BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primo voto a Val Brembilla Zambelli: “Giovani ed Expo per il nostro rilancio”

Storico appuntamento elettorale per Val Brembilla, al voto per la prima volta dopo la fusione tra Brembilla e Gerosa. Zambelli, candidato sindaco per Val Brembilla nel cuore: “Abbiamo l'esperienza di tre assessori uscenti e un gruppo di giovani molto attivo su tutto il territorio. Nel programma priorità ai servizi per le persone e uno spazio riservato all'Expo”.

Per Val Brembilla l’appuntamento elettorale del 25 maggio è storico: dopo la fusione tra i comuni di Brembilla e di Gerosa, infatti, i cittadini sono chiamati alle urne per scegliere il primo sindaco del neonato comune. Tra i candidati sindaci c’è anche, per la lista Val Brembilla nel cuore, Damiano Zambelli, da 10 anni consigliere comunale a Brembilla e già candidato sindaco 10 anni fa che in questa nuova esperienza ha deciso di trascinare con sé altri 5 consiglieri uscenti di cui 2 assessori.

Zambelli, in questi anni da assessore che tipo di esperienza ha maturato e può mettere a disposizione?

Anche per ragioni professionali, essendo tecnico in materia, ho maturato esperienza in particolare nel settore dell’ecologia, del commercio e dell’energia rinnovabile: tra le altre cose sono stato promotore del Patto dei sindaci che ha visto Brembilla tra i primi protagonisti ed è arrivato a coinvolgere 210 comuni di tutta la provincia.

Dopo la fusione tra Brembilla e Gerosa è la prima volta al voto per il nuovo Comune di Val Brembilla. Come vi siete mossi in questo senso in termini di rappresentanza?

La fusione, vista l’affinità dei territori, era la soluzione migliore e la nostra lista ha pensato di inserire tra i candidati una rappresentante di Gerosa che fosse giovane e lontana da alcune logiche che in passato avevano impedito al comune di avere una giusta rappresentanza e ne avevano bloccato l’amministrazione. La nostra scelta è ricaduta così su Sofia Busi.

Se dovesse sceglierne solo una, quale è la priorità assoluta del vostro programma?

Priorità assoluta ai servizi per le persone, forte di una squadra competente e motivata soprattutto nell’ambito dell’associazionismo e nel volontariato. Ambisco a portare un metodo condiviso di lavoro anche in settori quali le opere pubbliche per le quali le scelte erano chiuse a gruppi ristretti vicini al sindaco uscente.

Qualora diventasse sindaco e non ci fossero i vincoli del Patto di Stabilità quale opera o servizio realizzerebbe?

La realizzazione di un Polo per l’infanzia rappresenta una delle priorità, ma anche la realizzazione di un’area attrezzata fissa per l’organizzazione delle feste popolari necessarie alle varie associazioni per la raccolta di fondi. Guai trascurare la manutenzione degli impianti sportivi in quanto riteniamo strategico lo sport per combattere il disagio giovanile.

Crisi e lavoro. Quali interventi può mettere in campo l’amministrazione comunale?

Politica di contenimento delle tasse, collaborazione attiva con l’Osservatorio Vallare del Sociale e del Lavoro, incentivi per lo sviluppo agro-turistico a livello locale quale opportunità di lavoro. Aiuto al commercio locale tramite le iniziative del Distretto Diffuso del Commercio. Incentivi per i recuperi edilizi virtuosi e per chi intraprende nei settori strategici.

Quali provvedimenti può mettere in atto il Comune per risolvere l’emergenza sicurezza?

Fortunatamente dalle nostre parti il problema non è così profondo, ma intendiamo ampliare il servizio di vigilanza specie alla sera, più che altro per prevenire il disturbo alla quiete pubblica provocato dagli eccessivi sfoghi nel week-end. Pensiamo in tal senso che lo sport ed il protagonismo giovanile possano essere più efficaci della vigilanza. 

A proposito di giovani: che ruolo avranno all’interno della vostra amministrazione?

Desideriamo dare spazio e molto rilievo alle iniziative dei giovani nei vari campi, dallo sport, alla musica, alla cultura. Perché ci sta molto a cuore che anche i più fortunati scelgano di stare a vivere in Val Brembilla e condividere i loro talenti con i ha meno possibilità di carriera per formare insieme una comunità forte e solidale in grado di vincere le sfide del futuro puntando sulla qualità della vita.

Nel programma elettorale avete un capitolo dedicato ad Expo 2015?

