BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Miracolo riconosciuto: anche Paolo VI sarà beato

E' stato riconosciuto dalla Congregazione per le Cause dei Santi il miracolo attribuito all'intercessione: la guarigione inspiegabile di un bambino non ancora nato. La data prevista è il 19 ottobre, a conclusione del Sinodo

Più informazioni su

Paolo VI sarà Beato. E’ stato riconosciuto dalla Congregazione per le Cause dei Santi il miracolo attribuito all’intercessione: la guarigione inspiegabile di un bambino non ancora nato. La data prevista è il 19 ottobre, a conclusione del Sinodo, anche se non si esclude per l’inizio del 2015. Il prefetto per la Congregazione delle Cause dei Santi, cardinale Angelo Amato, dovrà ora andare dal Papa per la promulgazione del decreto.

A pochi giorni dalla canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, dunque, un altro Pontefice degli ultimi decenni, il continuatore del Concilio, sta per assurgere all’onore degli altari per decisione di papa Francesco. Il calendario per la canonizzazione di Montini sarebbe già in gran parte stabilito: la beatificazione è attesa per il 19 ottobre, a conclusione del Sinodo dei Vescovi, come ulteriore riconoscimento per il Papa che l’ha istituito, mentre la successiva fase per la proclamazione della santità – anche qui per volontà di Bergoglio – dovrebbe avere un iter molto breve. Già si prevede che la canonizzazione potrebbe avvenire nel giugno 2015.

Era stato Benedetto XVI a riconoscere le "virtù eroiche" di papa Montini il 20 dicembre 2012. A quel punto serviva il riconoscimento di un miracolo per sancire la beatificazione, un iter che ha avuto un’ulteriore accelerazione con il pontificato di Francesco. Il miracolo preso in esame, proposto dal postulatore padre Antonio Marrazzo, è stato la guarigione avvenuta negli Stati Uniti nel 2001 di un feto che al quinto mese di gravidanza si trovava in condizioni critiche per la rottura della vescica fetale, la presenza di liquido nell’addome, l’assenza di liquido nel sacco amniotico.

Tanto che la diagnosi aveva messo in previsione la morte del piccolo nel grembo materno, o di gravissime malformazioni future, e aveva consigliato anche la possibilità di un’interruzione di gravidanza. La mamma però rifiutò e, su suggerimento di una suora italiana che l’aveva conosciuto, si rivolse nella preghiera all’intercessione di Montini.

Successive analisi mostrarono il miglioramento della situazione e la nascita avvenne all’ottavo mese con parto cesareo, col neonato in buone condizioni generali. La salute del bambino, ora diventato adolescente, è stata poi costantemente monitorata. Il 12 dicembre scorso la consulta medica del dicastero per le Cause dei Santi ha certificato l’inspiegabilità della guarigione, mentre il 18 febbraio i teologi della Congregazione hanno riconosciuto l’intercessione di Montini. Oggi la conferma definitiva da parte del consesso dei cardinali e vescovi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Brembilla

    Come ho già avuto modo di scrivere in occasione della canonizzazione di Papa Giovanni, credo che con questo atto, (peraltro documentato da un miracolo riconosciuto da una Commissione composta anche da non credenti) si metta in giusto risalto una figura importante ed unica che, con coraggio, continuò e concluse il Concilio. Meno amato di Papa Giovanni ma non per questo meno grande. I credenti esultano, i non credenti lascino che la Chiesa faccia il suo compito. Poi la critica è sempre ammessa.

    1. Scritto da lotty

      Casi come quello del presunto miracolo sono avvenuti e avvengono con un esito finale positivo grazie alle cure mediche. Mi spieghi perchè se il feto ha la sindrome di Down o è celebroleso non ci sono rimedi che tengano.

  2. Scritto da sepp

    il fatto che si beatifichino l´un l´altro è segno di una crisi (lenta ma inesorabile) che porterà presto la chiesa cattolica alla completa insignificanza nei paesi sviluppati e a un ruolo comunque marginale in quelli sottosviluppati (tra cui conto anche l´Italia.

  3. Scritto da gigi

    che fine hanno fatto i Santi persone comuni ? Essere Papa si e’ in pole position per diventarlo, troppo facile

    1. Scritto da andrea

      Infatti si chiama Santo Padre… Già nel 1400 Lutero criticò la Chiesa di Pietro trasformata in un mercato dell indulgenze (tu paghi, la Chiesa ti assolve) ora i tempi stanno tornando maturi per una nuova riforma protestante (da pro testus cioè riavvicinare la Chiesa al testo sacro originario)

  4. Scritto da mario59

    Certo che l’idolatria negli ultimi tempi ha preso molto bene nella chiesa cattolica…hanno appena santificato due papi, e subito sotto un altro a percorrere la strada della beatificazione…si capisce che i cattolici bresciani che contano, si sono fatti sentire da chi si deve.. a sto punto, in quattro e quattr’otto è saltato fuori il miracolo che serviva, per continuare con l’idolatria.

  5. Scritto da sepp

    paese di beghine e bigotti… e poi ci si domanda anche perché l´Italia faccia fatica a stare dietro ai paesi più sviluppati… solo la storia e la geologia ci tengono attaccati all´Europa…

  6. Scritto da aldo

    io da ateo mi chiedo invece perche’ tante persone, tra cui bimbi, si ammalano e scompaiono, perche’ non “meritano” la presunta guarigione, che avranno fatto di male, soprattutto i piccoli per non essere considerati….

    1. Scritto da mario59

      Da un ateo come te..posso dirti che molto probabilmente ti rispoderebbero, che quelle sono cose che la mente umana non è in grado di capire.