BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Infrastrutture Lombarde: bocciata la domanda di Di Pietro, “inidoneo”

Non è idoneo: lo dice la giunta della Regione Lombardia che ha varato la lista di chi è inm pista per la direzione generale di Infrastrutture Lombarde, dopo l'arresto di Antonio Rognoni, il dirigente uscente. Il bergamasco Antonio Di Pietro, magistrato di punta del pool Mani Pulite, era tra i 98 che hanno presentato curriculum e domanda, ma è stato depennato.

Più informazioni su

Non è idoneo: lo dice la giunta della Regione Lombardia che ha varato la lista di chi è inm pista per la direzione generale di Infrastrutture Lombarde, dopo l’arresto di Antonio Rognoni, il dirigente uscente. Il bergamasco Antonio Di Pietro, magistrato di punta del pool Mani Pulite, era tra i 98 che hanno presentato curriculum e domanda, ma è stato depennato e nei 26 idonei lui non c’è.

La sua candidatura è stata bocciata dall’esecutivo di Roberto Maroni perché non in possesso del requisito di "aver ricoperto per almeno dieci anni un incarico di dirigente apicale in un’azienda privata o pubblica".

Lui comunque, Tonino, leader dell’Italia dei valori, l’ha presa con filosofia: "Avendo fatto anche il ministro dei Lavori pubblici pensavo e penso di avere tutti i requisiti — ha commentato — Ne prendo atto senza alcuna polemica. Faccio i miei auguri a chi sarà nominato e mi auguro che sia una persona competente e con le mani pulite".

La nomina del nuovo direttore di Infrastrutture Lombarde, in realtà, arriverà solo dopo il via libera politico dei partiti della maggioranza di centrodestra che governano la Lombardia che allo stato devono ancora trovare l’accordo su questa come su altre nomine.

Come il nuovo vertice di Arca, l’Azienda regionale centrale acquisti, e l’annunciato completamento del riassetto delle direzioni generali della presidenza della Regione. Dove acquista sempre più peso Nerva Brisa, un passato di sinistra prima di essere folgorata sulla via di Comunione e Liberazione.

La direzione di Infrastrutture Lombarde è un ruolo chiave perché il braccio operativo della Regione gestisce alcuni appalti del cantiere di Expo 2015.

Maroni preme perché al posto di Rognoni venga nominato un suo uomo, ma Forza Italia fa sapere di non essere disposta a cedere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pluto

    In Italia un posto per un politico disoccupato si trova sempre. La sfortuna tocca sempre a chi non e’ politico. Si ritirasse a coltivare la terra che gli fabene pure alla salute.

  2. Scritto da cosi' e'

    Polemico condivido il suo pensiero,mentre sul fatto che il Sig.Dipietro non abbia scheletri nell’armadio,sig.Pino si vede che non conosce la storia..

    1. Scritto da Pino

      Visto che lei la sa lunga mi sa dire a quali scandali ha dato luogo Di Pietro da Ministro ? ZERO e direi ottimo sulla questione autostrade. SE vuole invece le elenco quelli di altri ministri che magari lei conosce meglio. Quanto al resto mi può citare le condanne ? ZERO , smetta di leggere certi giornacoli .

      1. Scritto da il polemico

        allora facci capire,se una persona trama non da ministro,è diverso se fa trama da ministro…..è rimasto talmente poco che se nell’eventualità ci fosse stata l’occasione,non ha avuto il tempo di approfittarne….si informi su come ha avuto la sua casa di curno

        1. Scritto da Pino

          Non devo far capire niente , leggi il mio intervento che parla del “da ministro” e del “non da ministro” . Punto, se hai notizia di condanne citale (non puoi) diversamente se sei contento nel leggere certi giornaletti …… vedi tu . Non sono per niente un suo elettore ma certi atteggiamenti li trovo davvero scorretti.

          1. Scritto da Patrizio

            Signor Pino, certi atteggiamenti non sono solo scorretti ma vengono imboccati dai delinquenti che parlano in televisione anche se sono condannati non vanno in galera anche se in un colpo solo ha rubato 300 milione di euro agli Italiani, è ai lavori sociali, che presa in giro, qualcuno l’ha votato ma lo voterebbero ancora. La situazione Italiana colpa dei cittadini che hanno votato i peggiori. Non ci sono politici che hanno la sufficienza! Ma questi hanno zero.

  3. Scritto da dario

    sconcertante. Si sapeva che la destra è stata sempre contro ……prendendo atto che lo è anche la sinistra, sinistra per modo di dire.
    Questa è l italia degli inciuci che accetta solo chi si prostituisce al volere delle segreterie partitiche come il porcellum.
    Ma non cambia mai niente…..che ci faccio in Italia.

  4. Scritto da il polemico

    ha fatto il ministro per alcuni mesi,prima di essere trombato dai suoi compagni di avventura del pd…si è costruito un impero immobiliare grazie alla politica,e grazie al suo partito è riuscito a comperarsi degli immobili con mutuo,che ha prontamente affittato al suo partito e che con l’affitto che riceve si paga il mutuo.più che competenza,è molto scaltro.e poi se il regolamento parla di 10 anni da dirigente,lui chi è per baipassare questo quesito?

    1. Scritto da Pino

      Non è delle mie idee politiche ma con la gente che mettete voi in certi posti sarebbe stato tanta manna !!!! Dire che non ha le competenze ad uno che di quel tema ha fatto il ministro piuttosto bene e ….. udite udite, senza scandali è semplicemente ridicolo.