BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ciao bancomat, pronti a pagare con il cellulare

L'utente avrà sulla sim i dati della propria carta di credito. Dovrà avvicinare il cellulare al lettore Pos contactless dell'esercente e avvierà così il pagamento. Sotto i 25 euro non è nemmeno necessario digitare il pin.

Più informazioni su

La rivoluzione è qui vicina, quella che ci farà dire dire addio a bancomat, carte di credito e contanti.

Già, a giorni verrà lanciato Vodafone Wallet e fra un paio di mesi di Tim Wallet: con questi nuovi servizi sarà possibile pagare tramite smartphone in modo analogo a come si fa con una carta di credito contactless.

L’utente avrà sulla sim i dati della propria carta di credito. Dovrà avvicinare il cellulare al lettore Pos contactless dell’esercente e avvierà così il pagamento. Sotto i 25 euro non è nemmeno necessario digitare il pin.

Al momento ci sono 150 mila Pos contactless in Italia.

Cosa serve? Servono smartphone con tecnologia Nfc (trasferimento dati su onde radio a corto raggio). Ce ne sono circa 9 milioni in circolazione in Italia. Il sistema cambia a seconda del gestore che abbiamo.

Una volta accertato di avere uno smartphone Nfc, ci si potrà rivolgere a un punto vendita di uno degli operatori che supportano questo servizio.

Con Telecom Italia e Vodafone dovremo scaricare un’app (Tim Wallet e Vodafone Wallet) che ci chiederà d’inserire i dati della carta di credito, di una delle banche con cui questi operatori avranno fatto accordi. Al lancio saranno supportate solo Tim SmartPay (Visa) e Vodafone SmartPass Nfc (Mastercard), entrambe prepagate.

La sim di Poste italiane sarà invece collegata automaticamente al conto Bancoposta dell’utente.

Un’altra via di attivazione è andare in uno sportello di una banca che supporta il servizio. Al momento lo fornisce Intesa San Paolo, con una propria app (Move and Pay). Per ora funziona con la sua carta prepagata contactless e le sim Tim e Noverca.

Gli operatori mobili stanno stringendo accordi in modo da supportare le carte di credito delle principali banche entro fine anno; sia di Visa sia di Mastercard.

In prima fila ci sono Banca Mediolanum, Bnl Gruppo Bnp Paribas, Ubi Banca, oltre a Intesa San Paolo.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da barny

    e WIND?