A Caravaggio camminata in memoria dei magistrati vittime di mafia - BergamoNews
Libera

A Caravaggio camminata in memoria dei magistrati vittime di mafia

L’iniziativa, alla sua prima edizione, si svolgerà domenica 11 maggio e celebrerà la memoria di 5 magistrati vittime della mafia e del terrorismo: Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Vittorio Occorsio, Guido Galli e Rosario Livatino.

Una camminata per la legalità, in ricordo dei magistrati vittime di mafia e di terrorismo. L’iniziativa, organizzata da Libera, è in programma domenica 11 maggio a Caravaggio.

Intitolata “Quattro passi nella memoria”, la manifestazione ludico-motoria prenderà il via alle 7 al centro sportivo di Caravaggio.

La proposta, alla sua prima edizione, prevede due percorsi: il primo di 7 km e il secondo di 16 km, a carattere internazionale, a passo libero, aperta a tutti, valida per i concorsi: I.V.V.; Nazionale: Piede Alato F.I.A.S.P.; Provinciale: Bergamo e dintorni.

In modo particolare, vengono ricordati 5 magistrati vittime della mafia e del terrorismo: Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Vittorio Occorsio, Guido Galli e Rosario Livatino. Inoltre, la manifestazione vuole esprimere solidarietà al progetto “Casa libera”, per il recupero di un bene confiscato alle mafie a Trezzano sul Naviglio e alla campagna “Adotta-un-ulivo” a Castelvetrano terra di Rita Atria (vittima di mafia).

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it