BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bolgare, bimbo di un anno rischia di soffocare: una donna gli salva la vita

Consuelo Dragone, una 26enne madre di due figli, con il suo provvidenziale intervento è riuscita a salvare la vita a un bambino tedesco che aveva inghiottito un pacchetto di fazzoletti di carta: "La cosa che più mi ha commossa era la sorellina di questo bimbo che mi diceva 'poverino aiutalo il mio fratellino'"

Senza pensarci due volte si è resa protagonista di un gesto eroico, salvando la vita a un bambino di un anno. Tutto è successo domenica pomeriggio 4 maggio, nel cortile di un condominio di via Al santuario.

Consuelo Dragone, una 26enne madre di due figli, con il suo provvidenziale intervento è riuscita a salvare la vita ad un bambino che stava soffocando: "Eravamo giù in cortile, dove solitamente passo i pomeriggi con i miei figli e alcuni bimbi del condominio – ha raccontato la donna a QuiBolgare – . Una mamma era li con il suo bimbo di un anno e improvvisamente l’ho sentito piangere. Allora d’istinto mi sono avvicinata per chiedere a sua madre cosa fosse successo e lei, tedesca, nel suo italiano stentato mi ha detto che non si sentiva bene".

Attimi di tensione, ma la donna non si è persa d’animo: "Ho visto quel bambino: era viola e respirava a fatica. Allora l’ho preso in braccio e gli ho aperto la bocca. In quel momento ho visto che in gola aveva un pezzo di plastica: era un pacchetto di fazzoletti di carta vuoto".

Senza pensarci un attimo è quindi subito intervenuta: "L’ho capovolto dandogli dei colpetti dietro la schiena, ma non succedeva nulla. Probabilmente la plastica era bagnata e si era appiccicata in gola. A quel punto vedevo che respirava sempre più male ho detto alla mamma di toglierlo, ma lei aveva paura e mi ha detto di farlo a me. In quel momento mi tremavano le gambe, però mi son fatta forza e gli ho messo il dito in bocca riuscendo a estrarre quel pezzo di plastica che lo stava soffocando".

Una brutta storia, però con un lieto fine: "Alla fine il bimbo è scoppiato a piangere e sua mamma non smetteva più di ringraziarmi, mentre io tremavo ancora di paura. Avevo i miei bimbi davanti e in quel momento qualsiasi colore fosse stato quel bimbo io l’avrei fatto.

Sono salita in casa e mentre preparavo la cena sento suonare al campanello la signora: mi ha portato una cesta con della frutta dei dolci. Mi ha fatto piangere perchè non sapeva come esprimersi, visto che non parla bene l’italiano. Ha voluto ringraziarmi così. La cosa che più mi ha commossa era la sorellina di questo bimbo che mi diceva ‘poverino aiutalo il mio fratellino’. Fortunatamente ora il bimbo sta benissimo".

Alcuni cittadini hanno epnsato di chiedere al sindaco Luca Serughetti ache la signora Consuelo sia oggetto di un attestato di ringraziamento da parte dell’amministrazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pietro

    Brava complimenti, hai salvato una vita. Sei un esempio da seguire.

  2. Scritto da Mario

    Abbiamo bisogno di Angeli custodi come Consuelo

  3. Scritto da istruzionivideo

    Qui le istruzioni in un video del 118: https://www.youtube.com/watch?v=1AY34yKQNIc
    Anche io sono d’accordo che dovrebbero rendere obbligatorie delle lezioni di primo soccorso sia a chi prende la patente sia ai genitori di bimbi piccoli. Ci obbligano ad imparare e fare tante cose “inutili” mentre quelle che possono salvare delle vite umane sembrano non interessare a nessuno.

  4. Scritto da Daniele

    Complimenti alla signora per il suo sangue freddo, occhio però che in caso di ostruzione delle vie aeree la teoria dice di non infilare MAI dita in gola per il rischio di infilare il corpo ancor più giù per la trachea! L’unica manovra sicura è quella di Heimlich che però non tutti sanno fare (nonostante sia molto semplice) sopratutto sui bambini…

    1. Scritto da Anna

      Talmente tanto semplice che non può sprecare due righe per spiegarcela (al di là della dottissima, forbita e corretta denominazione)? Grazie. Anna

      1. Scritto da Ismaele

        Può trovare molte indicazioni sul sito

        http://www.manovredisostruzionepediatriche.com

        o chiedere alla Croce Rossa dove e quando sono previsti i corsi che preparano gli adulti ad agire correttamente in casi come questo.
        Is.

      2. Scritto da Daniele

        Guardi Anna che non stavo criticando nessuno… la manovra di Heimlich è semplice da eseguire, una volta che la si è vista fare da un operatore sanitario e provata in sua presenza, io la so fare perché per varie ragioni ho seguito diversi corsi di primo soccorso, ma ci sono moltissime persone a cui non capita praticamente mai la possibilità di frequentarne uno. Pensi che negli USA il primo soccorso ed il BLS fanno parte della prova d’esame per ottenere la patente di guida.

        1. Scritto da Laura

          non si può spiegare a voce, la manovra è molto semplice, ma bisogna che venga mostrata per imparare, non si può spiegare a voce. Avevo seguito un corso quando mio figlio era piccolo per essere pronta in caso di bisogno.

        2. Scritto da Anna

          Da Wikipedia: “Esecuzione della manovra di Heimlich: In breve, una persona esegue la manovra di Heimlich utilizzando le mani per esercitare una pressione sotto il diaframma. Ciò provoca anche la compressione dei polmoni e a sua volta esercita una pressione su qualsiasi oggetto si trovi nella trachea, con lo scopo di provocarne l’espulsione. In sostanza ciò rappresenta un potente e artificiale colpo di tosse.” Grazie a tutti. Anna

          1. Scritto da Daniele

            Sì però non è così semplice :D la pressione va eseguita in un modo specifico, mettendosi in piedi dietro il soggetto e con entrambe le mani, come abbiamo già detto io e il signore sopra è meglio impararla da un professionista, specialmente se la si vuole eseguire su un bambino perché si rischia di provocargli involontariamente fratture al torace o schiacciamento degli organi!

          2. Scritto da Anna

            Chiaro! Siamo su un blog, tutto è relativo e parametrato a questa location elettronica, chiaramente. Mica posso pretendere che qualcuno mi si mostri fisicamente ad erudirmi… Se poi i fazzoletti venissero usati per soffiarsi il naso e non ficcandoseli in gola, avremmo risolto tutto alla radice ;-)

          3. Scritto da Lorenzo

            Le sue risposte mi sembrano insolenti, magari pensa di essere simpatica. Complimenti al signor Daniele.

          4. Scritto da Anna

            Complimenti e infiniti ringraziamenti a Consuelo, che, senza corsi o attestati ha fatto ciò che poteva: ha salvato un bambino che stava morendo! Avrebbe potuto sbagliare, ma il bimbo era già di suo più di là che di qua… non è che potesse peggiorare molto “non eseguendo correttamente la manovra di Heimlich”. Bravo anche Daniele nelle teorie! Nel corso di primo soccorso, ti dicono che anche un massaggio cardiaco imperfetto (frattura costole -non siamo medici-) è sempre meglio di una morte!

  5. Scritto da residente

    Signora lei è stata bravissima!
    Grazie!

  6. Scritto da Floriano

    Mitica!