Nell’ambito dell’EXPO 2015 desideriamo aiutare le iniziative locali agro-turistiche e commerciali per utilizzare al meglio anche l’opportunità di essere nel territorio del formaggio DOP denominato “strachì tunt”. Collaboreremo con gli industriali e gli artigiani, da sempre molto forti sul territorio, per favorire la visibilità dei nostri prodotti e servizi nell’ambito dell’EXPO2015 rilanciando per esempio l’iniziativa “Brembilla che produce” che abbiamo organizzato qualche anno fa in occasione della festa patronale in concomitanza con il gemellaggio con la cittadina di Nantua (Francia).

Nella corsa a sindaco c’è qualcosa che, secondo lei, la vostra lista ha in più dei concorrenti?

Ha l’esperienza di ben 3 assessori uscenti ed un gruppo di giovani già attivi nelle varie associazioni che copre bene tutto il territorio di Val Brembilla, ma anche supportato da persone valide esterne all’elenco dei candidati che possono aiutare questo presidio e l’obiettivo prioritario di maggiore condivisione delle scelte dell’amministrazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe

    Carissimi Gianni, Luigi,Michela , possiamo per favore parlare di cosa si può fare per il bene della VAL BREMBILLA, invece di continuare a fare polemiche sul passato….

    1. Scritto da Gianni

      Certamente ha ragione ma su certe falsità bisognava dare un minimo di spiegazione.Non comprendo però perché certe giuste osservazioni le fa solo in una direzione ,verso coloro che hanno lasciato un commento e non a chi le polemiche in modo ingiusto le ha sollevate e continua tuttora. Comunque come lei ho sempre creduto a chi ha operato per il bene di Brembilla come ora credo che sia doveroso impegnarsi per il bene futuro di Val Brembilla.

      1. Scritto da Giuseppe

        Visto che è fermamente convinto di detenere la verità assoluta, e gli altri assolutamente in torno, non commenterò più… Mi auguro solo si smetta di parlare del passato e di chi ha ragione o torno e si inzii a parlare di prospettive e progetti…..

        1. Scritto da luigi

          Carissimo Giuseppe, il sindaco uscente come tutta la giunta, ivi compreso i dissidenti hanno lavorato per il bene del nostro paese. Chi per 5 chi per 19 chi per 20anni. Quando su sputa del veleno controvento,come quello che si legge nell’articolo, il minimo che ci si può aspettare e che questo torni da dove è venuto. E ad ogni modo oltre ai 20anni di buon governo la invito a leggere il programma elettorale della lista Insieme Per Val Brembilla

  2. Scritto da Gianni

    D ‘ove erano il candidato sindaco Zambelli e quegli assessori che lui stesso definisce trascinati con s’è ,quando nel gruppo prima si discuteva il Piano delle opere pubbliche e il relativo bilancio e successivamente si votavano in due consigli comunali .? E quando in Giunta i singoli progetti venivano votati in tre fasi:progetto preliminare,definitivo ed esecutivo C ‘ erano….? O dormivano ….? E se c’erano perché non hanno mai fatto proposte o critiche?

  3. Scritto da luigi

    Quante cose ci sarebbero da dire…… visto che il tiranno non lasciava la la benché minima libertà di manovra al punto da rendere insanabile la rottura, e vista la numerosità dei “dissidenti” perché bnnvi siete dimessi prima? Così facendo si sarebbero indette nuove elezioni. Ci si lamenta dei politici a Roma, salvo accorgersi che la poltrona vale più della coerenza. L’opportunismo probabilmente è prevalso, però è un modus operandi degno della prima Repubblica, altro che novità!

  4. Scritto da Michela

    Cio che conta sono i fatti e il sindaco uscente ha dimostrato di aver portato a termine la maggior parte di quanto promesso.

    1. Scritto da Giuseppe

      Insieme alla gran parte dei consiglieri uscenti ed assessori che sono nella LISTA VAL BREMBILLA NEL CUORE

  5. Scritto da Matteo

    W Zambelli! Gran bravo amministratore! Io voto per lui!

  6. Scritto da Zanchi miriam

    Forse è opportuno sentire anche l’altro candidato. Visto che non tutte le dichiarazioni di zambelli corrispondono alla verita

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Gentile signora Zanchi, abbiamo contattato anche il candidato sindaco della lista Insieme per Val Brembilla e pubblicheremo anche la sua intervista.
      Grazie
      Luca Samotti