BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’ubiquità dei candidati dell’Italia dei Valori In lista in tre Comuni

I candidati del'Italia dei Valori in Bergamasca hanno il dono dell'ubiquità. E' l'unico modo per spiegare la presenza contemporanea di molti esponenti del partito di Di Pietro in liste di più Comuni al voto. Non un caso singolo, ma l'applicazione sistematica della clonazione nominale negli elenchi presentati a Bergamo, Seriate, Dalmine. Tre realtà complesse e diverse, ma con i medesimi candidati, evidentemente dotati di una passione civica sconfinata oppure (è più probabile) obbligati a fare numero.

I candidati del’Italia dei Valori in Bergamasca hanno il dono dell’ubiquità. E’ l’unico modo per spiegare la presenza contemporanea di molti esponenti del partito di Di Pietro in liste di più Comuni al voto. Non un caso singolo, ma l’applicazione sistematica della clonazione nominale negli elenchi presentati a Bergamo, Seriate, Dalmine. Tre realtà complesse e diverse, ma con i medesimi candidati, evidentemente dotati di una passione civica sconfinata oppure (è più probabile) obbligati a fare numero.

Qualche esempio? In nove sono candidati sia a Bergamo che a Dalmine: Luigi Zampetti, Fantini Ylenia Sara, Pizzaballa Gabriele, Kazzou Nour Eddine, Secomandi Lucia, Testa Maria Grazia, Corna Luana, Brembilla Elisa, Santoro Giuseppe. 

Sette invece sono candidati a Bergamo e a Seriate: Elena Arrigoni, Antonia Biamonte, Francesco Neri, Andrea Valsecchi, Ghisleni Anna Gloria, Valentina Grasso, Elena Messina.

Il tutto con buona pace dei candidati sindaci sostenuti nelle tre città: Giorgio Gori a Bergamo, Lorella Alessio a Dalmine e Stefania Pellicano a Seriate, tutti esponenti del centrosinistra. L’Italia dei Valori ci prova comunque, nonostante le difficoltà politiche attraversate negli ultimi mesi, e l’esplosione del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo che ha risucchiato migliaia di voti ai dipietristi. Succederà anche per le tre liste in lizza alle Amministrative? Di solito la competizione comunale è più legata alla persona rispetto che al partito. Un fattore che di certo non può aiutare i tanti candidati “doppi” sfoderati dall’Idv.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sten

    Non pochi ma buoni ma pochi è buoni per tutte le stagioni … Prezzemolini …

  2. Scritto da ricorda silvio

    forse non vi ricordate Silvio capolista i tutte le circoscrizioni per le ultime europee pur essendo già parlamentare italiano e nemmeno ve lo ricordate capolista in svariate circoscrizioni per le elezioni politiche. Ma de che state scrivendo?

  3. Scritto da Elena

    Molto meglio loro di tanti che lo fanno per la CAREGA

  4. Scritto da Lucia

    Fate i giornalisti attenti ma non sapete che il simbolo è cambiato?! Si, esiste e si è riformata nuova e pulita. E lo dimostra il fatto che l’unica critica che potete muoverci è questa. Vero. Siamo in pochi ma buoni!

    1. Scritto da piergiorgio

      ma con che serietà vi candidati se ammettete di essere “troppo pochi”? non ve l’ha prescritto il dottore di essere presenti nin ogni coalizione