BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quattro stipendi arretrati Si sciopera ad oltranza alla Fema di Cortenuova

I 68 lavoratori della Fema di Cortenuova hanno deciso di scioperare ad oltranza fino a quando non saranno pagati tutti gli stipendi arretrati che assommano a quattro mensilità: durante la manifestazione di mercoledì 7 maggio segnali di solidarietà anche da parte della popolazione.

Alla Fema di Cortenuova sarà mobilitazione a oltranza: i 68 lavoratori dell’azienda, da troppo tempo alle prese con una crisi di liquidità che sembra non finire, hanno deciso che incroceranno le braccia fino a quando non saranno pagati tutti gli stipendi arretrati, che ormai assommano a quattro mensilità.

“Durante il 2014 – racconta Massimo Lamera della FIM CISL di Bergamo – impiegati e operai hanno percepito solo 650 euro di acconto. Qualche tempo fa è stato ‘elargito’ lo stipendio di dicembre e la tredicesima. Diventa estremamente complicata tutta la vicenda. L’azienda sostiene che deve versare troppi soldi al curatore fallimentare della ‘vecchia’ Fema per saldare l’acquisizione della società e li pesca dagli stipendi. Denuncia che il fatturato è praticamente nullo, ma esistono possibilità per il futuro con buone commesse. Sono promesse che sentiamo da troppo tempo. Adesso servono gesti concreti per ridare serenità ai lavoratori e alle loro famiglie: non si rientrerà al lavoro, fino a quando non saranno versati i soldi che spettano a queste persone”.

Durante la manifestazione, si sono avute anche azioni di “solidarietà” da parte della popolazione: un autista si è fermato per portare cibi e bevande ai lavoratori in sciopero.

Nei prossimi giorni il sindacato incontrerà anche il curatore fallimentare della Fema Industrial, “per valutare – conclude Lamera – la possibilità di uscire da questo circolo vizioso, nel quale lo Stato toglie alle imprese i soldi dei lavoratori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.