BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Piano aeroporti, Lupi: “Non è possibile averne 5 nella stessa regione”

“E’ mai possibile che in Italia ci si siano piu’ di 80 aeroporti e che in una regione ce ne siano addirittura 4 o 5 che si fanno concorrenza l’uno con l’altro?“. Il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi si prepara a presentare il Piano nazionale del trasporto aereo che definirà anche il futuro di Orio al Serio.

Più informazioni su

“E’ mai possibile  che in Italia ci si siano piu’ di 80 aeroporti e che in una regione ce ne siano addirittura 4 o 5 che si fanno concorrenza l’uno con l’altro?“. Il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi si prepara a presentare il Piano nazionale del trasporto aereo che definirà anche il futuro di Orio al Serio.

Gli scali strategici saranno undici, ognuno on una precisa vocazione all’interno del ricco panorama italiano: Milano Malpensa (Nord-Ovest), Venezia (Nord-Est), Bologna e Pisa/Firenze (Centro-Nord), Roma Fiumicino (Centro), Napoli (Campania), Bari (Mediterraneo/Adriatico), Lamezia (Calabria), Catania (SiciliaOrientale), Palermo (Sicilia Occidentale), Cagliari (Sardegna). Gli aeroporti di interesse nazionale con i rispettivi bacini d’utenza sono Milano Linate, Torino, Bergamo, Genova, Brescia, Cuneo (Nor-Ovest); Verona, Treviso, Trieste (Nord-Est); Rimini, Parma, Ancona (Centro-Nord); Roma Ciampino, Perugia, Pescara (Centro); Salerno (Campania); Brindisi, Taranto (Mediterraneo/Adriatico), Reggio Calabria, Crotone (Calabria); Comiso (Sicilia orientale); Trapani, Pantelleria, Lampedusa (Sicilia Occidentale); Olbia, Alghero (Sardegna). Il piano dovrebbe regolare il mercato che negli ultimi anni ha avuto una forte espansione, soprattutto in scali come Orio al Serio: «Non chiuderemo degli aeroporti ma sul Piano nazionale del trasporto aereo diremo che in Italia ci sono 11 scali strategici. Nel Nord Ovest, ad esempio, abbiamo un sistema di aeroporti – Torino, Linate, Bergamo, Brescia Genova ecc. – questo sistema deve fare delle sinergie e deve sottostare a una regola fondamentale: gli aeroporti presentino un piano industriale ci facciano sapere quale è la loro vocazione, ci dicano in quanti anni verrà realizzato e poi tireremo le somme. Se gli aeroporti perdono dei soldi non si più va da nessuna parte. Gli aeroporti che non sono più di interesse nazionale – ha concluso – possono andare avanti solo se i privati ci mettono dei soldi».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giuseppe

    e il Signor Lupi farebbe il Ministro dei Trasporti ????,
    le consiglio di farsi trasportare come era prima un “povero”
    dirigente del Milan, e fuori dalle palle.
    Lei e’ solo un incapace!!!!

  2. Scritto da Cris

    Caro lupi non ti dice niente che solo la lombardia tiene in piedi l’italia ,quale e l’ autostrada piu intasata ?

  3. Scritto da gigi

    Agli aeroporti non strategici come Orio però facciamo pagare anche tutti i costi indotti da questa attività (spese sanitarie per l’inquinamento, deprezzamento del valore degli immobili circostanti, problemi viabilistici….) Oltre a tutti i costi previsti dalle prescrizioni del VIA (delocalizzazioni, insonorizzazioni…) Ne vedremmo delle belle

  4. Scritto da usiamo il cervello

    Forse la prima cosa che bisognerebbe vedere è quali aeroporti rispettano le normative europee in materia di compatibilità ambientale e le leggi nazionali. In Europa hanno dei piani di sviluppo che tengono conto soprattutto di queste cose (infatti hanno chiuso Berlino Tempelhof, hanno vietato i voli notturni a Francoforte, hanno fortemente limitato l’attività di London City Airport, etc. Noi invece siamo al Far West per cui si privilegiano gli aeroporti in mezzo alle città.

  5. Scritto da Non col vento

    Non saranno ne Lupi o Maroni a decidere quanti ne staranno in piedi! Basta togliere di mezzo i soldi pubblici e tutto si aggiusterà. La guerra tra poveri sostenuta dai politicanti e’ ridicola. Comincino comune di Bergamo e Provincia ad uscire da Orio!!!!

  6. Scritto da Scheda bibliografica

    H. Boell, Opinioni di un clown, Mondadori….

  7. Scritto da Corrado

    Milano/Malpensa! Ma se Malpensa è in territorio di Varese, cosa centra Milano? Oltre tutto è più scomodo per raggiungerlo di Orio al Serio (impariamo a chiamarlo “Caravaggio”, perchè insistere ancora su Malpensa e non Linate?

  8. Scritto da c

    Linate, Malpensa,Orio,Montichiari,Verona,Venezia gli unici sicuri sono Linate e Venezia consideriamo che Montichiari non ha possibilità degli altri tre se ne salvano 2 vista la posizione geografica se la giocano Orio e Verona.

  9. Scritto da willer

    Minestrello le somme ( e la cinghia) gli italiani le hanno già tirate… andatevene !

  10. Scritto da rico

    l’aeroporto di Orio al serio ha da tempo definito la propria strategia e non ha certamente bisogno dell’aiuto dello stato che per altro non è mai stato richiesto

  11. Scritto da chiedalsuocapo

    ma che bravo sto lupi… e’ stato in un governo che ha utilizzato gli aereoporti per garantirsi il sostegno in parlamento (es. aeroporto di bolzano, aeroporti del sud) ed ora viene a fare il “verginello” risolutore di problemi che loro stesso hanno creato per i propri interessi di partito, potere e cadreghe!! Che buffo paese l’italia, affidiamo la nostra guarigione agli stessi dottori che ci hanno portato quasi alla morte…

  12. Scritto da Andrea

    prima li inserisce nel piano nazionale e poi afferma che sono troppi…la coerenza…