BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tre donne sfrattate, Gargano le sostiene e Tentorio trova un tetto fotogallery

La famiglia è stata accompagnata in Comune dal candidato sindaco di "L'altra Bergamo". Dopo mezz'ora di incontro con sindaco e assessori è stata trovata una soluzione: le tre donne saranno affidate a una comunità in attesa del loro alloggio popolare.

Più informazioni su

Avrà un lieto fine la triste e drammatica vicenda che martedì mattina ha visto come sfortunate protagoniste tre donne marocchine che, improvvisamente, sono state sfrattate dall’appartamento in cui vivevano a Colognola. Sono Nadia Moussalit di 41 anni, la figlia Chaima Moussalit di 20 anni e la nonna Rahma Bizzari di 72 anni, malata e in cura al Papa Giovanni XXIII.

A sostenere la battaglia della famiglia è stato l’avvocato e candidato sindaco di Bergamo Rocco Gargano, che, dopo aver promosso il "Tour della dignità", ha sposato la causa delle tre donne portandole a Palazzo Frizzoni nel pomeriggio di mercoledì, chiedendo e ottenendo un incontro con il sindaco Franco Tentorio, e con gli assessori Tommaso D’Aloia (Edilizia privata e Politiche della casa) e Leonio Callioni (Servizi sociali). "Ho perso il lavoro nel 2012 e da allora ho fatto sempre più fatica ad arrivare a fine mese – ha spiegato davanti al primo cittadino la signora Moussalit -. Per me 500 euro al mese di affitto erano diventati insostenibili, non ho più avurto la possibilità di pagarlo. Ma mai avrei immaginato di trovarmi senza preavviso da sola, in mezzo alla strada".

"Quello che è avvenuto martedì mattina intorno alle 7.30 è stato un vero e proprio blitz militare – ha spiegato Fabio Cochis dell’Unione Inquilini -. Tantissime persone mi hanno chiamato nelle ore seguenti per chiedermi se ci fosse stato l’arresto di un latitante mafioso visto lo spiegamento di forze dell’ordine. Invece, si stavano mettendo in mezzo alla strada tre donne indifese che, per il momento, hanno trovato ospitalità nella casa di un amico. Ma è ovvio che la situazione dev’essere risolta al più presto".

 "La cosa assurda – ha invece attaccato Gargano – è che il Comune sia proprietario di centinaia di alloggi che ogni anno rimangono vuoti, magari per piccolezze che si potrebbero risolvere con poche decine di euro. Oggi siamo qua per chiedere una soluzione per questa famiglia e per tutta questa vergognosa situazione che si è venuta a creare".

Alla fine dell’incontro, durato una mezz’ora all’interno di Palazzo Frizzoni, il sindaco Tentorio e i suoi due assessori hanno promesso delle risposte rapide alla famiglia, che tra pochi giorni sarà affidata a una comunità e, appena i tempi lo permetteranno, avranno la loro casa popolare dal momento che hanno tutti i requisiti per l’assegnazione dell’alloggio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Franco Vincenzo

    Bravi. Come si fa a mettersi in contatto con voi? Ho uno sfratto perchè sono disoccupato e non riesco più a pagare l’affitto, stra alto (500 euro al mese). Per favore aiutate anche me

  2. Scritto da Unione Inquilini

    VOLEVAMO CHIARIRE CHE LE 3 DONNE COINVOLTE DA QUESTA STORIA SONO TUTTE CITTADINE ITALIANE. Non si tratta di immigrati. In italia vivono centinaia di persone che, pur di origine immigrata, hanno acquisito la cittadinanza italiana. Comunque erano presenti al presidio decine di famiglie italiane (di origine bergamasca) che hanno uno sfratto per morosità.

  3. Scritto da Giuseppe

    Caro Gargano…
    Più rispetto per chi come l’assessore Callioni ha lavorato in silenzio per Bergamo e con umiltà, che a Lei che uutilizza tre extracomunitari per farsi campagna elettorale.
    Vada a vedere in 5 anni cosa è stato aftto come servizi sociali e la smetta di fare polemiche sterili strumentalizzando vite umane

    1. Scritto da Gelindo

      Io ci lavoro…poco si é preferito sperperare da altre parti

      1. Scritto da la verità

        Le 3 donne coinvolte non sono extracomunitarie ma cittadine italiane.

  4. Scritto da Luca

    Invece di mangiare banane, Caro Gori, vai a conoscere la città e informati su progetti realizzati. E te Gargano, invece di fare campagna elettorale utilizzando tre marocchine, informati di cosa l’assessorato ai servizi sociali ha fatto per Bergamo in questi anni e cosa ha migliorato. Prima eravano nell’imbarazzo più totale…. Manco sai dove è il Galgario e cosa con la Caritas si sta facendo.

  5. Scritto da Geppo

    Difficoltà a pagare l’affitto, ma probabilmente non a sostenere le spese per telefonini e vestiti……basta….comunisti ridicoli.

    1. Scritto da lavoratore

      Da cittadino bergamasco con problemi a pagare l’affitto da quando sto in cassa integrazione dico, meno male ci sono i comunisti. Gli altri sbiascicano stupidaggini, fomentano la guerra tra poveracci, favoriscono gli amici e rubano soldi pubblici, meglio quindi i comunisti almeno la loro integrità non è in discussione, cosa che certo non si può dire del PD, FI e Lega.
      Sui grillini e la loro insensibilità ai temi sociali caliamo un velo pietoso.

  6. Scritto da Andrea Palermo

    Grazie

  7. Scritto da Egidio

    Finalmente uno che in campagna elettorale non fa solo parole ma fatti, e bravo Gargano!

  8. Scritto da GIUDI

    FINALMENTE LA CAMPAGNA ELETTORALE PARLA DI PROBLEMI REALI.

    1. Scritto da Sergio

      Risolve problemi reali di immigrati: lo sa che i problemi reali affliggono anche gli italiani? Lo sa che grazie a questa immigrazione massiccia, non mi prendono più neanche a fare il manovale o il nettacessi, e sono senza lavoro? Ma dai….

      1. Scritto da rifondarolo

        Mettiamola così. A un tavolo ci sono un padrone, un immigrato e un operaio bergamasco e undici porzioni di torta. Il padrone ne piglia 10. poi si rivolge al bergamasco e gli dice “guarda che l’immigrato vuole prendersi la tua fetta di torta”.Tu mi sembri questo operaio.
        Ora se tra poveracci non la smetteremo di fare i cretini il padrone se ne piglierà 11 su 11, riflettici prima di dire stupidaggini e inizia a prendertela con chi devi prendertela.

      2. Scritto da Duliamo Ergassia

        eh già la bolla che ha fatto scoppiare la crisi l’hanno creata gli immigrati…ma va scundes

        1. Scritto da Sergio

          Comunque io oggi sono senza lavoro e non trovo da fare nemmeno il manovale, perché gli stranieri lo fanno a 3 euro all’ora. Non mi chiedono nemmeno se anche a me andrebbe bene una paga così (sarebbe sempre meglio di niente). Sono italiano e sono scartato a priori.

  9. Scritto da Non col vento

    Soccorso Rosso-Nero