BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fabrizia contro il cancro: “Sono in libertà vigilata ma per ora ho vinto io”

"Hai spalancato la mia vita; l'hai girata, piegata, stropicciata; e uscendo l'hai lasciata mezza aperta su ogni possibile destino..." i suoi dieci mesi con e contro il tumore Fabrizia, che vive e lavora a Bergamo, li ha raccontati alla giornata dell'Istituto Europeo di Oncologia con un commovente brano scritto per l'occasione.

Fabrizia Lorusso ha 45 anni, vive e lavora a Bergamo. Il resto lo racconta lei.

Tu pensi che la vita si mantenga dritta su i binari dove l’hai messa per quarantacinque anni. Poi un giorno arriva il cancro al seno, il treno vacilla e ti porta a fare un sali scendi vertiginoso tra le tue certezze. Ho scoperto il nodulo a maggio 2013; intervento a giugno; radioterapia fino ad agosto; e poi una serie di pesanti complicanze per dieci mesi a cui ho voluto ostinatamente sopravvivere.

Il 7 maggio 2014, ospite della giornata “IEO per le donne”, organizzata dall’Istituto Europeo di Oncologia di Milano dove sono stata splendidamente curata dal prof. Alberto Luini e dal dr. Stefano Martella, ho letto un mio brano che racconta quanto vissuto. Sono in “libertà vigilata” per i prossimi cinque anni; ma per ora, con la testa e col cuore, ho vinto io.

STATO LIQUIDO di Fabrizia Lorusso

Non ti avevo messo in conto. Non ti aspettavo.

Hai spalancato la mia vita; l’hai girata, piegata, stropicciata; e uscendo l’hai lasciata mezza aperta su ogni possibile destino.

Alla cieca, in un marasma di pensieri, ho cominciato a raccogliere le briciole di quel coraggio miracolosamente sopravvissuto a tutto. Ad una ad una le ho salvate, rimpastate, ingoiate come antidolorifico, conservate per quando sarebbe arrivato il freddo, messe in fila a segnare la strada che alla fine mi avrebbe riportato in me.

Ho visto, sullo sfondo, l’idea della morte che si insinuava inedita e silenziosa nei miei meandri.

Più avanti, la mia vita appesa a un paradosso: il male nel mio corpo, il mio corpo l’arma per combatterlo; io contro me stessa, me stessa contro; io a vincere perché comunque, sempre io, perda.

Un misto di onnipotenza e tragedia che ho riversato in una promessa d’amore verso quel fisico più debole della mia mente, più fragile di quanto pensassi.

Il seno che preme, la macchia che appare, la bomba che deflagra, la ferita che lacera, gli aghi che succhiano, cinquantuno rintocchi che cuociono, la carne che muore e poi si scioglie.

Altri aghi, altro bisturi, nuovi tubi, pinze, garze, tutti mescolati a nove mesi di storie che ho continuato ad ascoltare negli sguardi pieni di lacrime come il mio, nell’attesa infinita di salvezza.

Fino in fondo, fino al fondo, fino ad avere la nausea di tutto, del mio dolore e di quello degli altri da cui ho preso le distanze col silenzio per difendere poche gocce di una resistenza oramai allo stato liquido.

Alla fine, al buio, il cancro mi ha spiaggiato.

Guardo le stelle e aspetto che dentro si faccia giorno per riagganciare ai suoi riti la mia normalità.

Ancora non so cosa sia avanzato di prima e di me.

So però di essere viva. E non è poco per un nuovo inizio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Anna

    Cara Fabrizia, leggere le tue parole é stato sconvolgente . Il tuo racconto é talmente forte che ti vedo e vedo i tubi e sento i cinquantuno rintocchi. Solo ora ti ho conosciuta e mi immagino seduta accanto a te sulla sabbia la cui umidità anche me aveva sfiorato…e ora vicino a te anche io guardo le stelle.

  2. Scritto da LELLA

    Ciao Fabrizia c’ero anch’io all’IEO per le donne e quando hai letto il tuo racconto ho pianto ma noi siamo forti … leggendo un libro ho trovato scritta una frase che diceva che le persone colpite da cancro sono persone speciali … mi sono convinta di questo … e proprio così :) Un abbraccio Lella

  3. Scritto da monica

    leggere questi pensieri mi danno una grande forza non mi sento sola, la cosa ancora più bella che percepisco che pur non conoscendo nessuna di voi il mio istinto mi dice che siete persone speciali <3

  4. Scritto da Cinzia Oliveri

    Ciao Fabri, la tua testimonianza ha dimostrato la forza che c’è in te, in noi. Passo dopo passo, andare avanti. In certi momenti difficile pensarlo, ma solo graffiando il destino che ha scelto di farci vivere con la paura di morire, si può’ intravedere un nuovo inizio. Il cancro cambia la vita, cambia le persone, cambia le priorità’, ci insegna a vedere la vita sotto un altra angolazione. Vincere per avere una vita nuova. più’ bella e più’ preziosa di sempre. Un fortissimo abbraccio.

  5. Scritto da marzia

    ciao Fabrizia, ieri c’er anche io all’evento, ero seduta dietro di te.
    Anche per me ieri e’ stata la prima volta, sono stata operata il 21 ottobre del 2013, esattamente un mese dopo la scoperta di quel nodulo …… Le tue bellissime parole mi hanno commossa fino alle lacrime, ma noi siamo forti, noi siamo le amazzoni dello IEO. Un abbraccio fortissimo

  6. Scritto da cinzia

    Un’ ammirazione profonda per una persoma speciale. Vedrai la vita vincerà su tutto. Un abbraccio

  7. Scritto da Valter Grossi

    Carissima…

  8. Scritto da alessandro

    Sig.ra Fabrizia GRAZIE di cuore per questo insegnamento e testimonianza di Vita!!

  9. Scritto da luca

    Grande guerriera e poetica narratrice della voglia di vivere. Un abbraccio.

  10. Scritto da mercy

    Forza ! con tutto il cuore ti auguro ogni bene :)

  11. Scritto da dora luiso

    La vita è sempre più forte. Per fortuna.

  12. Scritto da Paola

    Ti auguro ogni bene in questa vita nuova … a questa Fabrizia che vuole vivere. Auguri alle tante” Fabrizie “che conosco e che sono tornate a vivere

  13. Scritto da simona

    Ammiro la tua forza ….semplicemente ma con il cuore GRAZIE

  14. Scritto da Antonino Barbato

    Sei fantastica Fabrizia, grazie.

  15. Scritto da lotty

    Grazie!