BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Palermo, Bergamo Cambia: non c’invitano ai dibattiti? Stiamo tra la gente

Andrea Palermo, candidato sindaco per la lista Bergamo Cambia, interviene sulla polemica circa i dibattiti pubblici della campagna elettorale a cui sono invitate solo alcune delle persone in pista per guidare la città. A differenza di Rocco Gargano (L'Altra Bergamo) non si risente del fatto d'essere snobbato da associazioni e gruppi: "Continuerò a fare la mia campagna tra la gente".

Più informazioni su

Andrea Palermo, candidato sindaco per la lista Bergamo Cambia, interviene sulla polemica circa i dibattiti pubblici della campagna elettorale a cui sono invitate solo alcune delle persone in pista per guidare la città. A differenza di Rocco Gargano (L’Altra Bergamo) non si risente del fatto d’essere snobbato da associazioni e gruppi: "Continuerò a fare la mia campagna tra la gente".

Gentile Redazione,

mi permetto di dire la mia sulla querelle che sta interessando i candidati sindaci di questa tornata elettorale e che potrei riassumere in “chi viene invitato e dove”.

Personalmente non sono ne offeso ne risentito, anche se in una democrazia (termine oramai svuotato del suo bellissimo significato) i comportamenti dovrebbero essere diversi.

Ancora adesso rispondo con iniziale stupore a qualche giornalista che mi chiama per raccogliere la mia opinione su argomenti di pubblico interesse. Diciamo che a non essere considerato ci sono abituato.

Abito in periferia, quartiere di Boccaleone, quella periferia che da tempo accoglie silenziosamente tutto ciò che questa città non vuole vedere, immigrati, tossicodipendenti, disperati in genere e che in cambio non ha mai ricevuto nulla, in termini di servizi e sicurezza.

Questa lista civica che mi ha indicato come “capitano” e che rappresento con personale orgoglio, nasce per un motivo preciso: la totale mancanza di fiducia nei confronti di chi fa politica cercando di essere il più inclusivo possibile ma che alla fine esclude tutti, perché gli interessi sono altri.

Spesso mi sono chiesto se i muri della Sala Consiliare di questo Comune emanino sostanze nocive, perché è inspiegabile tanto divario tra le promesse fatte in campagna elettorale e quello che poi viene realizzato.

Quest’anno i candidati sono sei, c’è l’imbarazzo della scelta ma sono sicuro che chi è chiamato alle urne eleggerà il migliore tra i sei.

Inviti o meno, continueremo a fare la nostra campagna elettorale ascoltando i nostri vicini di casa, frequentando associazioni o andando al mercato, cose che facciamo da sempre e non perché ci sono le elezioni.

Cordialmente

Andrea Palermo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MARCO ARLATI

    TANTO PER CAMBIARE QUESTA SITUAZIONE CONTINUA. ho ricevuto su facebook un invito per un confronto “GIOVANI candidati al Consiglio comunale a confronto” organizzato da LAB 3G – Giovani x Giorgio Gori. ovviamente invitati 6 persone, 2 per lista, in tutto 3 liste, le principali. Gli altri 3 ancora una volta esclusi! Pieno legittimità di organizzare come si vuole un incontro e di invitare chi si vuole, però 6 invitati, ma solo 3 candidati sindaci rappresentati denota una mancanza di DEMOCRAZIA

  2. Scritto da Rossella

    Quello che spiace è l’atteggiamento dei Grillini.
    Urlavano sino a ieri per la democrazia diretta e la partecipazione. Appena sono entrati nel club dei tre candidati considerati dai poteri forti, della democrazia se ne sono dimenticati subito.
    Meno male che Gargano ha protestato a viva voce, speriamo che da ora in poi ci invitino anche a noi.

  3. Scritto da Claudia

    Andrea hai ragione da vendere. Se sei sono i candidati, sei devono essere le persone invitate e ascoltate. Conosco la tua tenacia e la tua determinazione e ho sempre ammirato la tua “franchezza”, chi decide chi invitare? Io andrei a fondo e chiederei scuse formali.
    Con stima.

  4. Scritto da Teresa

    Mi unisco a Giorgio: Siamo proprio una lista pane e salame e sono moooolto orgogliosa di farne parte, grazie Andrea, grazie a tutta la stupenda squadra di Bergamo Cambia