BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Panchine, Spitalieri in caso di elezioni si deve dimettere”

Sul blitz del candidato Consigliere di Patto Civico Gianluca Spitalieri contro le panchine anti-clochard interviene Stefano Benigni, Coordinatore Regionale dei Giovani di Forza Italia e candidato a Consigliere comunale a Bergamo per Forza Italia: «In questi ultimi giorni abbiamo sperato che il candidato sindaco Giorgio Gori sconfessasse il suo aspirante consigliere".

Sul blitz del candidato Consigliere di Patto Civico Gianluca Spitalieri contro le panchine anti-clochard interviene Stefano Benigni, Coordinatore Regionale dei Giovani di Forza Italia e candidato a Consigliere comunale a Bergamo per Forza Italia: «In questi ultimi giorni abbiamo sperato che il candidato sindaco Giorgio Gori sconfessasse il suo aspirante consigliere che, in versione “uomo bricolage”, si è divertito a smontare un paio di braccioli dalle nuove panchine di viale Papa Giovanni XXIII solo per guadagnarsi un po’ di pubblicità gratuita in vista delle elezioni – dichiara Benigni – Pubblicità solo per se stesso visto che, ricordo, le panchine sono state pagate dai cittadini di Bergamo. Purtroppo la nostra è stata una speranza disattesa. Se queste sono le premesse (e siamo solo in campagna elettorale) non oso immaginare come diventerà Bergamo in caso di vittoria del centrosinistra. Tutto ciò mi fa tornare alla mente alcuni episodi accaduti quando il Sindaco di Bergamo era ancora Roberto Bruni: in quel quinquennio abbiamo dovuto fare i conti con assessori – come Rustico ed Amorino – che scendevano in piazza a fianco dei centri sociali mentre questi deturpavano la nostra città – continua Benigni – Ci aspettiamo quindi che Gori si scusi con i cittadini di Bergamo per le azioni del suo candidato, che non esito a definire vandalo, e lo vincoli con impegno formale a rinunciare alla carica di consigliere in caso di elezione. Chi si diletta a smontare proprietà pubbliche è giusto che ne risponda nelle opportune sedi» conclude Stefano Benigni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sten

    Benigni chi ?

  2. Scritto da il polemico

    la giunta dice che ha messo i famosi ferri per evitare che in pieno giorno gli ubriachi o peggio ,possano occuparla sdraiandovi sopra con la bottiglia in mano e farsi i loro comodi,gli oppositori dicono che è una vergogna per bergamo avere panche con dei ferri che impediscano agli ubriaconi o peggio di sdraiarsi con la bottiglia in mano e farsi i loro comodi,a questo punto sarebbe meglio toglierle,ma poi gori dove andrebbe a mangiarsi la banana??atroce quesito

  3. Scritto da Simone Paganoni

    Così parlò colui che affisse i suoi cartelli elettorali in maniera abusiva. Il bue che da del cornuto all’asino…

    1. Scritto da x))

      Questa ci sta perfetta! :-)

  4. Scritto da facia de tola

    La predica da uno che mette i manifesti elettorali prima che siano autorizzati, e sui cartelloni vietati (e in compagnia di un pregiudicato) Che rappresenta un’amministrazione che butta i soldi di “tutti”per mettere degli orrendi ferri sulle panchine a pochi giorni dalle elezioni solo per far campagna elettorale. Lui non dovrebbe neanche presentarsi alle elezioni…