BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aci e Motorizzazione verso l’accorpamento E’ l’idea di Matteo Renzi

Una mossa che, se dovesse diventare realtà, andrebbe a smantellare il sistema che obbliga i proprietari di auto e moto ad avere sia il certificato di proprietà che il libertto di circolazione. Con un ovvio abbattimento dei costi.

Più informazioni su

Matteo Renzi fa sul serio. Dopo aver presentato la riforma della Pubblica amministrazione, ora conferma l’ipotesi di un "accorpamento di Aci. Pra e Motorizzazione civile". Una mossa che, se dovesse diventare realtà, andrebbe a smantellare il sistema che obbliga i proprietari di auto e moto  ad avere sia il certificato di proprietà che il libertto di circolazione. Con un ovvio abbattimento dei costi.

L’idea di Renzi è creare una nuova carta del veicolo, gestita attraverso un’unica banca dati del parco auto, eliminando sovrapposizioni e inefficienze tra due strutture autoreferenziali e da sempre uguali a loro stesse. In ballo c’è anche una partita economica, che vale 190 milioni di euro, ossia i ricavi incassati dall’Aci attraverso la gestione dei servizi del Pra (Pubblico registro automobilistico). La novità, ovviamente, ha precipitato due inossidabili pezzi della Pubblica amministrazione in una guerra strisciante per stabilire chi sopravviverà. La scadenza è il consiglio dei Ministri del 13 giugno, giorno in cui Renzi vorrebbe approvare la riforma della P.a.

Intanto gli automobilisti aspettano e sperano. Già, perché un drastico ridimensionamento delle spese fisse darebbe un ossigeno letteralmente vitale per un setore che in questi ultimi anni è stato messo in ginocchio a più riprese dalla crisi economica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cristina

    Non e vero che non siamo inutili io mi chiamo ribola cristina lavoro al pra da 20 anni svolgendo lavori per il sociale tipo pratiche a domicilio e corsi sui seggiolini nelle autoscuole e poi i nostri tempi per le pratiche sono molto bassi

  2. Scritto da MARCO DA BERGAMO

    IL PRA DEVE SPARIRE. BASTA L’ARCHIVO UNICO PRESSO IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI. BASTA DOPPIONI E SPRECHI DI SOLDI PUBBLICI. L’ARCHIVIO DEI VEICOLI DEVE ESSERE GESTITO SOLO DALLA MOTORIZZAZIONE CIVILE CHE HA UOMINI E SISTEMI INFORMATICI CHE POSSONO GESTIRE BENE L’ARCHIVIO UNICO.

  3. Scritto da rachele

    mi sembra una buona idea anche se si fa per campagna elettorale.ovvio che è sempre meglio fare queste cose che promettere(per esempio….)le dentiere gratis agli anziani……

  4. Scritto da DAVIDE

    Effettivamente il PRA è un carrozzone che non serve a nulla.
    Non sono del PD ma faccio il tifo per Renzi per la volontà nel voler cambiare quest’Italia che merita un dialogo migliore tra la Pubblica Amministrazione ed i cittadini.

  5. Scritto da bruna

    Speriamo che davvero si incomincino a smantellare i carrozzoni inutili! se mai si comincia mai si arriverà ! e gli impiegati li mettano a fare altri lavori più utili, magari su suggerimento di sindaci, che ben sanno le necessità dei loro comuni.

  6. Scritto da Michele

    Ha già pensato ai costi per chi ha già l’auto nel prendere questa nuova carta? Ha pensato a tutti gli attuali proprietari di auto che si riverseranno per sistemare le loro pratiche?

    Se proprio deve farlo lo faccia per le nuove immatricolazioni però si ricordi che la motorizzazione è anche adibita agli esami dei futuri patentati e che per delle pratiche è sempre meglio rivolgersi alle scuole guide che ti permettono di risparmiare moltissimo tempo.

    1. Scritto da Bingo

      No te preocupe , l’importante è che adesso finalmente si faccia.
      Bravo Renzi.

  7. Scritto da Antonio

    “La novità, ovviamente, ha precipitato due inossidabili pezzi della Pubblica amministrazione in una guerra strisciante per stabilire chi sopravviverà.” Che baggianata a prendere in giro i contribuenti: è palese che non finirà nessuno di lor signori per strada né col sedere per terra. Tranquilli, non UN posto pubblico verrà toccato. Ormai la conosciamo la tiritera: cambiano nome e modulistica (magari effettivamente più semplice per noi), ma non licenziano nessuno, tutti ancora da pagare!

    1. Scritto da Pino

      Si usa il turnover per cui i risparmi ci sono, eccome se ci sono ! Oltre alla semplificazione.

      1. Scritto da Illusion

        Seeee, come no! Credici, credici! Come tutti gli enti inutili che ogni giorno i notiziari tv ci evidenziano, ma che sono sempre lì a ciucciare da decenni… Credici, che degli statali ci perderanno qualcosa……

        1. Scritto da pippolippo

          quindi sei convinto che 3500 dipendenti che attualmente non costano un centesimo allo stato, quando verranno TUTTI trasferiti al ministero dei trasporti non saranno un aggravio per lo stato? dove sta il risparmio? e lo sai che pagherai obbligatoriamente una commissione ad una agenzia di pratiche automobilistiche quando ora puoi andare direttamente al PRA dove ti viene rilasciata TUTTA la documentazione nel tempo di 15-20 minuti??? lo sapevi?

          1. Scritto da Illusion

            Forse hai sbagliato a rispondere a me: sostengo esattamente quello che dici tu!

  8. Scritto da Luigi

    Sarebbe anche ora! Ma ovviamente adesso i soliti difensori dell’esistente e detrattori a prescindere cominceranno a fare il giochino del “ci vuole ben altro…”, tra la crociata contro la Merkel e la sfida a chi la spara più grossa…andate a comprare un’auto negli USA o in Canada e poi vedrete la differenza! Meno burocrazia inutile, più soldi per l’economia produttiva, meno disoccupati (e mantenuti…).

    1. Scritto da Mister Bean

      Beh, dicevano così anche di un altro personaggio dell’italica storia, che, come il sig. renzi, aveva messo le prefetture(renzi le ha raddoppiate), aveva tolto i sindaci e messo i podestà(renzi ha tolto rappresentanza elettorale alle provincie e lo farà con le regioni), aveva tutta la stampa a favore e non era stato eletto da nessuno.
      chi sarà mai costui?

      1. Scritto da Luigi

        Premesso che il commento di risposta non ha nulla a che vedere con il merito, ovvero con l’avere 2 enti pagati con soldi pubblici che fanno la stessa cosa, l’associazione Renzi-Mussolini è davvero ridicola, basta studiarsi un po’ di storia, consiglio Renzo De Felice,storia del fascismo,è molto istruttiva e forse aiuta a capire qualche differenza, piccola ma fondamentale!

  9. Scritto da Gino

    Bene ! Se ce la fa complimenti a Renzi !!