BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cinque bergamaschi al Giro E il 25 maggio la tappa in città e provincia

Parte venerdì 9 maggio da Belfast la 97esima edizione del Giro d'Italia: pochi i big al via, con il colombiano Nairo Quintana e lo spagnolo Joaquim Rodriguez assoluti favoriti per la vittoria finale. Cinque i bergamaschi al nastro di partenza. Giro in terra orobica il 25 maggio, per la 15esima tappa.

Da Belfast a Trieste, attraversando l’Irlanda e tutta la penisola in 21 tappe e 3.449,9 chilometri: scatta venerdì 9 maggio la 97esima edizione del Giro d’Italia che vedrà in gara 22 squadre e 198 partecipanti.

Mancheranno, però, tanti big, a partire dal campione uscente Vincenzo Nibali, Bradley Wiggins, Chris Froome e Alberto Contador che saranno tutti protagonisti sulle strade del Tour de France.

Dopo il ritiro dello scorso anno ci riproverà, invece, il canadese Ryder Hesjedal, vincitore della corsa rosa nel 2012, e capitano della Garmin Sharp; ma i veri favoriti del Giro 2014 sono il colombiano della Movistar Nairo Quintana, secondo all’ultima edizione del Tour de France, e lo spagnolo della Katusha Joaquim “Purito” Rodriguez.

Alle loro spalle impossibile non citare il colombiano Rigoberto Uran, dell’Omega Pharma Lotto, e Cadel Evans, capitano della Bmc che in salita potrà contare sulla gamba di Samuel Sanchez, rispettivamente secondo e terzo lo scorso anno al Giro. Un occhio anche ai due irlandesi Nicholas Roche e Daniel Martin, a Ivan Basso e a Damiano Cunego anche se partono tutti molto dietro ai favoriti. Attenzione anche al polacco Rafal Majka, settimo nella generale della scorsa edizione.

L’Astana, senza Nibali, ripone tutte le proprie speranze nei pedali di Michele Scarponi e di Fabio Aru: se il primo ha già vinto un Giro, lo scalatore sardo cresciuto nelle giovanili del Team Palazzago può essere una grande sorpresa.

Oltre ad Aru sono 4 i portacolori di Bergamo al via di Belfast: si tratta di Paolo Tiralongo, sempre dell’Astana, siciliano di nascita ma bergamasco d’adozione; Enrico Barbin, trevigliese della Bardiani; Mattia Cattaneo della Lampre Merida e il l’ex gioiellino del Team Colpack, ora alla Cannondale, Davide Villella, originario di Sant’Omobono Terme.

Per vedere la corsa rosa sulle nostre strade bisognerà attendere fino alla 15esima tappa del 25 maggio, quella che da Valdengo porta a Plan di Montecampione dopo 225 chilometri: oltre 62 quelli in terra orobica, passando da Brembate, Osio Sotto, Lallio, Bergamo, Seriate, Albano Sant’Alessandro, Trescore Balneario, Borgo di Terzo, Casazza, Spinone al Lago, Endine Gaiano, Pianico, Lovere, Costa Volpino e Rogno.

Di bergamasco ci sarà il servizio corse, affidato anche per questa edizione alla Vittoria di Madone.

Tra i forfait importanti da segnalare quello di Mark Cavendish, alle prese con la preparazione del Tour, che apre spiragli importanti per gli altri sprinter: nel 2013 “Cannonball” ha dominato ogni singolo sprint, chiudendo a 5 vittorie. Le volate si annunciano dunque più equilibrate: Bouhanni, Farrar, Kittel, Petacchi e Viviani saranno sicuramente tra i protagonisti.

Curiosità: dopo l’assenza dello scorso anno, torna il numero 108, quello che fu del belga Wouter Weylandt, scomparso in un incidente mortale al Giro del 2011.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario

    mi sembra che la nostra Provincia sia abbastanza eclusa da questa competizione sportiva…Soldi ?