, con la loro quotidiana fatica e la loro spontaneità del rischio”. Faccio mie queste parole perché anche noi abbiamo tra le mani questa preziosa risorsa immateriale, ma di grande valore, che è la fiducia in noi stessi e nelle nostre capacità. Noi siamo un popolo di imprenditori che non si rassegna facilmente ma che affronta con serenità la fatica, facendo ripartire giorno dopo giorno non solo le nostre aziende ma anche l’economia della terra bergamasca".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.